Ducati e Casey Stoner decidono di non rinnovare il rapporto di collaborazione che li ha visti lavorare insieme dal 2016, un’avventura bellissima che ci ha fatto sognare

Casey Stoner è entrato nel cuore di tutti, Ducatisti e non. Il suo stile di guida unico, le sue doti agonistiche, il suo smisurato talento hanno per anni incollato allo schermo i tifosi della MotoGP. MotoGP oggi evoluta, cambiata e, con essa, cambia pure lo stile di guida, il modo di guidarle, oggi “regno” di Marc Marquez.

Ma Casey è il personaggio che ha saputo esprimere tanto. Ha saputo guidare la Ducati come mai nessuno aveva fatto prima con risultati che tutti ricordiamo. Ma, come tutte le favole sportive, anche questa termina e finisce qui. Dopo la splendida collaborazione tra Ducati e l’australiano, cosa che avanti dal 2016, oggi la notizia della fine del “rapporto” di collaborazione.

Questo accordo era stato previsto su base triennale (2016-2018) e in questi tre anni, grazie anche al grandissimo contributo di Casey, la Ducati ha costantemente migliorato le prestazioni della Desmosedici GP, considerata oggi una delle moto più competitive del campionato.

La collaborazione tra Ducati e Stoner ha contribuito pure alla messa a punto finale della splendida Panigale V4, oltre ad aver offerto consigli essenziali per lo sviluppo di altre moto della gamma. Nella sua veste di “brand ambassador” Ducati, Casey è stato uno dei protagonisti indiscussi delle due ultime edizioni del WDW (World Ducati Week), nel 2016 e 2018, a cui il campione australiano ha partecipato attivamente, accolto sempre da incredibili dimostrazioni di affetto da parte dei Ducatisti di tutto il mondo.

Casey è e sarà sempre nel cuore di tutti i Ducatisti ed è anche a nome loro che desideriamo ringraziarlo per l’importante collaborazione che ci ha offerto in questi tre anni. – ha commentato Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding S.p.A. –  Le sue indicazioni e suggerimenti tecnici, insieme al lavoro e al feedback dei piloti ufficiali e di Michele Pirro, hanno contribuito a rendere la Desmosedici GP una delle moto più competitive in assoluto, così come preziosi e utili sono stati i suoi consigli per lo sviluppo dei nostri modelli di serie. Un grazie di cuore e i migliori auguri, da parte di tutta la Ducati e dei suoi tanti tifosi, a Casey e alla sua famiglia per un futuro sereno e felice.”

“Desidero ringraziare Ducati per gli ottimi ricordi insieme e soprattutto per il supporto e l’entusiasmo che i Ducatisti mi hanno sempre dimostrato, condividendo la mia stessa passione per le moto e per le corse. Non lo dimenticherò mai,” ha aggiunto Casey Stoner. “Negli ultimi tre anni sono stato molto contento di poter lavorare insieme al test team, agli ingegneri ed ai meccanici, con l’obiettivo comune di migliorare la competitività della Desmosedici GP ed auguro di cuore alla squadra i migliori successi per il futuro.”

Articolo precedenteEICMA 2018: POCHE VERE NOVITA’
Articolo successivoPROVA: ABARTH 124 SPIDER, ADRENALINA PURA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”