Prova di forza per Martin Alberto Galiuto a Rieti: un 3° ed uno spettacolare 2° posto e tanti giri in testa in Gara 1. SPEED PROJECT Team è sempre più concreto

Questo secondo appuntamento della stagione – legato al Campionato Italiano Minimoto – ha visto un netto progresso di Martin nella Junior C ed un approccio decisamente più concreto alla gara.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Premetto che Martin arrivava da un Round 1, quello di Cervia, dove c’era stato qualche piccolo problema che aveva avuto un impatto sull’umore, nonostante i buoni risultati in ottica Campionato.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI podio- performancemag.it 2021

Una chiave di lettura: adattamento veloce

A Rieti è uscito quello che è, ovvero un talento puro. Ha evidenziato un miglior controllo della moto ed una maggiore aggressività e tenuta nei confronti degli avversari che certo non sono rimasti a guardare. E che certamente hanno notato il salto qualitativo di Martin. Ha guidato fortissimo ed in modo efficacie in Gara 1, dove è partito a razzo ed ha poi tenuto la testa della gara per molti giri, controllando benissimo il pressing gara.  SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Ed anche se al penultimo giro è scivolato, è comunque riuscito a salire sul podio con un eccellente terzo posto. In Gara 2, una partenza con un holeshot meno brillante, lo hanno visto quarto alla prima curva per chiudere poi al secondo posto dopo una gara tutta all’attacco del primo. Quindi esame di tenuta ampiamente superato, soprattutto nella prova legata alla concretezza e determinazione che mai sono mancate in questo fine settimana.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Andrea Di Marcantonio/Manager e ideatore di SPEED PROJECT

Può sembrare un paradosso ma Martin sta imparando a gestire la velocità dei suoi miglioramenti. Al di là dei numeri, dei punti e delle prestazioni però, cresce molto bene ma soprattutto sta maturando anche psicologicamente se parliamo del saper reggere la pressione. Scopro ancora un ampio margine di miglioramento in lui così come sto notando una determinazione focalizzata sulla messa a punto della moto. Martin dimostra il piede lungo e sta bruciando tante tappe a due step alla volta. Questo significa che la strada è corretta e che Speed Project così come l’intera squadra funzionano molto bene nell’insieme dei ruoli.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Sandro Renzoni, il Capo Tecnico, ha lavorato bene e nella direzione giusta, trovando sempre un buon setting anche in virtù dei test effettuati prima della gara.

Il preparatore Mauro Di Pasquale ha messo a disposizione di Martin un gran motore, veloce, reattivo e con tanta accelerazione che Martin ha saputo gestire al meglio”.

Sono sempre più convinto dell’investimento fatto nella creazione di Speed Project su Martin Alberto Galiuto#47. Lui merita l’insieme dell’opportunità che abbiamo costruito attorno al suo talento. Ci sono momenti di tensione o sconforto, che però passano anche da una piena gioia, dalla felicità ed eccitazione per il risultato conseguito. E tutto fa parte di questo bellissimo Campionato 2021”.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Considerazione… fuori onda

Ed infine un pensiero: quanto valore c’è nelle forme di una coppia sul podio? Quanto sacrificio e determinazione di piloti e famiglie c’è nelle sue forme? Alla fine, si lotta per questo, si piange dalla gioia a fine gara in un mondo, quello delle minimoto, ancora puro di passione sincera che merita di non essere “dispersa” o sgretolata da idee o categorie nuove che diluiscano questa passione. Elementi di cui la Federazione deve tener conto in vista dei nuovi programmi 2022.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

LA PAROLA A MARTIN ALBERTO GALIUTO #47

Martin quali sono le tue sensazioni dopo questo Round 2?

“Sono molto contento e soddisfatto soprattutto perché ritengo di aver guidato bene sia in Gara 1 che in Gara 2. E poi, soprattutto, mi sono davvero divertito qui a Rieti, anche perché questa pista mi piace”

Prove libere e qualifiche: cosa hai raccolto rispetto alle aspettative?

“Le libere del sabato prevedevamo quattro turni che abbiamo utilizzato per provare le ultime cose in vista delle qualifiche. Tutto è andato molto bene, mentre mi sono divertito un sacco nella Q1 ma soprattutto sono migliorato nel tratto misto della pista, curve dove il tempo e la rapidità so che avrebbero fatto la differenza. In Q1 ho trovato poco traffico in pista mentre il Q2 ce n’era di più ma sono comunque riuscito a percorrere tre giri buoni. Con la somma dei tempi, infine, sarei partito al quarto posto”

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Racconta Gara 1 e Gara 2, come sono andate le cose?

“Gara 1 è andata benissimo. Ho azzeccato un’ottima partenza ed ero subito al secondo posto, dopo qualche giro sono riuscito a superare il primo ed ho tenuto la testa della gara fino al penultimo giro. Purtroppo, sono scivolato in curva ma ho comunque acciuffato il terzo posto a fine gara. Gara 2 siamo stati sulla stessa linea di Gara 1, il mio spunto al via è stato meno brillante rispetto a Gara1. Mi sono ritrovato quarto alla prima curva e mi sono ritrovato con Orlandi a battagliare per tutta la gara, tanta bagarre, ma, alla fine, l’ha spuntata lui stavolta ed ho ottenuto il secondo posto”

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Le tue sensazioni dopo questa gara? Pensi già al Round 3 di Ferrara?

Per questo fine settimana Andrea, posso solo dirti che non trovo le parole giuste! Mi sono divertito un sacco e sento che ho fatto uno step importantissimo rispetto a Cervia. In vista della prossima gara a Ferrara, cercherò di arrivare sereno in circuito e sempre motivato al positivo. Proverò sicuramente su quella pista perché voglio correre una bella gara anche a Ferrara e crescere ancora…”

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Il punto di vista di papà Gaetano: “Ha sempre attaccato, mai tirato indietro

“Siamo arrivati qui a Rieti il venerdì delle prove libere con il setting ottimale ed i dati che avevamo raccolto nel corso dei due test pre-gara. Qui abbiamo trovato la giusta quadratura tra carburazione, rapporto, bilanciamento moto e frizione, quindi con maggiore tranquillità sul piano tecnico in vista della gara anche rispetto alla prima di Cervia. Non abbiamo trascurato nulla. Venerdì abbiamo girato bene, con tempi in linea con le nostre aspettative. Certo anche gli avversari sono cresciuti e il livello di alza di gara in gara, ma Martin si è difeso molto bene anche in virtù del fatto che questa pista gli piace. La giornata di venerdì è stata gestita al meglio in ottica delle prove e qualifiche del sabato”

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Sabato stessa situazione con Martin che si è subito imposto…

“Sabato è stata una giornata molto intensa. La difficoltà maggiore è stata la piena gestione delle gomme viste le temperature elevate. Sia la mattina quanto il pomeriggio, la moto scivolava molto con la pista che andava alzandosi se parliamo dei tempi sul giro quantificato anche in mezzo secondo. Bene le qualifiche, meglio la Q1 che la Q2 e questo perché qui siamo stati un pelino sfortunati a causa del traffico in circuito, tanti piloti da gestire, poco spazi per passare. Venti moto tutte insieme i cui tempi sul giro erano anche rilevanti se parliamo di distacchi oggettivi tra i piloti. Purtroppo, però, non siamo riusciti a migliorare perché il nostro obiettivo era la prima fila. Siamo partiti quindi in seconda fila aggiustando il tiro nel cercare di azzeccare una buona partenza.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Dominio in Gara 1 e l’ottimo secondo posto in Gara 2

Si, in Gara 1 ha letteralmente dominato! Tanta grinta e foga Martin ha corso una Gara 1 superlativa. Aveva voglia di rimanere davanti a tutti ed infatti è stato in testa per oltre metà gara. Purtroppo, nel corso del penultimo giro, è scivolato ma è riuscito a ripartire ed acciuffare comunque un buon terzo posto. In Gara 2 quasi fotocopia di Gara 1. Siamo stati rallentati da un altro pilota e quindi è mancato il confronto con Orlandi con cui avremmo potuto giocarcela. Martin ha comunque gestito bene entrambe le gare ed io sono molto contento. Ha sempre attaccato e non si è mai tirato indietro nei confronti, anche quelli più serrati”

Sandro Renzoni/Capo Tecnico RP Racing

“Il grosso del lavoro lo abbiamo sviluppato nei test precedenti alla gara. Abbiamo affinato la ciclistica, la rapportatura finale ma anche sulle traiettorie, sugli ingressi oltre che sulla percorrenza.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

L’importante era fargli capire bene dove mettere le ruote in vista della gara, perché quella di Rieti è una pista che conosco bene ed è un tracciato difficile dove non è facile superare gli avversari.

Così, la messa a punto per sabato e domenica è stata molto più semplice e mirata. Come hai già detto tu, Martin cresce di gara in gara di test in test, prendendo oltretutto grande sicurezza in sé stesso”.

Una differenza piena rispetto al Round 1 di Cervia?

“Si, la differenza tra Cervia e qui è stata molto netta, ed è nella sua testa che risiede la maggiore convinzione delle sue capacità. È ormai consapevole di poter stare nelle primissime posizioni. Entrambe le gare qui a Rieti sono andate bene, rimane solo un po’ di amaro in bocca per la mancata vittoria, visto che è stato il più veloce e costante come passo gara. In Gara ha dominato, in Gara 2 ha battagliato parecchio con Orlandi ma non ha trovato il varco per passarlo. Ma la sua crescita è evidente.”

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Il punto di vista del preparatore, Mauro Di Pasquale/DPS Racing

“In Gara 1 ho visto un Martin molto in forma, cosa che avevo già notato nelle libere del venerdì. È migliorato tanto, si vede chiaramente ed è rapido e molto performante ma soprattutto veloce.

Rieti è una pista molto guidata e non è facile interpretarla al meglio. Certamente sono contento di questo step evolutivo, cosa che valorizza anche il mio lavoro quale preparatore. Ora il motore è tornato in officina per le revisioni del caso e capire anche come abbia lavorato ma non solo. In questa fase poi, mi concentro anche su eventuali aggiornamenti e questo per offrire a Martin sempre il massimo. In tal senso, lavoro molto sulla coppia, sulla rapidità nel salire di giri al fine di migliorare l’intero pacchetto motore”

IL PUNTO DI VISTA DI CRISTIAN FARINELLI, Resp. Italiano Minimoto

“Certamente è stato un fine settimana molto intenso ma ricco di soddisfazioni. Fin dal giovedi, abbiamo iniziato con le attività della CSAS (Commissione Sviluppo Attività Sportive), ente preposto dalla FMI per avvicinare i bambini al mondo del motociclismo in tutte le sue discipline, da quest’anno strutturato per portare ancora più presenze nel mondo minimoto per opera di Armando Sponga, Consigliere Federale e Responsabile dell’evento.

 SPEED PROJECT ROUND 2 RIETI G1- performancemag.it 2021

Ogni pre-evento del Campionato Italiano Minimoto quindi, sarà aperto da queste attività. Siamo molto soddisfatti per la gara di Rieti. Non è un traguardo certo, ma è una linea di partenza con dati che parlano chiaro. 92 piloti verificati, 100 iscritti, 70 bambini presenti e quindi griglie piene nelle classi junior A, B e C con qualifiche della A suddivise in gruppi pari e dispari. Bilancio quindi positivo, tutto è andato molto bene e nessuno si è infortunato, cosa che può accadere in questo sport. Importante il contributo del Circuito La Scintilla che ha mostrato di essere impeccabile. Ora si va avanti con Ferrara e con l’obiettivo di toccare quota cento…”

PROSSIMO APPUNTAMENTO: X-Bikes di Ferrara il 17 e 18 luglio

(Foto LORENZO PALLONI)

Articolo precedenteMAHINDRA KUV100 NXT EURO6d
Articolo successivoMARC MARQUEZ, TALENTO E CORAGGIO
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”