PROGETTO ENDURO: GIUBETTINI 6° NELLA E2J

418 0

Seconda tappa per la Under 23 a Custonaci. Andrea Giubettini 6° nella E2J dimostra la crescita globale del PROGETTO ENDURO. E del 2017 parliamo con l’Organizzatore…

L’Enduro riparte dalla Sicilia e, questa volta, è andata in scena la seconda tappa della Under 23/Senior dove il nostro Andrea Giubettini ha raccolto un bel risultato, specie se lo guardiamo dal punto di vista della Classifica Assoluta, ovvero che i frutti del nostro PROGETTO ENDURO 2016, continuano a  maturare in gara, nei test, durante il frenetico allenamento in palestra. Un quadro molto incoraggiante per Andrea e per l’intera iniziativa, perchè è segno che Giubettini (ed il nostro team) sta crescendo ed il “salto qualitativo” credo, sia sotto gli occhi di tutti…

PROGETTO ENDURO 2016: Giubettini al via in Sicilia
PROGETTO ENDURO 2016: Giubettini al via in Sicilia

Il 2017 sarà un anno di grandi cambiamenti, parola dell’Organizzatore…

Ma Custonaci (TP), location della prova legata alla Under 23/Senior, è stata anche occasione per scambiare due parole con Tony Mori, Organizzatore degli eventi legati all’Italiano Enduro; una conversazione in cui sono emerse delle novità molto interessanti, specie se guardiamo al 2017, anno in cui – per voce dello stesso Mori – ci saranno grandi ed evidenti cambiamenti.

Con Mori abbiamo affrontato anche il tema della “maturità” del nostro Enduro, soprattutto se parliamo della tipologia di formula del futuro, ovvero enduro spettacolo o enduro vero, quello a cui siamo abituati da sempre. Siamo daccordo con Mori sul fatto che l’Enduro “vero” deve rimanere tale e le manifestazioni “spettacolo” devono essere una pur bella ma occasione saltuaria per far comprendere e scoprire al grande pubblico questa disciplina…

PROGETTO ENDURO 2016, Andrea si è classificato 6° nella E2J
PROGETTO ENDURO 2016, Andrea si è classificato 6° nella E2J

43′.43 30, un timing da ricordare nell’Assoluta… 22° nell’Assoluta, 6° di classe

L’Enduro, questo Enduro è anche e soprattutto lotta contro il tempo! Come già detto, questa gara segna il salto qualitativo di Andrea Giubettini, soprattutto se parliamo della Classifica Assoluta. Alla fine dei giochi, il pilota del PROGETTO ENDURO 2016 ha raccolto un ottimo 22° posto nella Assoluta che lo vede poi al 6° nella classifica della Classe E2J, ovvero altri 10 importanti punti per lui che ora lo vedono al 9° posto del Campionato Under 23. “Sono molto soddisfatto della gara di Andrea – spiega Giorgio D’Ippolito, il nostro tecnico – perchè si è impegnato molto anche prima della gara, durante gli allenamenti, proprio per preparare al meglio questa gara della Under 23″.

LA UNDER 23 DI ANDREA GIUBETTINI: “PENSO AL MONDIALE MA PRIMA IL 2016”

Andrea raccontaci un po’ questa gara di Custonaci…

“Una bella gara davvero, un giro collegato all’altro da una specie di otto. Un bel percorso tutto single track, quindi con un sentiero guidato con pietre, un po’ il terreno locale se vogliamo che è costituito da pietraie, con annesse due prove speciali, un bel fettucciato da circa quattro km, caratterizzato dal fondo duro, che certo non è proprio il mio terreno ideale… Ed infatti non andavo bene, non riuscivo a trovare il feeling con la moto, ma poi sulla linea, che si snodava dentro al letto di un fiume per circa sette km, mi sono difeso molto meglio, anche se, durante le speciali ho incontrato parecchi piloti più lenti, cosa che non mi ha permesso di esprimermi al meglio…”

PROGETTO ENDURO 2016, Andrea e la sua Husqvarna 2T
PROGETTO ENDURO 2016, Andrea e la sua Husqvarna 2T

Come è andata la tua Husqvarna con le nuove sospensioni?

“La moto è andata molto bene con le nuove sospensioni, tranne sulla linea quando il terreno ha iniziato a scavarsi un po’, con le prime buche. Poi con Giorgio siamo riusciti a trovare una soluzione sulle sospensioni e le cose hanno iniziato a girare meglio, migliorando così il mio tempo sulla linea. Si vero, con le nuove sospensioni, il margine di errore in cui ti puoi muovere è maggiore, ma, nelle speciali come ho già detto, ho trovato piloti più lenti ed i passaggi erano molto stretti e quindi non sono riuscito a passarli…

Un tuo bilancio oggi a quasi metà stagione rispetto alle prime gare…

“Beh, rispetto ad inizio stagione, il miglioramento globale si vede anche dalle classifiche. Basti pensare che, nella precedente gara dell’Italiano, ho maturato un 13° posto di classe mentre oggi le cose sono un po’ diverse. L’unica cosa su cui lavorare sono io, piccole sbavature, errorini, voglio cercare però di mantenere quello che sto facendo perchè i risultati si vedono e sono evidenti e quindi devo mantenere alta la concentrazione ed il mio allenamento con il preparatore Franco Faraglia. Ma devo andare anche molto in moto… Infatti, il lavoro fisico fatto in palestra, lo trovo valido nelle speciali oltre che nel fattore di resistenza maggiore, anche mentale, di cui oggi dispongo rispetto alla passata stagione. E questo è decisamente positivo e quindi il progetto sta funzionando al meglio”.

PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini migliora di gara in gara rispetto alla passata stagione
PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini migliora di gara in gara rispetto alla passata stagione

Prima di questa gara avevi deciso su chi correre…?

“No direi di no non avevo un’idea. Il mio obiettivo era solo quello di rientrare nei primi cinque della mia classe. Ho chiuso sesto e quindi l’obiettivo l’ho praticamente raggiunto direi! L’unica cosa che mi ha dato veramente fastidio, è stata quello di riprendere piloti in speciale ed ogni volta soffrire nel non poter esprimermi al meglio, visti i passaggi insidiosi e così stretti con l’impossibilità di trovare un varco… Ho dovuto rimanere dietro ed aspettare fino al momento buono per passare”..

D’ora in poi inizia un periodo caldissimo, con tante gare… Come ti preparerai?

“Spingerò in questa settimana di pausa per mantenermi in forma ed al meglio anche mentalmente, sul pezzo come si dice! Vero Andrea, ci sono tante gare una dietro l’altra sia di Italiano che di Assoluti e credo che salterò il Trofeo Husqvarna perchè sarà una gara lontana e quindi impegnativa anche per questo fattore… Preferisco lavorare sulla moto, affinarla e prepararmi fisicamente per giocarmi le carte e crescere ancora nella Under 23, cercando di vincere la Coppa Italia visto che siamo in testa”.

PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini 22° nella Assoluta di Custonaci
PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini 22° nella Assoluta di Custonaci

Cosa pensi oggi della validità del PROGETTO ENDURO 2016?

“Direi che tutto quello che stiamo vivendo e costruendo insieme con te e Giorgio è molto bello. Soprattutto parlano i risultati e mi piace constatare che funziona tutto e spero quindi di mantenere questo atteggiamento fino alle fine dei due campionati, confermando da un lato i nostri risultati e dall’altra parte che questo tuo progetto scommessa potrebbe essere molto utile a molti piloti emergenti per farli crescere. Certo anche con l’aiuto ed un sempre maggiore supporto dei nostri partner che hanno avuto fiducia nel progetto stesso. L’unica cosa è dobbiamo migliorare l’assetto dell’insieme, dopotutto questo è il primo anno del Progetto Enduro e sono quindi molto contento dei risultati globali”.

PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini in gara a Custonaci
PROGETTO ENDURO 2016, Giubettini in gara a Custonaci

Presto per dirlo, però pensi alla stagione 2017? Come la vedi nella tua testa?

“Beh, lo vedremo insieme… Però vedo la mia partecipazione agli Assoluti e Italiano. Certo qualche tappa vicina di Europeo o Mondiale si potrebbe ipotizzare e mi piacerebbe, anche se l’obiettivo rimane un grande risultato in entrambi i campionati nazionali… Vedo che quest’anno ci stiamo avvicinando molto ai primi e quindi nel 2017 l’obiettivo sarà quello di giocarsela tutta anche se sarà tosta negli Assoluti d’Italia e non sarà più Coppa Italia. Sarò contento di prendere gi schiaffi veri…dai piloti più forti! Penso al Mondiale ovvio, ma prima ci sono Coppa Italia ed Under 23 e poi ragioneremo insieme per tutto il resto”.

IL COMMENTO DEL TECNICO GIORGIO D’IPPOLITO

Due parole sulla gara di Giubettini…

“Andrea ho corso davvero una bella gara con il sesto nella sua classe ed il 22° assoluto la dice tutta sul livello della E2J… Peccato che abbia capito il verso sulla linea sull’ultima speciale, visto che perdeva un po’ sui primi giri, mentre sul fettucciato si è difeso bene ed i tempi erano buoni”.

Giorgio D'ippolito, il nostro tecnicio

Due parole sul tracciato…

“La linea era impegnativa sopra i 10″ tutta nel greto di un fiume in secca molto bucata con l’andare del tempo, mentre il fettucciato era molto bello, veloce e ben disegnato con tanti sassi che uscivano dal terreno, cosa che ha messo in crisi tutti i piloti, specie sui punti più veloci. Sono contento ad oggi dei risultati di Andrea che spero possa ripetere anche nella prossima gara della Coppa Italia”.

Sta cambiando il passo di Andrea?

“Scopro con piacere che sta arrivando anche la velocità nelle prove di Andrea e si abbassa sempre più il timore reverenziale nei confronti dei piloti più forti e questo è un ottimo segno di crescita che spero duri e maturi fino alla fine della stagione”.

INTERVISTA A TONY MORI:  “Il 2017 sarà un anno di grandi cambiamenti”

Un primo bilancio di queste prime gare: stato di forma del ns enduro, presenza pubblico, novità, location

“Un bilancio con il segno positivo. Gli Assoluti d’Italia, nelle due tappe svolte fino ad oggi, entrambe di due giorni, hanno avuto una media di partecipazione di 145 atleti: 156 le presenze nella tappa inaugurale di Lignano Sabbiadoro mentre a Pietramontecorvino, in provincia di Foggia, sono stati 135 gli iscritti. Non male direi! Passando al Major abbiamo avuto una media di 260 piloti nelle due prove corse, mentre l’Under23/Senior ha avuto un inizio di stagione con il botto con ben 301 iscritti. Numero in calo per il secondo round che si è svolto a Custonaci (TR), dove gli iscritti sono stati 230 ma, considerando la location non certamente economica, direi che abbiamo un ottimo responso. Il pubblico è stato numeroso, soprattutto nelle due prove di Assoluti d’Italia: fa davvero piacere vedere tanta gente lungo le prove speciali e nel paddock. Non potrei chiedere di più!”.

Tony Mori, Organizzatore dell'Italiano Enduro
Tony Mori, Organizzatore dell’Italiano Enduro

La Under qui a Trapani e poi tutto d’un fiato fino a fine campionato…

“In realtà non ci siamo mai fermati. Dal 13-14 febbraio, data ufficiale dell’inizio della stagione, abbiamo già portato a termine cinque gara nazionale: due Assoluti, entrambe da due giorni, due Major e un Under23/Senior. Quest’ultimo è tornato in scena domenica, con il secondo atto 2016 a Custonaci, in provincia di Trapani. Si ritorna in Sicilia dopo due anni e sono certo che sarà una bella gara: gli organizzatori sono stati molto motivati e i partecipanti non sono di fatto mancati.

Le prime gare sono state “gare spettacolo”, ora saranno sempre più gare di enduro?

“Come “gara spettacolo”, come la definite voi, per questo 2016 c’è stata solo Lignano Sabbiadoro: questo momentaneo cambio di look dell’Enduro tradizionale giova sicuramente al nostro sport. La spettacolarità, il richiamo di gente e l’interesse mediato che girano attorno a questo evento non sono certamente da sottovalutare. L’Enduro vero, quello che piace a me e a tutti gli appassionati, è però un altro e non dobbiamo dimenticarlo. Quindi vanno bene le manifestazioni in stile Lignano, ma non bisogna perdere di vista la vera natura del nostro sport”.

Cosa vorrebbe cambiare nel 2017?

“Il 2017 sarà un anno di grandi cambiamenti. A fine anno ci saranno le elezioni nazionali e regionali: ci sarà un nuovo presidente e molte regioni cambieranno i propri rappresentanti. Per quanto ci riguarda il nostro contratto con la federazione scadrà a fine 2017, ma ciò non significa che non potranno esserci delle novità”.

PROGETTO ENDURO, I PARTNERS
PROGETTO ENDURO, I PARTNERS

A differenza di altri Paesi, i ns piloti, se non troppo pochi, non vengono aiutati a crescere… Si potrà fare di più?

“I nostri piloti più talentuoso vengono supportati dalla FMI con il progetto Team Italia che vede coinvolti dodici atleti che partecipano ai vari campionati, dagli Assoluti d’Italia, all’Europeo al Mondiale. I ragazzi, oltre ad esser aiutati con le spese, vengono seguiti sia in gara sia negli allenamenti, da tecnici FM”.

Una sbirciata al 2017: più gare spettacolo x convogliare pubblico o sempre più gare di enduro?

“Come ho detto prima, le gara spettacolo in stile Lignano vanno bene ma non bisogna assolutamente perdere di vista la vera natura del nostro sport”.

INFO web: www.italianoenduro.com

PROSSIMA GARA ASSOLUTI/COPPA ITALIA: 8 MAGGIO PIEVEBOVIGLIANA (MC)

(Foto Ufficio Stampa Italiano Enduro, Monica Mori)