Conclusi i test ufficiali ad Austin per il Team Repsol Honda…. 

Il test della MotoGP privati del Team Repsol Honda sono giunti alla conclusione. Marc Marquez e Dani Pedrosa hanno sottolineato che sono state prove molto importanti. Il rookie Marc Marquez ha concluso con il miglior tempo di 2’03 0,281 cronometrato al 38° giro dei 57 passaggi effettuati. Marc ha usato questo test per familiarizzare ulteriormente con la moto e ha trascorso il tempo di lavoro con l’elettronica e la distribuzione dei pesi sulla sua Honda RC213V.

Il suo compagno di squadra Dani Pedrosa, ha terminato i test con il 2° miglior tempo in 2’03 0,898 cronometrato al 4° giro dei 25. Dopo aver provato alcune impostazioni nella mattinata, Dani ha deciso di non rientrare in pista nel pomeriggio, a causa di un lieve torcicollo. Ora lo spagnolo si riposerà prima dei prossimi ed ultimi test pre-stagione di Jerez il 23, 24 e 25 marzo, dove cercherà di confermare le modifiche messe a punto e il nuovo ammortizzatore posteriore provato a Austin.

Marc Marquez, 1° tempo in 2’03 0,281

“Questo ultimo giorno è stato molto buono per me. Fin dall’inizio ho avuto questa sensazione rispetto a ieri e soprattutto questa mattina abbiamo iniziato a provare alcune modifiche tecniche per la prima volta, riscontrando alcuni miglioramenti. Dopo il pranzo pensavamo di provare una simulazione di gara ma, alla fine, abbiamo trascorso il tempo lavorando con l’elettronica… E ‘stato importante provare qui, visto che saremo ad Austin per la seconda gara del Campionato. La pista richiede uno sforzo fisico, soprattutto nel primo settore, ma, alla fine, ora conosciamo meglio il tracciato ed abbiamo una buona base per il GP “

Dani Pedrosa, 2° tempo in 2’03 0,898

“Dopo la prima uscita di questa mattina ho avuto un dolore al collo e non sono sicuro di cosa l’abbia causato, ma certo ha influenzato la mia guida e così ho deciso di non percorrere  tanti giri. Tutto è andato bene anche se, in generale, abbiamo avuto tre giorni positivi e sono felice che siamo venuti qui, perché siamo riusciti a percorrere molti giri di questo circuito, molto delicato e difficile.

Ci sono alcuni punti con staccate pesanti e alcuni curve cieche. Era importante provare qui per trovare dei riferimenti. Non siamo stati in grado di provare molto in termini di impostazioni, perché non conoscevamo la pista ed il grip non era al 100%, ma abbiamo lo stesso migliorato. Abbiamo provato solo le gomme con mescola morbida, ma in generale la sensazione è positiva. Vorrei ringraziare la Honda per lo sforzo di venire qui, è stato un test prezioso e ne sono molto grato!”

(Foto per gentile concessione di Garth Milano / Red Bull Content Pool)

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteDIVERSAMENTE DISABILI…IN PISTA
Articolo successivoTEST: THE NEW HYPERMOTARD STRADA – SP
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”