Harley ed artisti contemporanei, ispirazione creativa…

Harley-Davidson, il marchio riconosciuto in tutto il mondo per la forte identità e massima espressione del concetto di personalizzazione, ha collaborato con alcuni dei più prestigiosi artisti contemporanei del panorama internazionale per lanciare il concorso di design “Art of Custom”. Un’iniziativa volta alla ricerca di nuova ispirazione creativa da esibire sui leggendari serbatoi di Milwaukee.

L’idea della campagna-concorso “Art of Custom” è nata tra i surreali vicoli del famoso Wynwood Art District di Miami, quartiere noto per i muri divenuti opere d’arte a firma degli artisti di strada più acclamati. L’artista “Lebo”, che con il suo estro ha onorato i muri e le gallerie di Wynwood, ha dato il via all’iniziativa personalizzando tre serbatoi che non solo incarnano lo spirito Harley-Davidson, ma sono anche esposti nella nuova galleria virtuale Harley-Davidson “Tank Wall”, la versione online della mostra presente nel Museo Harley-Davidson® di Milwaukee, negli Stati Uniti. Per ispirare i concorrenti, alcuni artisti, tra cui Lebo e il celebre character artist irlandese Terry Bradley, hanno personalizzato una selezione di serbatoi Harley-Davidson con le loro opere: Infinite Sky di Lebo Heavy Metal Thunder di Lebo Good and Evel di Lebo Hold Fast di Terry Bradley

 Sul muro virtuale “H-D Tank Wall” oltre ai nuovi serbatoi, saranno esposti alcuni esemplari tra i più emblematici del passato, compreso il classico “FX Super Glide” del 1971 di Willie G. Davidson e il “Cross Bones” del 2008 protagonista della moto guidata da Captain America nella pellicola di Hollywood del 2011. Harley-Davidson Virtual Tank Wall.

 Per partecipare al concorso occorre scaricare dal sito http://tankwall.harley-davidson.it (oppure www.harley-davidson.it, sezione Esperienze) il modello di un serbatoio e dar vita alla propria interpretazione dello spirito Harley-Davidson. Allo stesso indirizzo sarà inoltre possibile visionare il regolamento completo del concorso. Dal colore allo stile, i concorrenti potranno utilizzare il serbatoio come una tela bianca ed esprimersi al meglio, esattamente come fa lo Styling Team di Harley-Davidson da oltre un secolo.

 Gli utenti del sito voteranno i loro disegni preferiti e i primi 50 classificati saranno valutati da una giuria composta dai membri dello Styling Team di Harley-Davidson, dall’ambasciatore del concorso Lebo e da Terry Bradley, i quali definiranno una rosa di 10 finalisti. Il vincitore si aggiudicherà un’esperienza irripetibile: una visita presso la sede di Harley-Davidson a Milwaukee (Wisconsin), dove riceverà in premio una fantastica moto. Non una qualsiasi ma uno Sportster® personalizzato con il proprio design! Inoltre, il secondo e il terzo classificato avranno l’onore di vedere la propria creatività riprodotta sui serbatoi esposti nel famoso Museo di Milwaukee.

 Matthew Knott, Communications Manager di Harley-Davidson EMEA, ha dichiarato: “I nostri clienti scelgono Harley-Davidson come mezzo di espressione. Per questo personalizziamo le loro moto da oltre 100 anni. Siamo l’unico brand tra i grandi mercati automotive a creare ancora i design a mano e desideriamo condividere questo processo esclusivo con chiunque voglia esprimere se stesso.” Il concorso offre un’opportunità unica per chi vuole esprimere la propria anima artistica e contribuire alla valorizzazione di un brand unico come Harley-Davidson. Il termine ultimo per presentare le candidature è lunedì 30 aprile 2012.

Articolo precedenteHusqvarna s’impone nel Campionato Spagnolo enduro
Articolo successivoBaja Castadias 500: Morelli vince con forza
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”