ECCO LA VW I.D.R CHE SFIDERA’ PIKES PEAK!

2947 0

Da 0 a 100 km/h in 2,35″, 680CV e la sfida del Pikes Peak. Volkswagen sfida un altro record con una vettura unica e è forte di una grande attenzione al bilanciamento globale, La sfida il prossimo giugno…

Una nuova era per Volkswagen nel mondo del Motorsport: il marchio tedesco ha presentato la sua super sportiva completamente elettrica, l’I.D. R Pikes Peak. Con una potenza di 500 kW (680 PS), 650 Nm di coppia ed un peso inferiore a 1.100 kg, la super sportiva affronterà l’iconica salita di Pikes Peak a Colorado Springs, USA, il 24 giugno 2018.

L’obiettivo è battere l’esistente record di 8: 57.118 minuti per auto elettriche alla “Race to the Clouds”. Per raggiungere questo obiettivo, l’I.D. R Pikes Peak si sposterà positivamente nel futuro: da 0 a 100 km / h in 2,25 secondi, il che significa che è più veloce rispetto alle auto di Formula 1 e di Formula E. I.D. R Pikes Peak è stata presentata ad Alès, in Francia, prima di essere portata in pista per la prima volta al suo debutto.


“L’obiettivo di Volkswagen è raggiungere l’apice dell’elettro-mobilità con la famiglia I.D. In quanto tale, il coinvolgimento di Volkswagen su Pikes Peak non solo definisce la tendenza per il nostro futuro nel Motorsport, ma è anche di grande significato simbolico nel vero senso della parola, spiega Frank Welsch,  Membro del Consiglio di Gestione del marchio Volkswagen Passenger Cars con responsabilità per lo sviluppo – I clienti hanno sempre tratto vantaggio dalle scoperte fatte nel Motorsport e ci aspettiamo di usare questa vettura come impulso prezioso per lo sviluppo del futuro dei modelli I.D. La gara in salita del Pikes Peak sarà sicuramente un vero test hard per la guida elettrica.”

 

“L’auto sembra fantastica e ha attirato interesse anche sui canali dei social e media per alcune settimane – ha dichiarato Jürgen Stackmann, membro del Consiglio di Amministrazione del marchio Volkswagen, Responsabile per le vendite, Marketing e After Sales -. Questo progetto dimostra ancora una volta che Volkswagen è sulla buona strada con la sua strategia di E-mobility e l’introduzione della I.D. family. L’I.D. R Pikes Peak e l’inizio della salita più iconica al mondo per Volkswagen, una magnifica opportunità”.

Obiettivo massimo bilanciamento

L’obiettivo principale nello sviluppo della Volkswagen I.D. R Pikes Peak doveva trovare equilibrio ideale tra capacità energetica e peso. L’obiettivo non era, come di solito accade con le auto da corsa, il massimo delle prestazioni. Il prototipo di Volkswagen per Pikes Peak porta giustamente due sigilli di qualità nel suo nome. La “R”, che è sinonimo di auto performanti. E “I.D.”, simbolo della tecnologia E intelligente di Volkswagen. Come per il sensazionale Golf bimotore che ha assunto la sfida Pikes Peak nel 1985, 1986 e 1987, gli ingegneri hanno optato per una soluzione con due unità di potenza. L’I.D. R Pikes Peak presenta due motori elettrici, che generano una capacità del sistema di 500 kW (680 PS).

Tecnologia della batteria

Come nei veicoli di produzione con motore elettrico, le batterie agli ioni di litio sono utilizzate come sistema di accumulo di energia. C’è una grande richiesta sulle celle della batteria: la loro densità di potenza è il fattore cruciale per il sistema quando si produce alta tensione. A differenza della produzione, l’obiettivo degli ingegneri del Motorsport non era la portata massima, ma la massima potenza possibile sulla vetta del Picco del Pikes Peak.

Circa il 20 percento dell’energia elettrica necessaria viene generata durante il tragitto di 20 km. La chiave qui è il recupero di energia: durante la frenata, i motori elettrici, che in questo caso funzionano come generatori, convertono parte dell’energia di frenata in energia elettrica e la immettono nella batteria. Il programma di test inizia ora.

È una delle sfide peculiari di Pikes Peak: i test sul percorso di 19,99 chilometri della salita in collina a Colorado Springs sono solo molto limitati e possibili solo su alcune sezioni. Per questo motivo, la maggior parte dei test non viene eseguita sulla rotta effettiva, ma sui circuiti di gara. Il programma Pikes Peak di Volkswagen entra di fatto nella fase successiva con la presentazione della vettura ad Alès.

Romain Dumas, vincitore di Le Mans e conquistatore di Pikes Peak

Pilota di livello mondiale e difensore del Pikes Peak, Romain Dumas, sarà al volante della Volkswagen I.D. R Pikes Peak per il tentativo di rompere il record esistente per le auto elettriche. Il 39enne francese ama questo tipo di sfida: oltre a tre vittorie su Pikes Peak, ha anche vinto due volte la 24 ore di Le Mans.

IL TEST, PARERE POSITIVO SUBITO

“È stato assolutamente fantastico vedere l’I.D. R per la prima volta, e portarla fuori per il suo primo giro “, – spiega Romain Dumas, tre volte vincitore della salita in salita su Pikes Peak. “Ciò che la Volkswagen è riuscita a mettere insieme da zero negli ultimi mesi è il mio più grande rispetto. Ovviamente avevo visto le immagini iniziali della macchina, ma è ancora più spettacolare dal vivo! Ora abbiamo davanti a noi un ricco programma di prove e non vedo l’ora che arrivi ogni metro! “

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”