Nella PreGP debutta Nicolo’ Bulega in sella alla PGP125 del Team RMU

Anche la PreGP Nazionale avrà quale punta di diamante: il Team RMU Racing che domenica scorsa, nel Campionato Velocità del Mediterraneo in Spagna, ha trionfato, vincendo la classe Pre Moto 3 con Fabio Quartararo, in sella alla PM 3, una 250 cc 4 tempi costruita interamente negli stabilimenti Reggiana Macchine Utensili di Mancasale, in grado di battere al debutto la concorrenza mondiale, riportando anche due podi nella PreGP 125cc e nella Challenge 80 con Francisco Garcia Vicente e Michael Parra.

A Vallelunga con la RMU PGP 125 è atteso al debutto Nicolò Bulega, il biondissimo reggiano, che, dopo aver vinto tutto nella Junior 50 cc, passa alla ottavo di litro grazie ad un permesso federale che gli consente di correre con un anno di anticipo nella categoria. Nicolò motivatissimo, serio e concentrato ha provato la PGP 125 nel corso di 3 test ufficiali invernali a Cartagena, dove ha ottenuto il record della pista, poi a Varano de Melegari nel corso dei test collettivi Federmoto, dove ha colto il secondo miglior tempo e ancora nel lunedì di Pasquetta a Vallelunga, quando ha ottenuto il miglior tempo in 1’14″453, più veloce di 844 millesimi di Lorenzo Petrarca sempre su RMU.

Al fianco di Bulega debutterà nel team interno RMU Racing, con una decisione dell’ultim’ora, Manuel Perseghin, anche lui proveniente dalla Junior 50 cc, quinto nel 2011. Manuel esordirà senza avere svolto test sulla PGP 125 cercando soprattutto di imparare a conoscere la sua nuova 125 cc.

ULTIM’ORA: Ed oggi nel CIV a Vallelunga, grandissima pole di Nicolo’ Bulega, in sella alla PGP125 del Team RMU…

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteBianchini e la FX Action, a tutto offroad
Articolo successivoAudi acquista il mito Ducati: futuro positivo
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”