Una scelta a vantaggio e consapevolezza dell’utente…

Nella scelta dell’acquisto di una nuova moto, oltre alle prestazioni e all’estetica, il consumo di carburante è un fattore sempre più fondamentale per l’utente. Suzuki Motor Corporation ha scelto di indicare, accanto alle caratteristiche tecniche delle proprie due ruote, anche i dati relativi al consumo di carburante.

Si è scelta la procedura WMTC (World Motorcycle Test Cycle), che tiene conto di diversi tipi di percorso urbani, extraurbani e autostradali senza dimenticare lo stile di guida di un motociclista, caratterizzato da stop frequenti, accelerazioni violente e velocità di una certa entità nei tratti consentiti.

Con questa iniziativa Suzuki dimostra attenzione nei confronti di tutti i motociclisti, offrendo loro il massimo in termini di consumi, prestazioni, divertimento, e comunicandolo in maniera forte e chiara. Come si può legge nella tabella, il modello Suzuki che ha la performance più efficiente dal punto di vista del consumo è la nuova Inazuma, in grado di percorrere 30,4 km ogni litro di carburante. Viceversa, la moto che ha un consumo di carburante più elevato è la GSXR750, la due ruote più sportiva di casa Suzuki. Nonostante la vocazione sportiva, la GSX-R raggiunge comunque un dato di tutto rispetto, con 19,5 km percorsi, per ogni litro di carburante.

Dati sul consumo di carburante

Modello Litri/100 km Km/litri

Inazuma: GW250: 3,290 30,4

V-Strom DL650A 2012: 3,972 25,2

Gladius SFV650: 4,191 24,0

GSR750: 4,671 21,4

GSR750A: 4,671 21,4

GSX-R600 2011/2012: 5,134 19,5

GSX-R1000 2012: 5,161 19,4

GSX-R750 2011-2012: 5,240 19,1

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteNovita’ 2013: Beta e le nuove RR 2 Tempi
Articolo successivoSBK: Considerazioni ed emozioni
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”