Piccoli rider pronti alla sfida “elettrica”? Beta ha presentato la seconda generazione del Minicross-E, elettrica raffinata per giovano campioni in erba che vanta novità tecniche tra cui un peso inferiore

Questa “generazione due” adotta una nuova batteria Li-Ion da 36V 13 AH che consente energia per 45 minuti ma è anche più leggera, elemento che abbassa dii ben 5 kg il peso della moto e che ne aumenta il potenziale e la facilità di guida per bambini dai 6 agli 11 anni.

minicross-E-beta-performancemag.it

Spicca la nuova veste grafica ma, soprattutto, tanta tecnologia “da grande” come il forcellone in alluminio (su cui spicca uno speciale trattamento termico), il freno a disco idraulico, la valida forcella USD da 33 mm ed il mono posteriore regolabile.

minicross-E-beta-performancemag.it

Più nel dettaglio tecnico, la Minicross-E, pesa 38 kg ed ha lunghezza massima di 1400 mm con valore di interasse di 1025 mm ed un’altezza sella a 695 mm da terra. Il telaio è in robusto acciaio ed il forcellone come detto in Alluminio mentre le ruote sono da 12 e 10”. Per il resto è tutto silenzio per fare spazio solo alla guida ed al divertimento…

Minicross-E My 2019

Articolo precedentePROVA: FORD KA+ACTIVE, L’ESPLORATRICE
Articolo successivoFORMULA E: DI GRASSI VINCE L’E-PRIX DI BERLINO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”