La nuova Fiesta, pratica e tecnologica come uno scooter e sicura grazie a tutta una serie di sistemi “attivi” al servizio dell’utente. Linea rinnovata e nuovi motori, ne fanno la nuova e convincente media del segmento B…

Il segmento B è una “zona” molto affollata di proposte. Ma poche auto possono vantare i record della Ford Fiesta, venduta in più di un milione di pezzi in Italia e che oggi si presenta rinnovata sia nel design che nella “struttura tecnica”, sempre più vicina all’utente con occhi puntati e fermi sulla sicurezza.

Di fatto questa vettura si propone con tutta una serie di avanzate tecnologie che spesso l’utenza può trovare su auto di segmentazione più alta, a dimostrazione del grande lavoro Ford e sul modo di intendere ed re-interpretare la segmentazione B.

Design ed eleganza compatta, anche all’interno

La nuova Fiesta punta su un design decisamente più “provocante” (grazie soprattutto ai paraurti e passaruota decisamente più “importanti”) e sportivo, come dimostrano il frontale, con la grande griglia di forma irregolare, il nuovo cofano, simmetricamente scolpito, oltre al diverso e più efficace design dei fendinebbia e dei fari posteriori.

Dentro la nuova Fiesta la sensazione è quella di un grande equilibrio tra ergonomia ed eleganza: quindi consolle centrale con display da 5” arricchita dal colore nero e da finiture cromo-satinate, “motivi” estetici che si trovano anche su porte e sugli inserti nella zona bassa della consolle. Volante in pelle, il cui materiale compone in parte o completamente i sedili, disponibili anche con una forma lombare ottimizzata e cuciture a vista. Ed anche fuori Fiesta è tutta nuova con una gamma colori che esaltano il diverso carattere e personalità della media Ford.

Tecnologia al servizio dell’utente…

Fanno parte delle novità, il Ford SYNC (comandi vocali avanzati, connessione dispositivi Bluetooth e USB) dotato della funzione Emergency Assistance che, nel malaugurato caso di incidente, mette in comunicazione immediata il 112, segnalando oltretutto la posizione GPS della vettura con la possibilità, una volta stabilito il collegamento, di dialogare con i servizi di emergenza, anche per raccontare lo stato delle cose, di salute, ecc. Gli airbag a bordo sono 7 (compreso quello sulle ginocchia del condicente), con quello passeggero disattivabile.

E non manca il sistema Actice City Stop, ovvero un sistema di frenata automatica alle basse velocità, attivo fino a 30 km/h e che è in grado di evitare i tamponamenti per distrazione fino a 15 km/h. C’è anche l’Assistenza Partenza in Salita, la telecamera posteriore e l’accesso abitacolo KeyFree, oltre all’avviamento con pulsante Ford Power.

Nuovi motori, nuova energia e nuovi allestimenti

Fiesta sarà disponibile con il nuovo tre cilindri turbo EcoBoost 1.0 da 100 Cv, con un aspirato benzina da 80 Cv ed il 1.2 quattro cilindri (sempre a benzina) da 60 Cv oltre che un 1.6 con cambio automatico powershift da 105 Cv. Le motorizzazioni Diesel prevedono i nuovi Duratorq TDCi 1.5 e 1.6 da 75 3 95 Cv.

Due gli allestimenti previsti: Fiesta e Fiesta Titanium mentre presto arriverà la versione Individual con propulsore EcoBoost da 100 Cv e quella GPL 1.4 da 92 Cv.

Come va: maneggevole e scattante

Già entrando nell’abitacolo della nuova Fiesta, si percepisce la cura del dettaglio, lo stile quasi sportivo, che però sa mantenere quei canoni di estrema praticità per pilota ed occupanti. Piacciono le variazioni cromatiche interne, la plancia, completa e funzionale, mentre la seduta è comoda ed avvolgente, perché vuole ricordarci quel pizzico sportivo insito nel DNA della nuova Fiesta. Che certo piacerà a tutti.

La vettura è ben insonorizzata e l’abitacolo è reso ancor più silenzioso dalla presenza del tre cilindri EcoBoost che si fa sentire quel tanto che basta… Il sound è grintoso agli alti regimi, ovvero nella fascia compresa tra 4500 e 6500 giri, dove questo motore sa esprimere tutta la sua natura e propensione a girare alto. La potenza c’è, eccome ed i sorpassi avvengono in totale scioltezza e massima rapidità.

Le sospensioni filtrano perfettamente ogni più piccola asperità e Fiesta è realmente “piantata” a terra, nel senso che sia la tenuta laterale che trasversale, appare molto buona ed ogni reazione è sempre prevedibile e sicura, anche per i neofiti.

Agile e scattante in città, sa muoversi con disinvoltura nel traffico più intenso, complici le ridotte dimensioni esterne, che però non devono ingannare circa la “capacità” interna di new Fiesta. Comoda e sempre generosa se parliamo di spazio a disposizione per i suoi occupanti.

Fiesta è dunque, almeno al primissimo assaggio di questo breve test, una vettura comoda, spaziosa ma, soprattutto, dinamicamente divertente. Grazie anche alla presenza a bordo dei sistemi “attivi” Ford se parliamo si sicurezza Un altro importante passo avanti, perché lusso e sicurezza devono essere di tutti. E per tutti…

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSIC SM DAY: APPUNTI E RIFLESSIONI…
Articolo successivoALTHEA RACING SCEGLIE LA RSV4 NEL 2013…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”