Indianapolis, luogo magico per le quattro e le due ruote: il pilota del Team GO&FUN Honda Gresini, Alvaro Bautista, ha voluto approfondire l’argomento visitando la factory Andretti Autosport,..

Questa è di fatto la squadra vincitrice lo scorso maggio dell’ultima edizione della 500 Miglia di Indianapolis, con Ryan Hunter-Reay al volante di una Dallara motorizzata Honda. Bautista è stato accompagnato in questa speciale visita da Zach Veach, pilota diciannovenne impegnato nel campionato propedeutico Indy Lights e pronto al salto in IndyCar nel 2015: Veach ha spiegato allo spagnolo tutti i retroscena del campionato per monoposto più importante degli Stati Uniti.

Alvaro Bautista in visita all'Andretti Autosport
Alvaro Bautista in visita all'Andretti Autosport

“Ho avuto l’opportunità di vedere da vicino come lavora un team di IndyCar ed è stato molto interessante – racconta incuriosito Alvaro Bautista -, una bellissima esperienza. Non conoscevo queste vetture e ho visto quanto sia elevato il livello tecnologico: del resto si tratta della massima categoria automobilistica qui in America e ho potuto notare tante analogie con il nostro mondo; non viene lasciato nulla al caso, proprio come in MotoGP. Ho anche provato a entrare all’interno di una monoposto, ma ho avuto difficoltà, lo spazio è veramente limitatissimo! Pensare di correre con queste macchine a oltre 370 km/h sull’ovale di Indy, con i muretti così vicini, è pazzesco… perciò ho grande rispetto per i piloti di IndyCar. Il team Andretti ha anche vinto la 500 Miglia quest’anno, perciò spero che ci portino fortuna per questo fine settimana!”.

Molte le attività dell'Andretti Autosport: WRX, Midjet, F.Indy e molto altro
Molte le attività dell'Andretti Autosport: WRX, Midjet, F.Indy e molto altro

Il Team Andretti Autosport

Il team Andretti Autosport è uno dei protagonisti della IndyCar Series, campionato al quale prende parte con quattro Dallara-Honda affidate a Marco Andretti, Ryan Hunter-Reay, James Hinchcliffe e Carlos Munoz. Con sede a Indianapolis e guidata da Michael Andretti,la Andretti Autosportha vinto quattro campionati IndyCar (nelle stagioni 2004, 2005, 2007 e 2012) e ha vinto tre volte la 500 Miglia di Indianapolis (2005, 2007, 2014). La stagione 2014 vedràla Andretti Autosportpartecipare anche alla Formula E, il nuovo campionato FIA per monoposto elettriche.

Alvaro Bautista con  Zach Veach, pilota diaciannovenne della F.Indy
Alvaro Bautista con Zach Veach, pilota diaciannovenne della F.Indy

Indycar Series: da 500 a 700 Cv per 370 km/h

L’IndyCar Series è il campionato per vetture a ruote scoperte più importante degli Stati Uniti ed è animato da monoposto spinte da motori V6 di 2,2 litri ad iniezione diretta e turbocompressi; tali unità producono dai 500 ai 700 cavalli a seconda della regolazione della sovralimentazione. Le vetture dell’IndyCar utilizzano etanolo come carburante e all’Indianapolis Motor Speedway raggiungono velocità superiori ai 370 km/h. La famosa 500 Miglia di Indianapolis rappresenta ogni anno l’evento più importante in calendario.

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteINTERVISTA: MARCO MELANDRI SOGNA ART
Articolo successivoKTM RC 125: BELLA DA FAR GIRARE LA TESTA!
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”