FORMULA E: SANTIAGO TUTTA PER VERGNE

1247 0

A Santiago vittoria e doppietta per TECHEETAH, team privato che si difende. Sul podio Vergne, Lotterer e Buemi. Mahindra fatica con Rosenqvist, che perde la leadership campionato…

Un ritrovato protagonista nella Formula E, Jean-Eric Vergne che ha respinto il compagno di squadra Andre Lotterer in una lenta ma decisiva lotta sulle strade di Santiago per agguantare la sua seconda vittoria in Formula E, le prime due nella storia della formula “full elettrica”.

Sul podio oltre ai piloti TECHEETAH c’era Sebastien Buemi: Buemi e Bird (quinto posto e bonus per miglior giro in gara) hanno replicato il loro duello visto a Marrakesh nella battaglia per il quarto posto, mentre Rosenqvist – arrivato a Santiago come leader dei punti e vincitore delle ultime due gare – è partito solo al 14° posto dopo una sessione di qualifiche abbastanza cupa, ma ha recuperato punti con la sua quarta posizione.

In effetti Mahindra ha vissuto una situazione particolare a Santiago del Cile: ma ora la scuderia indiana si trova al secondo posto in entrambe le graduatorie, con uno svantaggio di cinque punti per Felix Rosenqvist nei confronti del nuovo leader Jean-Éric Vergne, e di soli due punti per Mahindra Racing dal team Techeetah. La situazione è comunque molto fluida con diverse squadre che possono ambire al successo finale, e il campionato è ancora lungo.

Jean-Eric Vergne, TECHEETAH, 1° posto: “La gara è stata fantastica per me oggi, mi sono qualificato primo e ho vinto la gara, un risultato che non può essere migliore. Penso che il primo stint sia stato davvero buono… È stata una gara leale, anche se ad un certo punto ci siamo scontrati ma non c’era nulla che potessimo fare, ho deciso di entrare in staccata e lui è andato in modo diverso quindi ci siamo solo scontrati. Penso che in realtà abbiamo bloccato otto ruote, quindi siamo stati estremamente fortunati. È il primo uno-due nella storia della Formula E! “


Andre Lotterer, TECHEETAH, 2° posto: “Sono estremamente contento di questa gara – le prime due gare probabilmente sono state peggiori, oltre al fatto che ho provato solo tre giorni a Valencia, quindi ci vorrà tempo. Questi ragazzi hanno molta esperienza e non ci sono cattivi piloti! Ho lavorato duramente, il team mi ha aiutato molto a fare il lavoro nel simulatore, sono davvero felice di essere il compagno di squadra di JEV, perché anche lui mi ha aiutato molto. Ho avuto un buon passo per tutto il weekend, in qualifica è andata bene! Sto ancora trovando la mia guida in macchina, la gara e il sorpasso – è un mondo diverso. Ad un certo punto abbiamo perso la radio, quindi non sapevo quale fosse la strategia, quindi ho provato a sorpassarlo e sono diventato così vicino e quasi non ho fatto la curva, ma è quello che sto ancora imparando, ovvero come calcolare tutto”.


Sebastien Buemi, Renault e. dams, 3° posto: “Prima di tutto, devo fare le congratulazioni a TECHEETAH perché è stato team clienti più veloci di noi oggi, quindi hanno fatto un ottimo lavoro. Per ciò che riguarda noi, penso che avremmo potuto fare meglio, ma ho perso due posizioni all’inizio… Ai pit-stop ho pensato che avrei potuto sorpassare la Jaguar, verso la fine è stato difficile perché ero molto veloce, ma Rosenqvist ha cercato più volte di superarmi, anche se le cose alla fine sono andate diversamente…”

Sébastien Buemi, 3° posto: Abbiamo ottenuto un buon risultato in Cile, con il secondo posto nelle qualifiche e il terzo gradino del podio. Eppure, sono un pò deluso, perché penso che avevamo l’auto giusta per fare un pò di più. Ho perso due posizioni in partenza, e poi un pò di tempo al momento del cambio di monoposto, per non rischiare una penalità. Sono soddisfatto di essere riuscito a resistere a Rosenqvist negli ultimi giri: contrariamente a quanto accaduto a Marrakech, questa volta non è riuscito a passare! Questi quindici punti sono importanti, per me e per la scuderia. Ci proiettiamo ora sul Messico, sperando di fare ancora meglio nella prossima gara“.

Jean-Paul Driot, co-fondatore della scuderia

Il bilancio è positivo per l’équipe, con entrambe le monoposto a punti e un podio per Séb. C’è però un pò di amarezza, perché puntavamo alla vittoria partendo dalla prima fila. La partenza non è stata buona, e neppure le performance del primo cambio auto, che non era al livello previsto e ha gravemente compromesso il risultato della corsa. Ciò nonostante, siamo riusciti a riconquistare un posto per piazzare Séb sul podio e far entrare Nico in zona punti. Da Marrakech, abbiamo dimostrato di essere all’altezza. Le distanze sono più corte rispetto alle stagioni precedenti e bisogna fare un percorso impeccabile per poter puntare alla vittoria. Faremo tutto il possibile per analizzare i dati e comprendere cosa ci è mancato oggi, con l’obiettivo di essere ancora migliori in Messico. Il livello è così elevato che è indispensabile segnare punti ad ogni gara. La regolarità sarà il nostro principale obiettivo per il seguito della campagna sudamericana”».

La quinta tappa del campionato ABB FIA Formula E il prossimo 3 marzo.

LA CLASSIFICA GARA del Antofagasta Minerals Santiago E-Prix

1 – Jean-Eric Vergne, TECHEETAH, 1:01:24.514s (28)

2 – Andre Lotterer, TECHEETAH, +1.154s (18)

3 – Sebastien Buemi, Renault e.dams, +1.959s (15)

4 – Felix Rosenqvist, Mahindra Racing, +2.793s (12)

5 – Sam Bird, DS Virgin Racing, +4.490s (11)

6 – Nelson Piquet Jr, Panasonic Jaguar Racing, +6.364s (8)

7 – Mitch Evans, Panasonic Jaguar Racing, +7.099s (6)

8 – Jerome D’Ambrosio, DRAGON, +13.308s (4)

9 – Antonio Felix da Costa, Andretti Formula E, +14.811s (2)

10 – Nico Prost, Renault e.dams, +21.092s (1)

11 – Tom Blomqvist, Andretti Formula E, +32.924s

12 – Luca Filippi, NIO Formula E Team, +44.127s

13 – Edoardo Mortara, Venturi Formula E Team, +49.398s

14 – Oliver Turvey, NIO Formula E Team, +1:12.282s

Classifica Piloti

Jean-Eric Vergne, TECHEETAH – 71

Felix Rosenqvist, Mahindra Racing – 66

Sam Bird, DS Virgin Racing – 61

Sebastien Buemi, Renault e.dams – 37

Nelson Piquet Jr, Panasonic Jaguar Racing – 33

Classifica Team

TECHEETAH – 89

Mahindra Racing – 87

DS Virgin Racing – 69

Panasonic Jaguar Racing – 54

Renault e.dams – 44

Venturi Formula E Team – 30

Andretti Formula E – 14

Audi Sport ABT Schaeffler – 12

DRAGON – 12

NIO Formula E Team – 9

(Credit/Foto ABB FIA Formula E)