Vince Sintoni, ma la moto è sotto investigazione…

Grande debutto per i piccoli bolidi tricolori fabbricati a Mancasale oggi a Napoli nella prima prova del Campionato Italiano MiniGP 50cc, la spettacolare serie propedeutica organizzata dalla Federmoto. Dennis Foggia e Tony Arbolino hanno festeggiato il secondo e terzo posto sul podio, ma la gara è sotto investigazione da parte dei Commissari della Federmoto a causa del reclamo presentato contro la moto del vincitore Edoardo Sintoni che presenterebbe una irregolarità tecnica al sistema di scarico.

Al Circuito Internazionale di Sarno , il romano Dennis Foggia, al debutto con la RMU M-GP5 Campione d’Italia e d’Europa ha subito infilato una grande gara. Partito dalla quarta posizione in griglia ha preso il comando della gara , passando Sintoni e Arbolino e ha mantenuto il comando della corsa per i primi 4 giri. Poi al termine di una bella battaglia a 4 che ha coinvolto anche Sintoni e Ieraci ha ceduto la vittoria nel metri finali alla SG di Edorado Sintoni, guadagnando un eccellente secondo posto al suo debutto nel tricolore MiniGP. Terzo il compagno di team, il milanese di Garbagnate Tony Arbolino. Dopo questa riuscitissima prima prova , il secondo round è in programma aFavara in Provincia di Agrigento il 17 giugno.

Alessandro RUOZI (team manager RMU Moto) – «Anche questo di Sarno è stato un week end altamente positivo per noi, ha dichiarato il manager reggiano, abbiamo messo due moto sul podio presentando un grandissimoDennis Foggia che da rookie è andato vicino alla vittoria con grandi sorpassi e comandando la gara per diversi giri. Anche Arbolino che era partito benissimo ha rispettato il target guadagnando un bel podio. Credo che entrambi saranno della partita per il titolo italiano. E’ stata prelevata una parte meccanica dalla moto del vincitore Sintoni e la classifica è sub judice. Ora lagiustizia sportiva farà il suo corso, ma per noi è andata benissimo anche così»

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePROVA: Honda Integra, l’altra moto…
Articolo successivoMotoGp: Rossi terzo a Le Mans..
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”