Un accordo molto importante per disabili che vogliono tornare in sella…

Un quad KTM 525 XC omologato, messo gratuitamente a disposizione per i piloti del Garpez Team dai vertici della casa austriaca attraverso KTM Italia: questo, in sintesi, il risultato dell’accordo di collaborazione, sancito nella giornata di ieri 8 maggio, con la cerimonia di consegna ufficiale del mezzo da parte del Managing Director di KTM Italia, Angelo Crippa.

L’accordo nasce grazie ad una comunione di intenti condivisa pienamente, sulla base della quale è nata la volontà della casa di consegnare al team un mezzo in comodato d’uso: permettere a persone con disabilità di tornare in sella o di salirci per la prima volta, è lo scopo ultimo di questa collaborazione, che vede da una parte il team – punto di riferimento nazionale per le attività dei disabili in quad – e dall’altra la casa austriaca, che da partner tecnico, dopo la scelta di consegnare al team un mezzo nuovo a sua completa disposizione, è diventata parte fondamentale nella diffusione del progetto della squadra corse.

E’ bastato un incontro presso la nuova sede di KTM Italia, ad Albano Sant’Alessandro – in provincia di Bergamo – tra il Team Manager e fondatore del Garpez Team Andrea De Beni e il Managing Director di KTM Italia Angelo Crippa, per condividere le modalità migliori per portare la realtà “ready to race” a contatto anche con questa tipologia di utilizzatore finale, che come tutti gli altri condivide passione e amore per il tassello. In questo modo, il team ha così a disposizione un quad per test e prove di nuovi e futuri quaddisti, mentre KTM si apre ad un mercato, quello del quad e più nello specifico del quad dedicato ai portatori di handicap, in modo netto e deciso dando sfogo a quella stessa passione e volontà di conoscenza della bontà dei propri mezzi sul mercato.

L’handicap, e soprattutto la conseguente volontà di reazione e di realizzazione nonostante le difficoltà, è argomento ben conosciuto dentro tutto lo staff di KTM Italia e KTM Austria: basta pensare a Pit Beirer e Heinz Kinigardner, peraltro co-fondatore di Wings For Life, entrambi manager del settore agonistico della casa “arancione” ed entrambi in carrozzina, per giungere alla conclusione che loro stessi hanno certamente avallato la collaborazione tra team e filiale italiana, condividendone gli intenti e l’attitudine delle parti in causa.

Insieme ad Andrea De Beni, nella consegna del mezzo sono stati presenti gli altri piloti del team Riccardo Previde Massara e Stefano Cordola, mentre per KTM Italia l’accoglienza e la consegna del quad è stata curata in prima persona, oltre che da Angelo Crippa, anche da Paolo Carrubba, responsabile Relazioni Esterne, e Roberto Rossi, International Offroad PR Manager.

Il KTM 525 XC appena consegnato, verrà allestito nelle prossime settimane secondo le normative nazionali per la guida dei quadricicli da parte dei disabili: messo in condizione ottimale per la guida con i vari ausili, il quad verrà quindi messo a disposizione di chi vorrà effettuare i primi contatti con il mondo del quad, con le dinamiche di guida e con le tecniche più collaudate di utilizzo da parte di varie tipologie di handicap.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSBK: il Team BMW a Donington
Articolo successivoTT Days by Triumph a Varano il 18 e 19 maggio
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”