Il mondiale MX arriva a Fermo, sarà uno spettacolo avvincente…

Il 28 e 29 aprile si svolgerà la terza prova del FIM Motocross World Championship, per la corsa ai titoli iridati della stagione. Un evento che è prima di tutto uno spettacolo straordinario non solo per gli addetti ai lavori ma anche per chi abitualmente non segue questa eccentrica disciplina.

La manifestazione offrirà l’opportunità di trascorrere una intensa giornata di grande sport immersi nel suggestivo scenario collinare del circuito fermano, ma sarà anche un valido motivo per sostenere i nostri ragazzi impegnati in uno dei campionati di motocross più combattuti del pianeta.

Anche quest’anno, l’ultimo fine settimana di aprile, le calme colline del Fermano e la sua città capoluogo di provincia, saranno pacificamente invasi dagli appassionati del motocross, che accorrono sempre più numerosi ad assistere a questo evento da tre anni nel calendario mondiale della specialità: il Gran Premio d’Italia di Motocross.

Uno dei crossdromi più spettacolari dell’intera stagione permetterà ai più grandi riders di sfidarsi tra le curve e salti mozzafiato di questo tracciato old style, regalando come sempre battaglie entusiasmanti dall’esito mai scontato in entrambe le classi MX1 e MX2.

Il Monterosato sta lavorando affinché il circuito possa rispondere sempre più alle normative vigenti in tema di sicurezza ma anche di accoglienza perché il prossimo 28 e 29 aprile, data del terzo round mondiale, il paddock di Fermo dovrà accogliere ancora l’interessante UEM European Motocross Championship 125, oltre alla gara internazionale “Week-end da Campioni” aperta a tutti i piloti con licenza Fuoristrada Under/Over 21 (non Elite) che si svolgerà nei giorni di venerdì e sabato, con la cerimonia di premiazione la domenica, le iscrizioni sono ancora aperte.

I lavori sono sempre stati compiuti in accordo e secondo le indicazioni del Comitato Impianti della Federazione Motociclistica Italiana e FIM affinché il circuito migliori sempre con le caratteristiche necessarie per offrire massima sicurezza ai piloti e comfort al numeroso pubblico atteso sul Monterosato.

Il GP olandese ha confermato l’ottimo stato di forma del più grande pilota italiano di tutti i tempi, Antonio “Toni” Cairoli (Ktm). Il forte siciliano ha centrato entrambe le manche, vincendo sempre davanti al belga Clement Desalle (Suzuki) e al francese Steven Frossard (Yamaha), giunti nell’ordine di giornata. La prossima gara sarà il GP of Bulgaria a Sevlievo, il 22 aprile, e una settimana più tardi tutti a Fermo dove è attesa la terza tappa, momento in cui i piloti saranno al top della forma fisica.

Sempre con una bella doppietta in classe MX2, il giovane pilota olandese Jeffrey Herlings (Ktm) ha centrato le due vittorie di manche e occupato la posizione del capofila in campionato, seguito dal belga Joel Roelants (Kawasaki) e dal britannico Tommy Searle (Kawasaki) con un secondo e un terzo a testa.

Il Moto Club Monterosato ha in programma nei giorni del GP anche interessanti eventi. In collaborazione con il Comune e il Sistema Museo di Fermo, sarà proposto “Cross Art”: una convenzione attivata tra il Mondiale di Motocross e il Sistema Museo della città. Nei giorni delle gare saranno previsti sconti e riduzioni nei musei di Fermo per i possessori dei biglietti delle prove mondiali delle classi MX1, MX2 e Europeo. Oltre al progetto Cross Art, rientra nel programma delle manifestazioni collegate al Mondiale di motocross anche una mostra sulla storia della disciplina nel Fermano.

Articolo precedenteLa pioggia condiziona i test Ducati al Mugello
Articolo successivoIntervista Ing.Fiaccavento: il 4T Piaggio 330
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”