Un’iniziativa per i giovanissimi piloti e per chi vuole approcciare alla pista per imparare ad andare forte… Il Trofeo KTM Duke 200 è pronto alle selezioni…

Il Trofeo KTM Duke 200 ormai alle porte e questa opportunità può lanciare nuovi talenti sotto l’occhio attento di KTM che certo sarà “pronta” ad osservare nel “mucchio selvaggio”. Così, ilTrofeo KTM Duke 200 Trophy è pronto a regalare la prima opportunità ai giovani di vivere un’esperienza unica con un budget realmente basso: ed infatti, il prossimo 16 marzo a Modena, sarà prevista una giornata di test, aperta a tutti i ragazzi dai 14 in su, che assegnerà due borse di studio che andranno ad abbattere ulteriormente i costi di partecipazione al trofeo, fissati in 7450 Euro. Il migliore otterrà un buono sull’iscrizione del valore di 3500 euro, mentre il secondo riceverà un buono di 2000 euro, cifre che di fatto aiuteranno ancor più a sostenere le spese, già di per sé basse, della stagione, tra cui le trasferte.

Tutor professionisti della DSR, visioneranno tutti i partecipanti che si contenderanno le borse di studio in due turni di prove da 20 minuti ciascuno, mentre i premi saranno assegnati non necessariamente ai piloti più veloci, ma a quelli che verranno valutati globalmente e dotati di un maggior potenziale di crescita. Non conterà quindi solamente il tempo sul giro, più semplice da realizzare per coloro  che vantano esperienza nelle competizioni, in modo da poter avere una selezione equilibrata tra piloti esperti e ragazzi alle prime armi. Ma coloro i quali non dovessero essere scelti per la borsa di studio, nessun problema.

Caccia al titolo!

La caccia al titolo e ai super premi finali sarà a portata di tutti e dunque la sfida sarà accesa più che mai per conquistare il titolo e le selezioni Red Bull Cup (http://www.redbull.com), se il vincitore del trofeo sarà under 16, oppure una prova del campionato ADAC Junior Cup 2015 (http://www.adac-motorsport.de/adac-junior-cupche) si corre in Germania con le Duke 390. Per partecipare alla selezione del programma giovani indetto da Sprinthouse e al campionato basterà contattare l’organizzatore a info@duketrophy.it, oppure telefonare al 339-4986800.

Il “movimentato” campionato partirà ufficialmente il 3-4 maggio a Franciacorta, in concomitanza con i Trofei Motoestate 2014 e si disputerà su cinque prove (3,4 maggio Franciacorta; 7-8 giugno Modena; 28-29 giugno Cervesina; 2-3 agosto Cervesina; 20-21 settembre Franciacorta) alle quali si affiancheranno 2 corsi master di guida per approcciarsi nel modo giusto alla pista e alle gare. Il costo dell’iscrizione al trofeo dà diritto a moto, trasporto moto, casco Airoh, stivali TCX, manutenzione ordinaria dei mezzi in officina, materiali d’usura, gomme, tutoraggio in pista durante le gare,  iscrizione ai cinque round del campionato e due test master di guida che si svolgeranno prima dell’inizio del torneo e dopo la prima gara.

Correre si, ma con poca spesa…

KTM Duke 200 Trophy sarà sì un campionato combattuto, ma vuole essere una palestra per avvicinare i giovani alle corse senza esborsi economici gravosi da parte delle famiglie e dare al migliore un’opportunità internazionale e agli altri partecipanti la possibilità di divertirsi e crescere come piloti. Un’opportunità dunque unica che ha l’obiettivo di portare in pista tanti ragazzi facendoli crescere e divertire in sicurezza, dando così nuova linfa al vivaio motociclistico italiano e dar vivere loro cinque weekend di gara in compagnia delle classi che compongono i trofei Motoestate e fare così nuove amicizie con ragazzi che condividono la passione per le moto.

 

Articolo precedenteMETZELER: PILOTI E INIZIATIVE ROAD RACING 2014
Articolo successivoREPSOL & HONDA: VENTI ANNI INSIEME NELLE CORSE
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”