TEST MOTO GP: VINALES SI CONFERMA LEADER

384 0

Secondo giorno dei test pre-gara in Qatar con Maverik Vinales, che si conferma il migliore oltre al fatto che sta apprendendo molto velocemente la sua M1…

Valentino cade ma acciuffa il secondo posto finale dei test mentre migliora la RS-GP Aprilia di Espargaro che chiude quinto nel day 2 dei test; una scivolata per Rossi con qualche livido ed abrasione ma Valentino non si è perso ed ha comunque chiuso il test con un incoraggiante secondo tempo.

Le Honda crescono ma lo fanno a ritmo lento quest’anno senza exploit degno di nota con Marc Marquez solo sesto a fine giornata; anche Jorge Lorenzo fa progressi e spinge con la sua Ducati per chiudere questa seconda giornata all’ottavo posto mentre il suo compagno Andrea Dovizioso è solo tredicesimo. Molto bene Folger e Crutcholw, rispettivamente terzo e quarto mentre Andrea Iannone continua la fase calda della preparazione alla stagione. Domani ultimo giorno di test in Qatar e poi si avvicina la data della prima gara della stagione 2017, di fatto attesissima per le tante variabili e scoperte del vero e reale potenziale dei piloti…

Maverick Viñales, 1° tempo

“Mi sento bene. Abbiamo bisogno di ulteriori miglioramenti, ma in ogni caso, mi sentivo bene dal primo giorno, così ho cercato di fare del mio meglio. Stiamo cercando di mantenere i tempi sul giro coerenti e sullo stesso ritmo. Oggi abbiamo fatto un altro passo e spero che domani potremo migliorare di più, ma penso che possiamo essere contenti del nostro set-up e se la gara fosse stata in questo momento, saremmo pronti, di sicuro. Ho ancora voglia di migliorare i punti di frenata per essere più veloce, ma abbiamo ancora domani per continuare il test”.

Valentino Rossi, 2° tempo

“Abbiamo fatto alcuni grandi modifiche e sulla seconda uscita ho perso l’anteriore. Purtroppo ho qualche dolore, qualche buco nelle mie dita, ma sto bene. Abbiamo migliorato il ritmo dei tempi sul giro… Abbiamo anche migliorato il feeling con la moto. Ho sofferto molto durante i test invernali e non sono mai stato veramente forte, così il tempo sul giro di oggi è importante. Domani cercheremo di continuare il ritmo come questo per capire il nostro livello. Dalla prima volta sulla nuova moto, non ho avuto buone sensazione sulla parte anteriore, in particolare nell’ingressi delle curve veloci. Abbiamo modificato un sacco di cose. Devo dire grazie a Yamaha, mi hanno dato un sacco di sostegno, soprattutto dopo il test a Phillip Island, che era andato molto male. Siamo arrivati davanti con i tempi ora, quindi è ok. Non ci resta che modificare la moto!”.

Aleix Espargaro, 5° tempo

“Ho avuto buone sensazioni oggi, nonostante la scivolata in una curva veloce che ci ha fatto perdere del tempo. Non siamo riusciti a provare tutto quello che avevamo in programma ma abbiamo certamente fatto un bel passo avanti in termini di setup. Specialmente in ingresso di curva, uno dei maggiori limiti di ieri. Domani continueremo a intervenire sulla geometria in preparazione della gara e, soprattutto, ci metteremo alla prova su un long run”.

Marc Marquez, 6° tempo

“L’impressione è molto meglio che ieri. Oggi sono abbastanza contento di come abbiamo lavorato ed abbiamo fatto i passi giusti. Ci mancava qualcosa durante il giorno ma nell’ultimo periodo abbiamo trovato qualcosa di interessante per domani. Cercheremo di continuare a lavorare in questo modo, che credo sia la strada giusta. Al momento il nostro ritmo non è male, ma abbiamo bisogno di fare di meglio. Questa pista non è una delle migliori per noi, ma abbiamo ancora un altro giorno e dovremo cercare di fare meglio, lavorando soprattutto sull’elettronica. La base non è male ed oggi abbiamo provato qualcosa che non ha dato i risultati che speravamo, ma abbiamo pianificato qualcosa per domani che speriamo ci consentirà di migliorare “.

Jorge Lorenzo, 8° tempo

“Non è molto facile trarre delle conclusioni dalla giornata di oggi, anche perchè sono stato uno dei pochi piloti che non ha utilizzato lo pneumatico morbido, con cui probabilmente avrei potuto migliorare significativamente il mio tempo. In ogni caso una delle cose positive di questa sessione è che abbiamo migliorato di tre decimi il nostro crono di ieri. A livello di setting, oggi non abbiamo provato nulla di particolarmente significativo, però abbiamo in programma ancora delle soluzioni che testeremo domani. In generale sono comunque soddisfatto dei piccoli progressi che stiamo facendo ogni giorno e domani cercheremo di sfruttare al meglio le gomme morbide per migliorare i nostri tempi”.

Andrea Iannone, 12° tempo

“Nonostante la posizione in classifica, possiamo essere positivi, soprattutto nel pensare con fiducia alla gara. Abbiamo fatto alcuni importanti miglioramenti rispetto a ieri, ma si tratta principalmente del ritmo. Anzi, sono stato in grado di fare tutti i miei migliori giri con pneumatici usati, il che è un buon segno per la consistenza… Quando montiamo su un nuovo pneumatico per qualche ragione, non posso essere efficace come vorrei, e questo mi impedisce di fare un attacco di tempo veloce. Ad esempio, negli ultimi tentativi ero stato veloce come alcuni top rider fino al T3, ma poi, nell’ultimo settore, ho perso quasi 0.5” dal mio miglior tempo. Questo è perché mi sento una mancanza di confidenza con l’anteriore della moto e quindi non posso essere efficace nelle curve del quarto settore. Abbiamo molto grip al posteriore, che spinge quindi molto sul davanti. Stiamo lavorando su questo, ma è un lavoro che richiede molta pazienza e molti tentativi per trovare il compromesso efficace. Sono sicuro che saremo in grado di fare alcuni miglioramenti domani “.

Andrea Dovizioso, 13° tempo

“Oggi è stata una giornata particolare perchè abbiamo trovato condizioni molte diverse da ieri, sia di umidità che di grip dell’asfalto, ma secondo me è stato comunque molto importante girare anche in questa situazione. Sicuramente oggi è stata una giornata più difficile di ieri, e abbiamo utilizzato tutta la sessione per fare molte prove e quindi, anche se i tempi non sono stati molto soddisfacenti come risultato finale, è stata comunque una giornata molto produttiva. In serata ho fatto anche due uscite con la nuova carena: secondo me i nostri ingegneri hanno fatto un ottimo lavoro perchè non era facile creare certi carichi aerodinamici senza utilizzare le alette. Adesso stiamo valutando i pro e i contro, prima di prendere una decisione e individuare anche le piste su cui questa soluzione può dare i maggiori vantaggi.”