Exhibititaly – Eccellenze italiane d’oggi: a Mosca con Piaggio…

Il Gruppo Piaggio tra le “Eccellenze Italiane” presenta al pubblico russo due avanzatissimi esempi di tecnologia e di stile: la superbike Aprilia RSV4 e il prototipo della futura Vespa 946.  Si è infatti aperta oggi a Mosca “Exhibititaly – Eccellenze italiane d’oggi”, l’esposizione nel centro della capitale russa a cui il Gruppo Piaggio partecipa con due veicoli tra i più significativi dei livelli di raffinatezza tecnologica e di design raggiunti: la superbike Aprilia RSV4 e la Vespa 946.

Inaugurato alla presenza di autorità governative russe e italiane e di Antonio Zanardi Landi, ambasciatore d’Italia a Mosca, il programma di Exhibititaly permetterà al pubblico russo di scoprire e apprezzare, fino al 6 gennaio 2013, le punte di diamante della gamma del Gruppo Piaggio, in uno spazio interamente dedicato all’eccellenza italiana nella prestigiosa location del complesso del Krasny Oktyabr, centro economico e culturale della capitale russa.

Leader europeo delle due ruote motorizzate, e tra i principali Costruttori mondiali del settore, il Gruppo Piaggio svela agli occhi del pubblico moscovita il prototipo di scooter Vespa 946 e la motocicletta Aprilia RSV4. Si tratta, nel primo caso, di una esclusiva interpretazione dello stile della prima Vespa del 1946 (capostipite di una storia di successo che ancora oggi non conosce confini) e, per quanto riguarda la moto Aprilia, di uno dei mezzi a due ruote più potenti e veloci del mondo, perfetto simbolo dell’impegno sportivo del Gruppo Piaggio che, con i suoi marchi, ha sinora conquistato 99 titoli mondiali nel campo del motociclismo sportivo.

Vespa 946 è il prototipo che, svelato per la prima volta alla fine del 2011, anticipa le linee e le soluzioni tecniche di Vespa per i prossimi anni. Ispirato alla prima versione di Vespa, che vide la luce nel 1946, lo stile di Vespa 946 attinge a piene mani dalla tradizione di eleganza dello scooter più famoso del mondo e declina in chiave modernissima linee di grande classicità, senza niente concedere alla tentazione del vintage, e anzi osando soluzioni estetiche inedite e utilizzando materiali nobili come l’alluminio.

La motorizzazione rappresenta lo stato dell’arte nella tecnologia: il monocilindrico 4 tempi, 3 valvole da 125 e 150cc che equipaggia Vespa 946 vanta un incremento nelle prestazioni a fronte di una straordinaria riduzione nei consumi che lo porta a percorrere fino a 55 km/litro, con un abbattimento del 30% di emissioni inquinanti.

Aprilia RSV4 è una delle moto tecnologicamente più avanzate dell’intera produzione mondiale, e il prodotto più importante del brand Aprilia che, con 49 titoli mondiali conquistati in soli vent’anni, è il marchio Europeo in assoluto più vincente tra i costruttori attivi nel motociclismo sportivo.

Caratterizzata dal propulsore 1.000cc, quattro cilindri, dalla esclusiva architettura “a V stretta”, Aprilia RSV4 è stata Campione del mondo WSBK nella stagione 2010 con il pilota Max Biaggi ed è oggi in lizza per la vittoria del Mondiale Superbike 2012. Il 26 agosto scorso, con i piloti Biaggi e Laverty, la Aprilia RSV4 ha corso proprio sul nuovissimo circuito Moscow Raceway che, per la prima volta, ha ospitato in Russia una gara motociclistica di livello mondiale.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMotoGP 2013: Spies e Iannone con Pramac
Articolo successivoHayabusa Italian Meeting: only power!
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”