Un concentrato di muscolose macchine americane, nostalgici maggiolini raffreddati ad aria ed Harley-Davidson, con tanto di buona musica, shopping a tema, prove moto e tanto show: questa è l’essenza inimitabile ricetta di Hills Race…

Si tratta del raduno italiano per eccellenza in grado di trasformare l’aeroporto di Rivanazzano Terme (Pv) in una dragway americana per gare d’accelerazione a partire da venerdì 6 a domenica 8 settembre.

Hills Race quest’anno festeggia 10 anni di attività con una grande festa per il team AMP – American Motors Pavia, storico organizzatore. Protagonista assoluta è la gara d’accelerazione, formula drag racing, che si svolgerà sul rettilineo dell’aeroporto. Semaforo al centro, pista ben collata e al primo burn out, lancio sulla doppia corsia fino a raggiungere i quasi 300km/h sulla distanza del ¼ di miglio. Sadurano Motorsport per la parte tecnica e sportiva e l’infallibile team AMP coordineranno l’attività in pista.

Protagoniste del confronto saranno vetture made in USA, maggiolini air cooled e veri dragster preparati con tanto di NOS. Per gli amanti del gusto retrò, ci saranno le famosissime Hot Rod, vetture d’epoca modificate che hanno fatto gloria negli anni Cinquanta. A loro sarà riservato uno show sulla distanza dell’1/8 di miglio. Il tema a stelle e strisce richiamerà inoltre un altro grande interprete di Hills Race 2013 ovvero le moto Harley-Davidson.

Per maggiori informazioni: www.hillsrace.it Partner: Rivanazzano Dragway presso Aeroporto di Rivanazzano, Via Baracca 8, Rivanazzano Terme (Pv)

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMOTO GP: DUCATI A MISANO, FULL IMMERSION
Articolo successivoA MISANO TERZO PODIO PER I DISABILI DiDi
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”