K-Light è la street bike 125 by Keeway, moto che si ispira al design eclettico delle cruiser che ora arriva nella versione con omologazione Euro 5

Di fatto le sue linee hanno tanta ribellione dentro, una moto con cui vivere la città in chiave custom, facile ed intuitiva da guidare. Insomma, una street bike a 360° che nasce per chi si avvicina sia al mondo delle due ruote quanto a quello delle custom.

Spinta da un monocilindrico da 125 cc, vanta distribuzione SOHC “quattrovalvole” capace di erogare 7,8 kW a 9000 giri con coppia di 8,9 Nm a 7500 giri. Il design si concentra sul serbatoio a “goccia”, sul proiettore anteriore tondo oltre che sulla sella molto accogliente. L’anima retrò della K-Light è evidenziata anche dalla strumentazione digitale ma rotondo nel design.

 keeway k-light125 - performancemag.it 2021

L’impianto frenante, dotato di sistema CBS meccanico, vanta disco anteriore da 280 mm e posteriore da 240 mm; una differenza invece riguarda il diametro dei cerchi ruota, da 17” davanti da 15” al posteriore.

Ed infine, l’altra carta vincente della K-Light, sono i consumi ridottissimi, visto che può percorrere 100 km con soli 2,5 litri di carburante. È offerta, in versione dotata di CBS, a 2.190,00 euro franco concessionario.

Articolo precedenteMINIMOTO 2021, PARLA FARINELLI
Articolo successivoPROGETTO MX 2O21: ECCO LE LIVREE
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”