SPHERE LUX E SPITFIRE RUST, NOVITA’ LS2

2316 0

LS2 presenta due nuovi caschi della collezione 2018, entrambi interessanti, pratici e dinamici. Sono lo SPHERE LUX e SPHERE basic ed il nuovo SPITFIRE con grafica RUST…

Ecco SPHERE LUX: è il nuovo open face Urban Downtown bu LS2, casco protettivo, moderno e leggero che si distingue per l’eccellente rapporto prezzo/qualità. È proposto in 5 scintillanti colori che esprimono primavera, solo e voglia di condividere gli spazi…della città. A proposito, si chiama SPHERE LUX!

Tecnicamente spicca la speciale calotta stampata in HPTT (High Pressure Thermoplastic Technology), particolare materiale termoplastico molto leggero (gr 1100 ± 50) e resistente; questa è certamente una delle peculiarità di questo nuovo casco, che è in grado di assorbire l’energia generata da un impatto. La calotta interna è realizzata in EPS con densità differenziata.

Altre caratteristiche sono la doppia visiera, una trasparente, l’altra scura, “trattate” con antigraffio e anti-UV, stampate grazie alla tecnologia 3D Optically Correct, polimero resistente agli impatti ma soprattutto evita da deformazione dell’immagine. Rapido ed immediato il cambio visiera grazie al sistema LS2 Quick Release System.

E poi ancora gli interni “anallergici”, spugne e tessuti tagliati al laser con cuffia superiore termosaldata ed imbottiture laterali fissate grazie ai tre magneti per lato; ed infine, c’è il praticissimo cinturino con chiusura a sgancio rapido con regolazione micrometrica. SHERE è disponibile anche in versione Basic e sempre in 5 colori

Per il prezzo, si parte da 74,00 euro per la versione Basic.

L’altra proposta LS2 fa girare la testa eccome! SPITFIRE vanta design essenziale ed è per “spiriti liberi” oppure i biker più alla moda o quelli che vogliono distinguersi dal resto del branco…

Questa è la nuovissima grafica RUST con calotta dai colori bianco e rosso con tratti irregolari neri con “zone” di sporco da macchie colore ruggine; il logo LS2 poi, è sfumato ma è evidenziato sia sulla parte frontale del casco quanto sui due lati calotta. E non manca il logo SPITFIRE in 3D proprio sull’imbottitura.

È stampato con due calotte esterne in HPTT (High Pressure Thermoplastic Technology), materiale termoplastico molto leggero (gr 1150 ± 50) e resistente: la calotta piccola vanta le taglie dalla XS alla L, la calotta grande veste le taglie XL e XXL.  La zona interna è realizzata in EPS a densità differenziata.

Ed ancora, la visiera parasole, trattata antigraffio e anti-UV, è stampata con speciali polimeri che la rendono resistente agli impatti, oltre ad evitare la distorsione dell’immagine, questo grazie alla tecnologia 3D Optically Correct.

Le altre caratteristiche parlano la voce del comfort, garantito anche dal doppio scatto di posizionamento della visiera, che permette al casco di adattarsi alla conformazione del volto dell’utente. Ci sono le prese d’aria frontali, tra le imbottiture e l’EPS, che garantiscono ottima ventilazione quando il casco è indossato. Gli interni di sono ovviamente estraibili e lavabili ed hanno tessuti Breath anallergici e traspiranti.

Ed infine le grafiche 2018: SOLID monocolore White, Matt Titanium, Black, Matt Black, Chrome, INKY Matt Black White e White Black, SUNRISE Brown Orange Yellow e Brown White, FLIER Black Gold. Ed a proposito di prezzo, SPITFIRE costa al pubblico 99,00 euro per le colorazioni della grafica SOLID, 119,00 euro per RUST, INKY, SUNRISE e FLIER e 149,00 euro per la grafica SOLID Chrome.

INFO: www.ls2helmets.com

 

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”