MOTO GP TEST: ZARCO DAVANTI A TUTTI…

735 0

Zarco chiude i tre giorni di test in Qatar con il primo tempo. Bene Rossi, ma con alcune cose da rivedere, mentre Dovizioso è solido con il terzo tempo. Male Lorenzo, bene Crutchlow, voto medio a Vinales…

Conclusi i tre giorni di test pre-campionato in Qatar, è tempo di guardare avanti. Questi test, alla fine, danno l’idea più chiara di come stanno veramente le cose e, proprio queste, non sono poi così cambiate dalla passata stagione. Zarco andava forte nel 2017 e va forte anche oggi (con una KTM all’orizzonte per Tech3) mentre “risorge” Valentino Rossi, un pelino più fiducioso ma ancora parecchio sofferente con le gomme della sua M1.

Anche Andrea Dovizioso ha chiuso i test in bella mostra con il 3° tempo che gli fa ben sperare che, questo 2018, potrebbe essere il suo anno si, ed ancora una volta con la stessa grinta di sempre. Al contrario del suo compagno Jorge Lorenzo, solo 9° e con un bel po’ di cose da risolvere ancora… E bene pure Crutchlow e Vinales, anche loro avanzano nel lavoro con la Honda LCR in leggero vantaggio rispetto alla Yamaha dello spagnolo che, come quella di Rossi, ha ancora dei setting da sistemare.

Le due Honda al 6° ed all’11° posto con Marquez davanti a Pedrosa hanno provato il forcellone in carbonio e si preparano alla prima gara con un “fronte tecnico” molto avanzato mentre le Ducati di Petrucci e Miller sono rispettivamente all’8° ed al 10° posto, segno che anche loro si stanno preparando alla prima gara qui in Qatar al massimo delle loro risorse.

ZARCO VA FORTE E QUELLO CHE PARE FIDARSI DI PIU’…

Johann Zarco, il più veloce: “E ‘stata una buona terza giornata, sono contento di finire i test qui in Qatar con il miglior tempo sul giro. Penso che avrei potuto guidare sul 53 alto, ma dobbiamo accettare e capire passo dopo passo come guidare a questa velocità. Si, abbiamo fatto un ottimo lavoro con la squadra e con tutto quello su cui abbiamo lavorato durante questi tre giorni, ho sentito più fiducia.

Quando ho fatto la simulazione gara, ho percorso 17 giri di fila, ma probabilmente ero un po’ stanco dopo questi giorni intensi di lavoro qui, comunque siamo costanti e posso rilassarmi adesso, sono davvero contento di questo e ho bisogno di mantenere questa sensazione in mente per iniziare bene il weekend di gara tra due settimane.”

ROSSI SODDISFATTO, BUON RIMTO E PASSO MA SOFFRE CON LE GOMME…

Valentino Rossi, 2° tempo: “Sono abbastanza contento dopo questo test, soprattutto dopo questo ultimo pomeriggio, perché penso che abbiamo lavorato duramente in questi ultimi giorni e anche nella prima parte oggi. Oggi pomeriggio abbiamo messo tutto insieme e sono riuscito a fare un ottimo giro per la seconda posizione e ho anche avuto un buon ritmo ed un buon passo. Ci sono molti piloti che sono forti. Continuiamo a soffrire con le gomme, davanti e dietro ed ho fatto solo metà simulazione gara. Dobbiamo cercare di capire cosa succederà da quel punto fino alla fine della gara, ma questo lo vedremo fra due settimane”.

ANDREA DOVIZIOSO SALDAMENTE TERZO, SARA’ UNA BELLA STAGIONE…

Andrea Dovizioso, 3° tempo: “Sono molto contento del lavoro che abbiamo svolto in questi tre giorni, perché siamo riusciti a provare tutto quello che avevamo in programma ed anche a preparare bene la gara, anche se qui in Qatar le condizioni del circuito cambiano facilmente e fra un paio di settimane potrebbero essere diverse da quelle che abbiamo trovato in questi tre giorni. Durante il test la pista aveva molto grip, cosa che di solito è difficile trovare qui a Losail, e nelle varie simulazioni siamo stati veloci e costanti, e quindi sono molto soddisfatto della nostra prestazione.”

CRUTCHLOW, PUO’ MIGLIORARE MA OCCHIO AL GRIP SULLA PIOGGIA

Cal Crutchlow, 4° tempo: Oggi abbiamo finito i test invernali e siamo pronti per partire per questa prima tappa qui a Losail. Il lavoro svolto fino adesso è molto positivo e voglio ringraziare HRC e la squadra per l’impegno. C’è ancora spazio per migliorare soprattutto sull’anteriore ma nel complesso abbiamo girato forte anche qui. A fine serata abbiamo fatto qualche giro sul bagnato e personalmente credo che dovremo valutare bene anche il grip quindi ne parleremo alla Safety Commission tra un paio di settimane”.

VINALES, A SUO AGIO SULLA M1, MA CI SARA’ MOLTO DA FARE…

Maverik Vinales, 5° tempo: “Negli ultimi 40 minuti penso che abbiamo fatto un grande passo avanti. Mi sento bene con la moto, ma non ancora al 100%, quindi c’è ancora spazio per i miglioramenti. Ad ogni modo, abbiamo fatto tre giorni di duro lavoro e ci siamo persi lungo la strada. In quei momenti non ho potuto spingere e questo dimostra che dobbiamo rimanere concentrati e prestare attenzione quando facciamo dei cambiamenti, perché negli ultimi 40 minuti sembrava una moto completamente diversa.

Come ho detto, dobbiamo continuare a lavorare. Penso che se dovessi fare un time attack al momento, potrei fare un buon tempo sul giro. Non appena sono salito in sella alla moto, dopo i cambiamenti, mi sentivo a mio agio e potevo mantenere un buon ritmo, non buono come l’anno scorso, ma dopo oggi arriveremo a delle conclusioni”.

MARQUEZ, FORCELLONE IN CARBONIO E MOLTA SODDISFAZIONE…

Marc Marquez, 6° tempo: “Sono soddisfatto di come è andata la nostra pre-stagione in generale. Abbiamo lavorato molto sul ritmo della gara, che è la cosa più importante alla fine. È vero che abbiamo avuto difficoltà qui in Qatar, ma siamo comunque contenti, visto che oggi in particolare abbiamo fatto un passo avanti e sono stato in grado di girare abbastanza costantemente nel range medio-basso dell’1’55”.

Oggi abbiamo anche provato il braccio oscillante in carbonio in un solo run, e sono riuscito a guidare abbastanza velocemente, anche se abbiamo bisogno di lavorare di più su questo. Sicuramente il campionato sarà molto competitivo a partire dalla prima gara, ma spero di godermelo. Per quanto riguarda il test sul bagnato, beh, con il riflesso della luce è più difficile del solito vedere i cordoli e la linea bianca, e la pista è un po’ scivolosa, ma per me dovrebbe essere possibile correre la gara se dovesse piovere.”

QATAR TEST – CLASSIFICA FINE TEST

1. ZARCO, Johann Monster Yamaha Tech 3

2. ROSSI, Valentino Movistar Yamaha MotoGP
3. DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team
4. CRUTCHLOW, Cal LCR Honda CASTROL
5. VIÑALES, Maverick Movistar Yamaha MotoGP
6. MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team
7. RINS, Alex Team Suzuki Ecstar
8. PETRUCCI, Danilo Alma Pramac Racing
9. LORENZO, Jorge Ducati Team
10. MILLER, Jack Alma Pramac Racing
11. PEDROSA, Dani Repsol Honda Team
12. MORBIDELLI, Franco EG 0,0 Marc VDS
13. SMITH, Bradley Red Bull KTM Factory Racing
14. ESPARGARO, Aleix Aprilia Racing Team Gresini
15. SYAHRIN, Hafizh Monster Yamaha Tech 3
16. ABRAHAM, Karel Ángel Nieto Team
17. BAUTISTA, Alvaro Ángel Nieto Team
18. RABAT, Tito Reale Avintia Racing
19. ESPARGARO, Pol Red Bull KTM Factory Racing
20. REDDING, Scott Aprilia Racing Team Gresini
21. NAKAGAMI, Takaaki LCR Honda IDEMITSU
22. SIMEON, Xavier Reale Avintia Racing
23. LUTHI, Thomas EG 0,0 Marc VDS
NC. IANNONE, Andrea Team SUZUKI ECSTAR

QATAR TEST- CLASSIFICA COMBINATA
1. Johann ZARCO Monster Yamaha Tech 3
2. Valentino ROSSI Movistar Yamaha MotoGP
3. Andrea DOVIZIOSO Ducati Team
4. Cal CRUTCHLOW LCR Honda CASTROL
5. Maverick VIÑALES Movistar Yamaha MotoGP
6. Andrea IANNONE Team Suzuki Ecstar
7. Marc MARQUEZ Repsol Honda Team
8. Alex RINS Team Suzuki Ecstar
9. Danilo PETRUCCI Alma Pramac Racing
10. Jorge LORENZO Ducati Team
11. Jack MILLER Alma Pramac Racing
12. Dani PEDROSA Repsol Honda Team
13. Franco MORBIDELLI EG 0,0 Marc VDS
14. Bradley SMITH Red Bull KTM Factory Racing
15. Aleix ESPARGARO Aprilia Racing Team Gresini
16. Hafizh SYAHRIN Monster Yamaha Tech 3
17. Karel ABRAHAM Angel Nieto Team
18. Alvaro BAUTISTA Angel Nieto Team
19. Tito RABAT Reale Avintia Racing
20. Pol ESPARGARO Red Bull KTM Factory Racing
21. Takaaki NAKAGAMI LCR Honda IDEMITSU
22. Scott REDDING Aprilia Racing Team Gresini
23. Xavier SIMEON Reale Avintia Racing
24. Tom LUTHI EG 0,0 Marc VDS

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”