Madrid ha ospitato la celebrazione del 20° anniversario della grande collaborazione tra Repsol e Honda nella classe regina del Motomondiale, tanti successi e grandi piloti…

Negli ultimi 20 anni, questa alleanza ha agguantato ben 10 titoli mondiali, 124 vittorie e 338 podi tra 500 cc e MotoGP. Questa lunga collaborazione tra sponsor e fornitore nella storia del Motomondiale ha goduto di molti successi sportivi e anche molto ha fatto per lo sviluppo tecnologico. Repsol e Honda hanno iniziato la loro partnership nel febbraio del 1995, con da un mix “globale” moto  legato a carburante e lubrificante .

Gli attuali piloti Repsol Honda Team, Marc Marquez e Dani Pedrosa, sono stati raggiunti da Alex Crivillé. Sul palco anche il presidente del Ministero dello Sport spagnolo, Miguel Cardenal , il CEO di Dorna, Carmelo Ezpeleta ed il presidente RMFE, Angelo Viladoms. Purtroppo, il vice Presidente Esecutivo di Honda Racing Corporation, Shuhei Nakamoto, è stato catturato dal maltempo in Giappone e non ha potuto partecipare all’evento. Sul palco inoltre sono state “posate”  le sei dei moto vincenti di questi due decenni: sono state esposte durante l’evento le Honda di Mick Doohan (1997) , Alex Criville (1999) , Valentino Rossi (2003) , Nicky Hayden (2006) , Casey Stoner (2011) e Marc Marquez (2013) .

Un lavoro di Team…

Per Repsol, questa lunga collaborazione con Honda è uno stimolo per lo sviluppo di prodotti oltre che per la concorrenza riscontrata nel Motomondiale. Questi sviluppi sono transitati poi a più di 4.000 stazioni di servizio, quindi anche uno stretto legame tra il laboratorio Honda a Saitama, in Giappone, e il Technology Centre Repsol in Mostoles, Spagna. Repsol e Honda operarano in settori diversi e hanno diverse culture aziendali, ma sono state in grado di usare le loro forze per realizzare una partnership di successo fin dal lontano 1990. La collaborazione ha mosso i primi passi nello sviluppare lubrificanti e carburanti motori per i motori due tempi per poi passare successivamente allo sviluppo di tecnologie per i nuovi quattro tempi .

“E’ difficile spiegare cosa si prova a vedere la mia moto qui con altre Honda vincenti – racconta Marquez -. E ‘ un onore far parte del Repsol Honda Team e di essere parte della storia di questa grande squadra anche con il mio titolo 2013 . Vedendo la mia moto accanto a quelli di Rossi, Criville, Doohan, Stoner e Hayden mi riempio di orgoglio e questo mi da una motivazione in più per la stagione che sta per partire. Partecipare nel 2013 con questa squadra e vincere il mio primo titolo è stato un sogno che si avvera. Tutti i miei idoli hanno corso  con il Repsol Honda Team”.

“L’alleanza di Repsol e Honda è molto significativa per me – spiega Pedrosa  – è un qualcosa di cui molte persone sono a conoscenz . Se si parla di questa squadra, si sa che è uno dei “vestiti” di maggior successo degli ultimi anni . La cosa più bella è che questa unione dura ormai da 20 anni. Questa continuità è qualcosa che non si vede troppo spesso e io , personalmente , apprezzo questa continuità “.

Siamo molto fortunati di celebrare i 20 anni di partnership con Repsol – spiega Livio Suppo – . Questa non è una partnership commerciale normale, ma anche una partnership tecnologica con gli ingegneri di HRC e Repsol. Lavorare insieme per produrre combustibile specifico , olio motore e lubrificanti per le corse significa anche condividere un grande successo nel corso degli anni e molti titoli e spero che ne festeggeremo molti di più in futuro “.

“Questa alleanza che dura da 20 anni tra Repsol e Honda è basata sullo sviluppo tecnologico e il supporto per lo sport – racconta Milagros Vior,  Vice Direttore Sponsorizzazione Repsol – di cui condividiamo valori che includono innovazione, responsabilità e impegno. La condivisione di questi valori ci permette di migliorare oltre che aspirare all’eccellenza dentro e fuori i cicuiti “.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteDUKE TROPHY: BORSA DI STUDIO A MODENA IL 16 MARZO
Articolo successivoBENELLI SBARCA IN BRASILE CON NUOVI STIMOLI
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”