E’ stata presentata la TR004, nuova “creatura” della Iodaracing Motor Company, Azienda guidata da Giampiero Sacchi, moto pronta alla sfida 2014 nell’agguerrita Moto3.

La TR004 è un po’ il concentrato tecnico e tecnologico delle precedenti 001 e 002, in griglia del Motomondiale fin dall’esordio della categoria “4 tempi” da 250 cc. Questo progetto, quantomai “aperto” in considerazione delle esigenze dei team della Moto3, è stato pensato per ospitare il monocilindrico Honda NSF250F, propulsore tra i più utilizzati nel Mondiale e non solo, anche in virtù della sua potenza e prestazioni finali.

Ma non è tutto: la TR004 by Iodaracing è stata pensata in una chiave ergonomica molto importante rispetto all’intero progetto. Lo dimostrano le pedane, ricavate dal pieno, e che hanno ben 6 possibilità di “setting” legate alle regolazioni personali. C’è da aggiungere che le molte lavorazioni dei materiali imprimono un’elevata rigidità ai componenti, fattore che, per il pilota, si trasforma in sensazioni di guida “molto più dirette”.

Carena in fibra in due pezzi…

La carena della TR004 si suddivide in soli due zone: il cupolino e la pancia o parte inferiore con forme “armonizzate” in galleria del vento. Il telaietto reggisella (che ingloba il serbatoio carburante staccabile) invece, è area portante ed è costruita sempre in leggera fibra di carbonio, così come il codone, quest’ultimo staccabile.

La ciclistica: telaio a doppia trave discendente

Il telaio della TR004 è forte di uno schema a doppia trave discendente, realizzato con particolari leghe in alluminio, soprattutto perché deve “coabitare” con strutture saldate; le due travi sono in estruso, quindi pezzi unici e non lamiera piegata/stampata, scelta che nasconde investimenti importanti per via delle particolari lavorazioni, visto che, dopo la saldatura delle travi, l’intera struttura viene trattata termicamente al fine di rispettare le tolleranze dimensionali del progetto.

Anche sulla TR004, sono impiegate boccole per sterzo e forcellone, scelta che consente la variazione delle quote ciclistiche in funzione delle esigenze pilota e del tracciato. Quindi è possibile variare i parametri di sterzo, interasse, avancorsa (queste due molto importanti se parliamo di ricerca dell’agilità della moto) ed altezze.

Forcellone in lamiera stampata

Lamiera stampata e parti ricavate dal pieno invece per il forcellone ed anche in questo caso, tutte le zone funzionali vengono ritrattate e riprese dopo le saldature, quali appunto le sedi del tendicatena e quelle dei cuscinetti, testa forcellone e punto di attacco e collegamento del leveraggio. La sospensione posteriore Pro-Link (con ratio sviluppato da Ioda Racing sulla base delle esperienze attuali) è caratterizzata da un monoammortizzatore molto corto, sistemato parecchio in basso, posizionamento nettamente più inferiore rispetto ad altri telai equipaggiati con il motore Honda.

Motore e sistema di abduzione dinamica

Una grande porzione del progetto TR004 ha visto lo studio approfondito dell’aerodinamica e “approvvigionamento” dell’air-box: si tratta di un elemento in fibra di carbonio con inserti in alluminio sviluppato dal Reparto Ingegneristico della Ioda Racing, con a capo l’Ing. Luis Tintorè.

Come accennato prima, lo scopo era quello di fornire un gradiente maggiore di flusso in ingresso a beneficio delle prestazioni del mono Honda; così, il flusso viene “condotto” verso una zona filtrante per un volume globale molto più elevato rispetto alla TR002. Il risultato è stato ottenuto posizionando una presa aria proprio sotto alla piastra di sterzo, in luogo della “classica” posizione centrale nella carena e questo per non compromettere la rigidità dell’area cannotto di sterzo e quindi del telaio stesso.

Nella sua prima versione, il gruppo di scarico della TR004, esce sul lato sinistro del telaio, s’infila sotto al motore per poi uscire dal lato destro della moto, schema simile a quello della NS250F; ma la TR004 è pensata anche per uno scarico con collettore che fuoriesca da sotto al codone posteriore.

Iodaracing TR004: doppia versione…

La Ioda TR004 viene proposta in vendita in due versioni: TR004 Completa – Moto completa con motore Honda (+ kit motore Geo) + elettronica con centralina dell’orto e cruscotto: 110.425,00 € (+ I.V.A.)

KIT TR004 – Ciclistica TR004 + ammortizzatore + cerchio posteriore + disco freno

posteriore: 73.450,00 € (+ I.V.A.) – in questo kit non sono compresi: motore, eventuale kit del motore, forcella anteriore, pinze freno anteriori, dischi freno anteriore, cerchio anteriore, pinza freno posteriore, centralina, cruscotto, sensori, mentre il cablaggio per l’elettronica è fornito perché dedicato. Il KIT TR004 è stato pensato per chi utilizza già delle moto con motore Honda e in conseguenza ha già a disposizione: il motore, le sospensioni, i cerchi, gli impianti di freno, la centralina e tutta la elettronica.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteIL BLOG DI ENERGICA, MUOVERSI GREEN…
Articolo successivoMOTO GP: DUCATI AL LAVORO A MONTMELO’
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”