Jorge Lorenzo, vittoria ad Aragon mentre super duello tra Pedrosa e Rossi. Alla fine l’ha spuntata lo spagnolo mentre Marc Marquez sbaglia e cade . Valentino rimane leader della classifica…

Ci ha provato alla sua maniera. Ci ha provato ad ogni curva dell’ultimo giro, buttandosi a capofitto nella mischia del duello forse più acceso della stagione, un confronto però corretto e bello da vedere. Ci ha provato ancora ma, alla fine, Dani Pedrosa è stato più reattivo e bravo ed ha battuto Valentino.

MotoGP Aragon 2015, il podio con Lorenzo, Pedrosa e Rossi
MotoGP Aragon 2015, il podio con Lorenzo, Pedrosa e Rossi

Un Dani Pedrosa inaspettato…

Un Pedrosa così piace parchè “inaspettato” per molti, piace perché non ha avuto nessun timore reverenziale, dimostrandosi di meritare quella Honda. Dani è stato combattivo per tutta la gara, mostrando coraggio e denti affilati ed un modo di correre grintoso che, forse, ha sorpreso molti appassionati.

Era la sua giornata, anche se Jorge Lorenzo ha vinto la gara. Anche se, nonostante la dura battaglia per la seconda posizione, Valentino Rossi rimane leader del Mondiale MotoGP, anche se il divario dallo spagnolo di Casa Yamaha si sta riducendo via via… Or, questo distacco ridotto di 11 punticini, preoccupa forse Rossi, anche se i suoi jolly di fatto non sono finiti…

MotoGP Aragon 2015, il bel duello tra Rossi e Pedrosa
MotoGP Aragon 2015, il bel duello tra Rossi e Pedrosa

Marquez lo sconfitto nell’anima…

Lorenzo, Pedrosa, Rossi, questo l’esito della gara di Aragon in configurazione finale. Bella, bellissima gara comunque… Ma c’è un grande sconfitto da questa gara ed è lui, Marc Marquez, dalle stelle al duro asfalto, dal terzo posto in classifica ai problemi di “gestione delle tensione”, cosa che lo ha fatto cadere ad Aragon. Peccato parchè Marc era partito bene anche se Lorenzo pareva correre un’altra gara. Marc sbaglia troppo ultimamente e sente la tensione, sente e vede il suo compagno Pedrosa che non solo batte Rossi ma prende attenzione da parte di tutti. Peccato per Marc, peccato che, questa parte della stagione, è fatta di troppi alti e bassi, anche se Marquez ha certamente ancora troppo da esprimere nella MotoGP. E’ un talento, ma forse, oggi è un talento che deve trovare una maggiore concentrazione sulla gara.

Aragon 2015, MotoGP, Lorenzo a fine gara
Aragon 2015, MotoGP, Lorenzo a fine gara

Jorge Lorenzo si avvicina a Rossi…

E poi che lui, Jorge Lorenzo, un “missile” che martella tutti e va a vincere l’ennesima gara con una classe unica ed una capacità/lucidità da fare spavento. Va forte Lorenzo, va forte ed è in palla massima quest’anno nonostante qualche piccolo errore frammentato nella sua stagione più bella probabilmente. Ed ora si avvicina a Rossi, tanto ed in modo sorprendente gara dopo gara e, credo, l’ultima gara protrarrà quest’attesa di chi sarà il Campione del Mondo 2015, parchè, per quanto riguarda il team, beh Yamaha ha stravinto il titolo.

YAMAHA: LORENZO SEMPRE PIU’ INCISIVO, ROSSI OTTICA CAMPIONATO…

Jorge Lorenzo, vincitore ad Aragon: “Ho tirato un grosso sospiro di sollievo, perché stavo spingendo tanto e il mio livello di tensione era molto alto. Stavo cercando di allontanarmi da Marquez. Sapevo che sarebbe stato difficile, perché il mio passo era molto simile al suo e, dopo il warm up, sapevo che il suo passo era molto forte. Probabilmente avremmo lottato tutta la gara e lui forse mi avrebbe battuto nella parte finale perché non avrebbe potuto notare il calo delle gomme… ma oggi sono stato fortunato.

Aragon MotoGP 2015, Jorge Lorenzo ha vinto dominando la gara
Aragon MotoGP 2015, Jorge Lorenzo ha vinto dominando la gara

segue – Ho visto la sua caduta dalla mia moto e poi ho dovuto aspettare un altro giro per vedere il divario da Pedrosa. Dopo due giri non potevo rilassarsi perché sapevo che Dani aveva Valentino dietro di lui e su questa pista si può avere un buon ritmo. Avevo bisogno di rimanere concentrato e non commettere errori per mantenere la distanza e questo ed è quello che ho fatto tutta la gara. Questa gara è stata molto importante per dimenticare le ultime due dove ho fatto alcuni errori. Se avessi perso più punti da Valentino, sarebbe stato quasi impossibile vincere il campionato. Ora si tratta di una grande possibilità, ma non si sa mai cosa potrebbe succede nelle ultime quattro gare,, quindi dobbiamo tenere i piedi per terra e continuare a lavorare così come stiamo facendo ora per di battere gli altri nelle prossime gare. Nel corso degli ultimi due anni abbiamo fatto un buon lavoro a Motegi, la moto funziona bene anche se è di solito una pista difficile per noi. Forse possiamo vincere, ma di sicuro, con Marquez in giro sarà molto difficile. Sono molto orgoglioso della squadra e molto orgoglioso del lavoro che Yamaha ha fatto in Giappone. Hanno lavorato su tutti gli aspetti, ma soprattutto in entrata di curva. Quello era il nostro principale punto debole nel corso degli anni precedenti. Questo titolo squadra del Campionato del Mondo che ci siamo assicurati già quattro gare prima della fine della stagione, significa molto per noi. È stato un anno incredibile dai risultati alle prestazioni della moto e siamo molto felici”.

MotoGP Aragon 2015. Valentino Rossi terzo sul podio
MotoGP Aragon 2015. Valentino Rossi terzo sul podio

Valentino Rossi, terzo sul podio di Aragon: “Ho provato di tutto, io ho dato il massimo, perché era importante assicurarsi di arrivare secondo e perdere solo cinque punti a Jorge, ma alla fine Dani è stato molto forte. Ho provato di tutto, ma alla fine è arrivato davanti a me. D’altra parte sono contento per la gara. Prima di tutto perché è stato molto divertente, e in secondo luogo perché ero competitivo, ero forte in gara ed è stata la gara più bella della mia carriera in Aragona, di sicuro, questo circuito è sempre difficile. Ma ora dobbiamo guardare avanti e cercare di fare meglio. Ho aspettato dietro a Dani perché all’inizio è stato molto difficile sorpassare e non avevo il passo sufficiente per rimanere davanti. Così ho dovuto lottare tutto nell’ultimo giro. Ho provato a sorpassare dove ho visto che ero forte, ma già dal primo sorpasso ho visto che Dani reagiva altrettanto con forza…

Yamaha ha vinto intanto il titolo Costruttori MotoGP 2015...
Yamaha ha vinto intanto il titolo Costruttori MotoGP 2015…

segue – Ho cercato di concentrarmi e rimanere sulla linea in ingresso ogni volta, ma all’ultimo giro ci siamo toccati e sono andato sul cordolo, così in quel momento dovevo provare tutto o niente! Nella chicane ho provato senza pensarci.. Ora andiamo a Motegi, è una pista che mi piace, dove anche l’anno scorso ho fatto una gara molto buona. Ma Jorge, lo scorso anno, è stato più forte di me ed è stato in grado di vincere. Per questo motivo dobbiamo provare il massimo: la differenza è di soli quattordici punti e sarà molto difficile, perché il vantaggio è piccolo. Il titolo di Team Campione del Mondo è un grande risultato per tutti, parchè tutta la squadra, tutti gli ingegneri sono stati in grado di migliorare la M1 e ci hanno dato una grande moto. Abbiamo fatto un grande passo rispetto allo scorso anno se confrontato con la Honda soprattutto. E’ anche un grande risultato per i piloti, perché abbiamo sempre a cuore questo e quest’anno io e Jorge siamo stati in grado di vincere un sacco di punti e siamo arrivati ​​davanti molte volte “.

HONDA: PEDROSA GRANDE COMBATTENTE, MARQUEZ IN CRISI?

MotoGP aragon 2015. Dani Pedrosa, meritato secondo posto
MotoGP aragon 2015. Dani Pedrosa, meritato secondo posto

Dani Pedrosa, secondo posto: “Sono molto felice perché è stata una grande gara con Valentino! E’ stato difficile, perché lo avevo sulla mia coda ogni giro e durante gli ultimi cinque ha cercato di passarmi, ma sono riuscito a rimanere davanti a lui. Lui è un pilota molto forte in questa parte delle stagione, e di solito può battere chiunque in griglia -. e per me è uno dei miei punti deboli. Tuttavia, oggi sono stato in grado di batterlo e sono così felice perché durante la battaglia ci siamo scambiati di posizione molte volte, cosa che mi dà grande motivazione. Voglio ringraziare tutto il team Repsol Honda e cercheremo di essere più forti nella prossima gara! “

MotoGP Aragon 2015, Marquez è caduto mentre lottava con Lorenzo
MotoGP Aragon 2015, Marquez è caduto mentre lottava con Lorenzo

Marc Marquez, caduto: “Oggi non posso che scusarmi per la squadra ei tifosi, perché abbiamo lavorato molto bene e abbiamo avuto un buon ritmo per tutto il weekend. Al secondo giro, quando ho staccato per la curva 12, ho fatto un errore ed ho perso l’anteriore. E’ stata colpa mia e mi scuso. Quando una stagione non sta andando bene per, allora niente va dritto per la tua strada, e sembra che in questa stagione stiamo trovando cose difficili da affrontare. Ci sono ancora quattro gare da disputare e cercheremo di essere al davanti e lottare fino alla fine.”

DUCATI: TUTTO SOMMATO…UNA BUONA GARA

Aragon è stata una gara tutto sommato positiva per Ducati: Iannone malconcio con la spalla, Dovizioso contento e non per l’esito finale nella gara spagnola non soddisfa al 100% i due piloti anche se si deve guardare avanti… Infatti Ducati e il Ducati Team si confermano al terzo posto nella classifica riservata ai costruttori ed in quella speciale per le squadre.

MotoGP 2015, aragon, Andrea Iannone in gara
MotoGP 2015, aragon, Andrea Iannone in gara

Andrea Iannone, quarto posto: “Abbiamo fatto una buona gara nonostante le mie condizioni fisiche, e mi dispiace di non essere riuscito a stare con Pedrosa e Rossi. Credevo di avere il loro passo e poter lottare con loro, ma erano sempre più veloci di me di un paio di decimi, rispecchiando in gara i tempi sul giro fatti registrare durante le FP4. Mi sarebbe piaciuto lottare per il podio, perché la mia squadra lavora tanto ed è importante riuscire ad ottenere risultati incoraggianti per tutto il gruppo. Io ho dato il massimo, nonostante la spalla mi facesse male, e devo ringraziare i ragazzi della Clinica Mobile perché sono riusciti a farmi delle infiltrazioni con anestetico che mi ha tolto il dolore durante tutta la prima parte della gara.”

MotoGP aragon 2015, Andrea Dovizioso
MotoGP aragon 2015, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso, quinto posto: “Diciamo che sono contento e scontento allo stesso tempo. Con il passo che avevo penso di aver portato a casa il massimo, ma questo non mi rende felice. Sicuramente dobbiamo lavorare per migliorare la moto, perché non riesco a frenare e a guidare come mi piace, e quindi non sono veloce come vorrei. Se guardo alla gara di oggi però, considerando che partivo dalla tredicesima posizione, arrivare quinti è comunque un bel risultato.”

Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse): “I nostri piloti oggi hanno portato a casa un quarto e un quinto posto, due buoni risultati che ci danno fiducia per le prossime gare. Andrea Iannone ha disputato un’ottima gara, combattendo contro il dolore e girando sempre con un passo costante, non lontano da quello dei piloti finiti sul podio, e questo risultato lo aiuta a rimanere in lotta per la terza posizione nel Mondiale. Gara più difficile per Andrea Dovizioso che, nonostante un weekend piuttosto sofferto, è riuscito comunque ad ottenere un risultato importante per la classifica generale.”

SUZUKI: PICCOLI PASSI CHE PERO’ SI VEDONO…

Satoru Terada – Project Leader: E ‘bello vedere che siamo tornati a posizioni migliori alla fine della gara, entrambi i piloti hanno fatto un buon lavoro e, in particolare, Aleix ha terminare la gara in sesta posizione, subito dietro gli altri piloti. Questo dimostra che abbiamo finalmente potuto dargli una buona moto. Maverick ha dovuto lottare un po’ più con il grip, non riusciva a trovare un passo giusto il Venerdì e, infine, anche in gara, a quanto pare, la sua moto mancava di accelerazione ma, il suo undicesimo posto, deve essere considerato un buon risultato. Qui abbiamo portato alcuni miglioramenti sul motore, con alcune nuove specifiche che sembrano efficaci. Naturalmente abbiamo bisogno di migliorare sempre, ma anche un piccolo passo in avanti è un buon primo punto positivo. Ora ci dirigiamo verso il Giappone, il circuito non è così favorevole per la nostra GSX-RR, ma ai piloti piace molto ed inoltre avremo molti dei nostri team Suzuki che ci sosterranno”.

MotoGP 2015, Aragon. Aleix Espargaro sesto in Spagna
MotoGP 2015, Aragon. Aleix Espargaro sesto in Spagna

Aleix Espargaro, sesto posto: “Sono molto felice di essere tornato in mezzo alle prime posizioni. Le ultime gare sono state molto difficile per noi e non eravamo dove avremmo meritato di essere. In questa gara siamo finiti nelle posizioni che secondo me è più adatta per noi e l’unica cosa che dobbiamo fare è capire come ottenere alte prestazioni in ogni gara. Dopo Catalunya credo che questo era la gara più positiva in termini di feeling con la moto, partendo dal presupposto che eravamo carenti di un po’ di accelerazione in rettilineo, ma è bene che sono stato in grado di lottare per il quinto posto. Devo dire grazie alla mia squadra perché abbiamo fatto enormi miglioramenti e mi hanno messo nelle migliori condizioni per sfruttare i materiali che abbiamo ad oggi.”

MotoGP 2015, Maverik Vinales in gara
MotoGP 2015, Maverik Vinales in gara

Maverick Viñales, undicesimo posto: “Finalmente il risultato in gara è un po’ meglio del previsto e sono felice che siamo riusciti a migliorare nel corso dei tre giorni. Naturalmente abbiamo ancora molto da fare, il mio compagno di squadra ha conquistato il sesto posto, quindi questo significa che la moto ha un potenziale superiore e abbiamo bisogno di trovare il modo migliore per sfruttarlo. All’inizio della gara ho fatto una buona partenza e mi preparavo a sorpassare qualcuno alla prima curva, ma purtroppo ho avuto molti problemi con il grip sul posteriore e non ho potuto accelerare abbastanza per completare la manovra… Poi ho trovato un gruppo di piloti con gomme morbide, cosa che li ha resi più competitivi nei primi giri, e ho dovuto stare lì e lottare per mantenere il mio ritmo. Infine la loro performance è scesa mentre la mia scelta di gomme no ed ho potuto superare molti di loro. Essere coerente è sempre la chiave per me e, infine, questa gara ha dimostrato che ciò che penso è vero. Abbiamo ancora molto da fare, il Giappone non sarà facile, ma dobbiamo essere felici per i miglioramenti che abbiamo apportato. Non è facile recuperare da una brutta giornata come Venerdì ma l’undicesimo posto è un buon risultato.”

GP ARAGON, CLASSIFICA DELLA GARA

  1. Jorge LORENZO, Movistar Yamaha MotoGP – 41’44.933
  2. Dani PEDROSA, Repsol Honda Team – +2.683
  3. Valentino ROSSI, Movistar Yamaha MotoGP – +2.773
  4. Andrea IANNONE, Ducati Team – +7.858
  5. Andrea DOVIZIOSO, Ducati Team – +24.322
  6. Aleix ESPARGARO, Team SUZUKI ECSTAR – +24.829
  7. Cal CRUTCHLOW, LCR Honda – +25.367
  8. Bradley SMITH, Monster Yamaha Tech 3 – +25.503
  9. Pol ESPARGARO, Monster Yamaha Tech 3 -+26.452
  10. Yonny HERNANDEZ, Octo Pramac Racing -+43.889
  11. Maverick VIÑALES, Team SUZUKI ECSTAR – +44.25
Aragon 2015, la partenza della MotoGP
Aragon 2015, la partenza della MotoGP

CLASSIFICA PILOTI DOPO ARAGON

  1. Valentino ROSSI, Yamaha – 263
  2. Jorge LORENZO, Yamaha – 249
  3. Marc MARQUEZ, Honda – 184
  4. Andrea IANNONE, Ducati – 172
  5. Bradley SMITH, Yamaha – 143
  6. Andrea DOVIZIOSO, Ducati – 139
  7. Dani PEDROSA, Honda – 129
  8. Danilo PETRUCCI, Ducati – 93
  9. Cal CRUTCHLOW, Honda – 88
  10. Pol ESPARGARO, Yamaha – 88
  11. Aleix ESPARGARO, Suzuki – 76
  12. Maverick VIÑALES, Suzuki – 74
yachtsynergy ADV bottom