PreGP: trionfo RMU Moto a Vallelunga, Manzi e Bulega in volata

Gara mozzafiato e spettacolo a non finire oggi a Vallelunga dove si è corso il terzo round del Campionato italiano PreGP, organizzato dalla Federmoto nell’ambito della Coppa Italia. Stefano Manzi in sella a una RMU Moto PGP 125cc clienti ha vinto con soli 64 millesimi di vantaggio su Nicolò Bulega alla guida della velocissima ottavo di litro ufficiale del Costruttore di Mancasale.

E’ stata una gara bellissima e piena di colpi scena. Bulega che partiva dalla pole position in partenza è stato sopravanzato da Manzi, che ha indovinato lo start, ma dopo poche curve il reggiano lo ha sorpassato. Da li è stata bagarre continua per tutti i dieci giri, sino all’ultimo e decisivo passaggio, quando Bulega sferrava l’attacco decisivo al tornantino, memore del successo del 15 aprile, passava Manzi, ma il romagnolo non si perdeva d’animo e tornava davanti all’ultima curva del circuito romano. Bulega cercava di resistere alla manovra del pilota di Santarcangelo di Romagna, ma saggiamente evitava il contatto portando a casa un secondo posto e 20 punti pesanti che lo confermano leader del Campionato probabilmente più interessante del panorama giovanile in questa stagione. Al terzo posto si piazzava Lorenzo Gabellini su Honda a seguito della squalifica per irregolarità ; tecnica di Romeo.

Ramona GATTAMELATI (team Co ordinator RMU Racing) – «E’ stata un’altra domenica stupenda per i nostri colori. Credo che nel finale Bulega avrebbe potuto contenere la manovra di Manzi, ma è stato saggio a e freddo nel calcolare lo spazio di manovra chiudendo leggermente il gas per conquistare il secondo posto. Bravissimo Stefano Manzi che ha vinto con una RMU 125cc clienti a dimostrazione che il nostro è un prodotto valido e facile da preparare che consente di vincere non solo ai piloti ufficiali. Manzi e Bulega oggi, come si dice in gergo giornalistico, hanno fatto un altro sport, confermandosi tra le migliori promesse nazionali. Sentiremo ancora parlare di loro».

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteTest OK ad Aragon per Rossi e Hayden
Articolo successivoPROVA: Ducati Hypermotard 796
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”