GRESINI MOTO3 SCEGLIE I DISCHI GALFER

679 0

Il Team Del Conca Gresini Moto3 utilizzerà i dischi freno Galfer Racing CW1 nel Campionato del Mondo Moto3 2017, al via il prossimo 26 marzo in Qatar…

Le due Honda NSF250RW, affidate a Fabio Di Giannantonio e Jorge Martin monteranno all’anteriore due dischi flottanti Galfer Racing Wave da 218×4 mm e al posteriore un disco flottante da 190×4 mm. I dischi freno Galfer CW1 sono stati approvati da HRC durante la stagione 2016 e sono quindi utilizzabili sulle Moto3 ufficiali versione 2017 della casa giapponese.

Galfer è un produttore leader nel campo dei materiali da frizione e componenti per sistemi frenanti per auto, moto e bici. Sin dalla fondazione dell’azienda nel 1952, Azienda sempre stata riconosciuta come una realtà in prima linea sul fronte dell’innovazione, della qualità e dell’organizzazione.

Tutti i prodotti  sono sottoposti a rigorosi controlli di qualità per garantirne la massima sicurezza. La filosofia  si fonda su valori che l’hanno portata a diventare leader a livello mondiale nel settore degli impianti frenanti.

Fausto Gresini: “Lo scorso novembre, appena conclusa la stagione 2016, abbiamo effettuato i primi test con i dischi freno GALFER sulle nostre moto e grazie anche al feedback positivo di entrambi i nostri piloti abbiamo potuto verificarne le ottime prestazioni. Nell’ottica di presentarci al via del Campionato del Mondo 2017 ancora più competitivi, abbiamo perciò deciso di iniziare la collaborazione con GALFER. Anche nei recenti test svolti a Valencia i piloti hanno ribadito le stesse positive sensazioni: i dischi GALFER garantiscono un’ottima potenza frenante, offrendo nel contempo una frenata più gestibile. Siamo perciò molto contenti di poter contare sull’appoggio di GALFER in vista dell’inizio della stagione 2017!”.

 

 

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”