A Roma oggi i funerali di Pietro Biaggi, papà del grande Max. Un lutto che segna certamente la vita di Max, ma certamente, come sempre accaduto, saprà diluire nel tempo. Max Biaggi è un simbolo delle due ruote e l’affetto di tutti è importante

Oggi alle 15 a Roma i funerali di Pietro Biaggi, papà di Max. Un grave lutto per Max, molto legato a suo padre, figura importante nella vita del Campione romano. Max ovviamente ha fatto l’impossibile per arrivare in tempo dal “Sor Pietro”, nome con cui Pietro Biaggi era chiamato da tutti.

pietro e max biaggi-performancemag.itOgni lutto ha un proprio percorso, una propria natura, un proprio modo di essere vissuto. Max questo lo sa bene perché nella sua carriera ha dovuto superare tanti momenti brutti, sia fuori che dentro le gare.

La morte di Pietro Biaggi segna quindi un dolore profondo nel cuore di Max e per “diluirlo” ci vorrà tempo e l’affetto di tutti.

Max ha sempre vissuto le proprie emozioni “dentro”, in modo introverso e quindi non sarà facile tirare fuori tutto il dolore del momento.

Noi tutti siamo vicini al grande Max, un grande pilota ma, soprattutto, un personaggio che ha scritto pagine bellissime del nostro sport e lo ha fatto sempre con grinta, coraggio e grandissima determinazione.

Forza Max!

Articolo precedenteMOTO GP: MARQUEZ VINCE IN FRANCIA
Articolo successivoPROVA: FORD KA+ACTIVE, L’ESPLORATRICE
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”