SBK: FORZA NICKY, FORZA KENTUCKY KID!

707 0

Stiamo tutti con il fiato sospeso. Aspettiamo notizie o, almeno, qualcosa di positivo che apra la speranza su Nicky Hayden e sul suo stato dopo il grave incidente di ieri mentre si allenava in bici…

Non ci sono parole e tutte sembrano incessantemente inutili, banali, anche se la solidarietà banale non è mai. Nicky lotta per la sua vita al reparto di rianimazione del “Bufalini” di Cesena e le sue condizioni sono state definite critiche.

‘Mio fratello è un combattente’ e sono queste, forse, le parole di speranza “aperta” a cui dobbiamo aggrapparci… Sono le parole della sorella di Kentucky Kid. Personalmente spero nel miracolo di quel guizzo di vita e vitalità che abita in ognuno di noi e che è riserva di vita, specie in momenti come questi.

L’incidente ieri mentre era in bici e si allenava, lui è uno sportivo nato, un pilota generoso e combattente, un ragazzo vero e che è sempre stato vero, anche quando le cose in gara non giravano nel modo giusto.

Ha un suo modo di vivere la propria passione e per tutti è un ragazzo sincero, pulito e sempre pieno del suo sorriso autentico…

La MotoGP è già a Le Mans ma certo il grande pensiero unico e l’abbraccio più imponente è tutto per Nicky. Un pilota ha tante risorse e spero che anche Hayden ne abbia tantissime…

Al di là del grave trauma, io voglio e devo vedere solo positività e speranza per le prossime ore.

Voglio poter sperare che, quelle risorse interiori, possano cambiare la situazione in notizie più confortanti.

Forza NICKY! Devi lottare adesso per la Pole Position più importante della tua vita…

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”