MOTO GP: GRAN LAVORO NEL DAY 2

840 0

Le Yamaha di Vinales e Rossi vanno forte a Sepang nel secondo giorno di test. Bene pure Jack Miller e Crutchlow soprattutto. Lorenzo è quarto, Dovizioso ottavo. Le Honda un po’ attardate…

Il secondo giorno dei test a Sepang trova tutto o quasi soddisfatti. Le due M1 di Vinales e Rossi sono veloci e, la nuova aerodinamica, sembra soddisfare più Valentino. Molto bene pure Carl Crutchlow, terzo a fine del secondo giorno, mentre Jorge Lorenzo sembra ormai “decollato” nella confidenza con la sua GP con Dovizioso sereno e che non ha potuto terminare il suo lavoro.

Le Honda sono dietro tranne quella LCR di Crutchlow: 9° Marquez, 12° Pedrosa mentre i nuovi arrivati fanno bene con Miller 5° mentre convince l’avvio dell’Aprilia di Espargaro 11° in classifica a fine del secondo giorno di prove. Bene pure Andrea Iannone, molto prudente e consapevole che sarà un percorso di sviluppo continuo.

Le dichiarazione dei piloti a fine del secondo giorno a Sepang

Maverik Vinales: 1° tempo: “Il secondo giorno è andato molto bene. Mi sentivo bene con la moto ed abbiamo lavorato soprattutto sull’elettronica, ma c’è ancora del lavoro da fare.

Abbiamo una lunga strada da percorrere per configurare correttamente l’elettronica, ma sono soddisfatto dei passi che abbiamo compiuto. Abbiamo provato a lavorare a temperature elevate, specialmente intorno a mezzogiorno e seguiremo lo stesso piano domani. Stiamo cercando di migliorare molto in condizioni di caldo, per risolvere i problemi che abbiamo avuto l’anno scorso. Penso che sia stata una giornata positiva e sono pronto a lavorare ancora domani”.

Valentino Rossi, 2° tempo: “Sono contento del secondo giorno perché abbiamo lavorato bene e abbiamo terminato il nostro programma per oggi. Abbiamo provato alcuni dettagli grandi e piccoli e alcune cose erano buone e alcune cose erano meno buone. Ad esempio, mi piace l’aerodinamica e sono riuscito a migliorare il mio ritmo e il mio tempo sul giro. Penso di aver fatto il mio personale migliore qui a Sepang oggi, perché un 1’59.3 è buono. Tutti i top riders sono molto forti, quindi sarà interessante. Sono molto felice… Mi piace la carena più che l’anno scorso perché ho più protezione, soprattutto perché io sono alto e questo era quello che mi serviva, quindi va bene. I condotti, che non sono ali, sono buoni perché la moto s’impenna meno e questo ci dà più contatto sul davanti. Sembra che siamo anche piuttosto veloci nel rettilineo e quindi è stata una buona giornata”.

Jorge Lorenzo, 4° tempo: “Anche oggi siamo stati competitivi e sono molto contento. Abbiamo sistemato alcuni dettagli, provato alcuni nuovi particolari e nuovi setting e alla fine abbiamo migliorato sia il tempo sul giro che il passo. Credo inoltre che abbiamo ancora un buon margine di miglioramento e, quando avremo capito meglio alcune cose, penso che riusciremo ad esprimere tutto il potenziale della nuova Desmosedici GP, che è molto alto.”

Jack Miller, 5° tempo: “Sono davvero molto soddisfatto. E devo dire di essere felice più per le sensazioni che mi sta dando la moto piuttosto che per i tempi che sono comunque molto positivi. Abbiamo iniziato a lavorare sul set up e questo significa che abbiamo ancora margine. Ma dobbiamo fare un passo alla volta. L’obiettivo è quello di crescere giorno dopo giorno senza pensare troppo ai tempi”.

Marc Marquez, 7° tempo: “Oggi sono molto contento perché abbiamo fatto alcuni passi avanti e mi sono sentito davvero bene con la mia moto, soprattutto nel pomeriggio, quando abbiamo messo tutto a posto e ho fatto il mio giro più veloce quando la temperatura era più alta. Oltre a continuare il nostro lavoro sul motore e sul setup, abbiamo provato una nuova carenatura e quando esegui quel tipo di test devi aggiustare il bilanciamento della moto. Dovremo fare più giri per raccogliere più dati. Ci sono alcune cose che dobbiamo migliorare di più, diverse aree del setup che dobbiamo regolare, ma finora sono soddisfatto del nostro ritmo e penso che stiamo lavorando bene. Sfortunatamente, quando abbiamo montato una nuova gomma alla fine della giornata, ha iniziato a piovere ed ho perso il davanti alla seconda curva…”

Andrea Dovizioso, 8° tempo: “Sono soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto oggi e delle sensazioni che ho avuto sulla nuova moto, anche se nel pomeriggio purtroppo non siamo riusciti a completare tutte le prove che avevamo programmato. Anche lo scorso anno avevamo dimostrato di essere molto competitivi qui a Sepang, per cui adesso dobbiamo capire meglio il margine di miglioramento che abbiamo con la moto 2018, e sarà importante verificarne gli aspetti positivi anche sulle prossime piste e in condizioni differenti.”

Danilo Petrucci, 9° tempo: “Le sensazioni sono molto positive. Il feeling con la nuova moto cresce giorno dopo giorno. Oggi abbiamo fatto con Ducati un lavoro molto importante che potrà servirmi durante la stagione. Poi nel pomeriggio ho provato il primo time attack vero con la 2018. Devo prendere ancora un po’ di confidenza per riuscire ad abbassare ulteriormente il tempo. Ci proveremo sicuramente domani”.

Andrea Iannone, 10° tempo: “Come ho detto negli ultimi giorni siamo su un percorso in crescita, lavorando con un approccio graduale, e lavoriamo giorno per giorno per capire e vedere i limiti che incontriamo. Oggi è stato un altro giorno su questo percorso, abbiamo capito molte cose e trovato sia aspetti positivi che negativi che rendono la giornata molto utile. Ci siamo concentrati sul provare diversi set-up per capire come la GSX-RR reagisce ai nostri cambiamenti e abbiamo ottenuto molte informazioni. Il tempo e gli arresti hanno influito sul programma di lavoro e siamo un po ‘indietro con la nostra lista delle cose da fare, quindi dobbiamo rimanere concentrati domani per capire il più possibile il vero potenziale delle varie opzioni e configurazioni diverse che abbiamo qui, questo per affrontare il lavoro futuro fino al debutto in Qatar”.

Aleix Espargaro 11° tempo: “I test di oggi hanno dimostrato quanto competitiva sia la MotoGP: con solo mezzo secondo di distacco sono fuori dalla top-10. In ogni caso sono molto contento di come stiamo lavorando, ho girato solo con la moto 2018 e devo dire che i miglioramenti sono evidenti. Specialmente per quanto riguarda la ciclistica, Aprilia ha sviluppato la RS-GP secondo le mie richieste e ne trae beneficio la percorrenza in curva. Possiamo ancora crescere, in accelerazione ad esempio, ma la base con cui inizieremo la stagione sarà ulteriormente evoluta quindi non posso che essere ottimista”.

Dani Pedrosa, 12° tempo: “Oggi abbiamo avuto una sessione di un’intera giornata che ci ha permesso di effettuare molti test. Abbiamo utilizzato principalmente le nuove specifiche del motore e abbiamo lavorato molto su una nuova carenatura e altre combinazioni con l’aerodinamica. Abbiamo anche lavorato sulle sospensioni e sulle gomme… Alcuni aspetti erano subito buoni: il controllo delle impennate era migliore, e siamo stati in grado di applicare una coppia maggiore in uscita curva, ma abbiamo bisogno di migliorare altri aspetti e anche provare di nuovo tutto su una pista diversa. Ad ogni modo, la sensazione è stata generalmente positiva ancora oggi. Domani sarà l’ultimo giorno e proveremo a lavorare di più sui dettagli. “

CLASSIFICA GIORNO DUE/SEPANG

  1. VIÑALES, Maverick – Movistar Yamaha MotoGP 1:59.355
  2. ROSSI, Valentino – Movistar Yamaha MotoGP 1:59.390 0.035
  3. CRUTCHLOW, Cal – LCR Honda CASTROL 1:59.443 0.088
  4. LORENZO, Jorge – Ducati Team 1:59.498 0.143
  5. MILLER, Jack – Alma Pramac Racing 1:59.509 0.154
  6. ZARCO, Johann – Monster Yamaha Tech 3 1:59.702 0.347
  7. MARQUEZ, Marc – Repsol Honda Team 1:59.730 0.375
  8. DOVIZIOSO, Andrea – Ducati Team 1:59.732 0.377
  9. PETRUCCI, Danilo – Alma Pramac Racing 1:59.747 0.392
  10. IANNONE, Andrea – Team SUZUKI ECSTAR 1:59.917 0.562
  11. ESPARGARO, Aleix – Aprilia Racing Team Gresini 1:59.925 0.570
  12. PEDROSA, Dani – Repsol Honda Team 1:59.999 0.644
  13. RINS, Alex – Team SUZUKI ECSTAR 2:00.042 0.687
  14. ESPARGARO, Pol – Red Bull KTM Factory Racing 2:00.262 0.907
  15. RABAT, Tito – Reale Avintia Racing 2:00.506 1.151
  16. SMITH, Bradley – Red Bull KTM Factory Racing 2:00.520 1.165
  17. MORBIDELLI, Franco – EG 0,0 Marc VDS 2:00.662 1.307
  18. KALLIO, Mika – KTM Test Team 2:00.701 1.346
  19. BAUTISTA, Alvaro – Ángel Nieto Team 2:00.728 1.373
  20. ABRAHAM, Karel – Ángel Nieto Team 2:00.914 1.559
  21. NAKAGAMI, Takaaki – LCR Honda IDEMITSU 2:00.952 1.597
  22. GUINTOLI, Sylvain – Suzuki Test Team 2:01.392 2.037
  23. REDDING, Scott – Aprilia Racing Team Gresini 2:01.456 2.101
  24. TEST3, Yamaha – Yamaha Test Team 2:01.480 2.125
  25. HERNANDEZ, Yonny – Monster Yamaha Tech 3 2:01.554 2.199
  26. SIMEON, Xavier – Reale Avintia Racing 2:01.689 2.334
  27. LUTHI, Thomas – EG 0,0 Marc VDS 2:01.810 2.455

 

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”