Lo scorso mercoledì 27 agosto il pilota del Team GO&FUN Honda Gresini, Scott Redding, ha visitato il Castrol Global Technology Centre di Pangbourne, alla vigilia del suo Gran Premio di casa…

Il pilota esordiente inglese ha potuto incontrare lo staff che si occupa dello sviluppo e del collaudo dei lubrificanti Castrol, inclusi i prodotti realizzati per le moto, Castrol Power 1, Castrol Actevo e Castrol Activ.

MotoGP 2014: Scott Redding alla Castrol
MotoGP 2014: Scott Redding alla Castrol

Immerso nella campagna inglese del Berkshire, il centro di Pangbourne ospita un laboratorio di miscelazione,  dove più formulazioni vengono miscelate su scala ridotta per essere analizzare in una serie di test prestazionali, oltre a un centro prove motori che rappresenta lo stato dell’arte in materia; Redding ha assistito in particolare alla simulazione di un giro sul famoso circuito inglese di Brands Hatch e ha conosciuto Flossie, il robot motociclista impiegato per i test di precisione: un aiuto fondamentale per realizzare lubrificanti per moto in grado di offrire le massime prestazioni nelle condizioni di guida più estreme.

MotoGP 2014: Scott Redding al simulatore Castrol
MotoGP 2014: Scott Redding al simulatore Castrol

 “A Pangbourne ho vissuto una giornata fantastica –  ha espresso Scott Redding – è stato molto bello conoscere le persone che lavorano con grande entusiasmo per rendere i lubrificanti Castrol un prodotto sempre migliore da ogni punto di vista. Poter osservare da vicino le varie analisi che vengono effettuate sui lubrificanti è stata un’esperienza molto interessante; in più, ho notato come nei test al banco vengano effettuate simulazioni molto accurate, prendendo come riferimento anche dei circuiti da competizione. Queste prove in condizioni estreme portano a molteplici benefici anche dal punto di vista della potenza, un fattore che ovviamente in MotoGP è molto importante!”. 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMX: TONY CAIROLI, TITOLO NUMERO 8 PER LUI
Articolo successivoINTERVISTA: LUCA BRACALI, OLTRE IL VIAGGIO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”