FORMULA E: ECCO LA NUOVA GEN2 DA 250 kW!

3488 0

Eccola finalmente la GEN2, la vettura della rivoluzione nella Formula E che cambierà a breve gare e campionato visto che i piloti potranno correre l’intera gara con una sola vettura. Una vera e tecnologica rivoluzione…

Prima i disegni, poi le immagini velate ed oggi, finalmente, ecco la GEN2 svelata in tutta la sua aggressività ed è pronta al debutto che avverrà a partire nella quinta gara del Campionato FIA ABB Formula E 2018. Rese note anche le specifiche della vettura con la novità più importante ovvero il doppio della capacità energetica da parte della batteria che consentirà a Team e piloti di correre un’intera gara con una sola vettura.

Accanto alla maggiore durata, la potenza massima della vettura è aumentata fino a 250 kW – ovvero un consistente aumento di 50 kW che vedrà la potenziale velocità massima della Formula E raggiungere i 280 km/h. Parte del telaio è il nuovo dispositivo di protezione Halo, insieme ad un’innovativa striscia di illuminazione a LED.

Tutto questo per lo spettacolo ma, soprattutto per il pubblico, visto che i consentiranno ai fan di seguire meglio la strategia della loro squadra o del loro pilota preferita, visto che gli stessi LED indicheranno diverse modalità di alimentazione e altre informazioni relative alla gara.

L’auto Gen2 presenta inoltre il nuovo pneumatico per tutte le stagioni Michelin Pilot Sport, specificamente progettato per le esigenze delle corse con alimentazione elettrica su strada. Non solo è il pneumatico più leggero dei suoi predecessori, ma vanta anche una resistenza al rotolamento significativamente inferiore e un nuovo design grafico.

Il presidente della FIA, Jean Todt, ha spiegato che: “La Formula E Gen2 FIA sembra davvero un’auto del futuro, ed è un’auto per il futuro. È incredibile vedere i progressi compiuti in soli quattro anni: raddoppiare la portata dell’auto e aumentare la potenza è un risultato fantastico. Con il supporto di così tanti produttori, Formula E continuerà a spingere lo sviluppo della tecnologia dei veicoli elettrici, e questa vettura rappresenta un traguardo importante in questo viaggio “.

Il direttore tecnico della FIA, Gilles Simon, aggiunge: “È fantastico mostrare al pubblico la FIA Formula E Gen2. È stato un progetto estremamente collaborativo e vorrei ringraziare tutti alla FIA, e tutti i nostri partner tecnici e fornitori ufficiali per il loro instancabile lavoro per rendere questa vettura una realtà. Il risultato è stato un’auto di cui tutti parlano e che raggiunge tutti gli obiettivi tecnici che abbiamo fissato. La Formula E è una missione affascinante dal punto di vista tecnico: ci offre l’opportunità di creare qualcosa di completamente diverso da qualsiasi altra cosa nel Motorsport, e lo sviluppo di tecnologie innovative in prima linea nella rivoluzione elettrica che sta accadendo nel settore automobilistico è davvero eccitante. Fare qualcosa di più veloce con il doppio dell’efficienza è stata una grande sfida, e penso che sarà molto spettacolare quando scenderà in pista nella quinta stagione “.

Alejandro Agag, fondatore e CEO di Formula E, spiega che: “Questa è la prima volta che vedo l’auto completa ed è ancora più elegante e spettacolare da vicino. Se dovessi disegnare una macchina da corsa da zero e basarla esclusivamente sul suo aspetto, ti verrebbe in mente solo questo disegno. Non solo colpisce alla vista, ma le prestazioni e la gamma mostrano progressi evidenti in termini di sviluppo tecnologico avvenuti in soli quattro anni. Vorrei esprimere i miei personali ringraziamenti alla FIA e al suo presidente Jean Todt, per il loro duro lavoro e il supporto nel mettere insieme e progettare la nostra auto Gen2. Questo modello differenzia visivamente la Formula E da qualsiasi altra monoposto nel Motorsport di oggi. Quando le persone vedranno questa macchina diranno che è la Formula E è il futuro…”

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”