MAX BIAGGI PROVA ENERGICA EGO CORSA

1044 0

Max Biaggi al Mugello ha provato la Energica Ego Corsa, l’elettrica che nel 2019 debutterà nella FIM Enel MotoE™ World Cup 2019. Gli è piaciuta un sacco guidarla racconta Max…

Lo scorso fine settimana, Energica Ego Corsa è scesa in pista per il demo lap del Gran Premio d’Italia, sesto appuntamento del Campionato del Mondo FIM MotoGP™ 2018. In sella alla SS elettrica questa volta, Max Biaggi, un pilota che fa sempre notizia, anche se in realtà per Max – questo test – ha rappresentato molto di più…

Così Biaggi si è davvero divertito dopo lo stop forzato in seguito al brutto incidente nel giugno dello scorso anno, qualcosa che Max desidera dimenticare. Lo hanno così accolto più di 100.000 persone tra prato e tribuna e questo per Biaggi è stata una bella emozione, emozione che, come ha sottolineato lo stesso Max, è un qualcosa in cui cimentarsi ancora. Staremo a vedere. Che sia nato un nuovo “amore” per l’elettrico?

“È stato un giro di pista fantastico, come se avessi fatto un tuffo nel passato! Fare il demo lap con centomila persone sugli spalti tutti colorati mi ha riportato alla mente i tempi in cui lottavo per la vittoria in MotoGP, con le varie tifoserie dei piloti poste tra le diverse curve del tracciato, tra le quali c’era la mia alla Casanova-Savelli. Quando ho lasciato la corsia del box e sono partito alla volta della prima staccata, è stata quasi una liberazione: venivo da un anno di assoluto stop dall’uso di qualsiasi tipo di moto, dovuto all’incidente avvenuto il nove giugno dello scorso anno, quasi un anno fa. Questa demo lap è stato molto bello e magari perché no, da rifare!”

Prossima tappa del percorso di avvicinamento alla FIM Enel MotoE™ World Cup 2019 si terrà tra due settimane al Circuit de Montmeló in Catalunya, evento numero 7 della MotoGP; in questa occasione, verrà inoltre testata una versione aggiornata del prototipo MotoE™.

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”