La RKF125 è pensata per divertire le new generation di piloti stradali. È spinta dal monocilindrico “quattrovalvole” e vanta un robusto telaio a traliccio

Di fatto la grinta non gli manca e nemmeno il dinamismo. È una star certamente che verrà apprezzata dai giovanissimi rider che troveranno, nelle linee decise della RKF125, una moto esaltante che nasce per un divertimento al top delle sensazioni.

performancemag.it-KEEWAY-RKF125

La RKF125 by Keeway si presenta con nuove ed aggressive colorazioni oltre ad una diversa grafica di base; su tutte spicca la Flash Green, che verrà proposta all’utenza in serie strettamente limitata.

performancemag.it-KEEWAY-RKF125

È spinta dal piccolo ma generoso monocilindrico da 125 cc “quattrovalvole” raffreddato a liquido, capace di ottime performance tra le curve grazie al 9,4 kW erogati a 9500 giri che sviluppa una coppia di 10 Nm a 8500 giri. Il piccolo propulsore è “abbracciato” da un telaio a traliccio in tubi d’acciaio che, abbinate alle coperture 100/80 e 130/70, regalano tanta tenuta e maneggevolezza.

performancemag.it-KEEWAY-RKF125

Sui cerchi da 17” sono montati dischi freno da 260 e 220 mm con impianto dotato dell’utile CBS. Tre i colori disponibili: si parte dai “grandi classici” bianco e nero a cui si aggiunge la colorazione Limited Edition Flash Green: Il prezzo della smart bike RKF125? La piccola di Casa Keeway costa 2490,00 euro franco concessionario.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSHERCO GAMMA ENDURO 2021
Articolo successivoKTM, LA NUOVA GAMMA MX 2021
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”