Il Ducati Team in Spagna per il Gran Premio de Catalunya a Barcellona, un tracciato  caratterizzato da punti per i sorpassi…

La MotoGP ritorna nella penisola iberica per la seconda volta in meno di sei settimane, questa volta a Barcellona, per il Gran Premio della Catalunya. A Montmeló la Ducati ottenne la sua prima vittoria in MotoGP dieci anni fa con il mitico Loris Capirossi. Questo intrigante circuito è conosciuto per il suo lunghissimo rettilineo oltre che per i numerosi punti di sorpasso…

Cinque podi nelle tre classi, inclusa una vittoria in 250cc nel 2006, è il bottino ottenuto finora da Andrea Dovizioso al Gran Premi de Catalunya. Il pilota Ducati ha terminato la gara 2012 al terzo posto e scenderà sulla pista catalana per la prima volta in sella alla GP13, ristabilito dai forti dolori al collo procuratigli dalla caduta nelle prove libere al Gran Premio d’Italia. Anche a Nicky Hayden ama molto il tracciato catalano, dove terminò al secondo posto nella gara del 2006, anno in cui conquistò il suo titolo mondiale. Ma, subito dopo il weekend di gara, il Ducati Team prenderà parte al test IRTA previsto per lunedì, dove continuerà il lavoro di sviluppo della Desmosedici GP13.

 “Barcellona è una delle piste più belle del Mondiale – ha detto Andrea Dovizioso –, ed è sempre piacevole per me andare a correre in Spagna. Per quanto mi riguarda, non so ancora come si comporterà la mia Desmosedici GP13 perché non ho mai guidato la Ducati su questo circuito. Forse non è una delle piste più favorevoli per noi perché ci sono tanti curvoni dove il movimento del posteriore fa la differenza e la nostra moto tende a ‘pompare’ un po’ troppo, però non ha senso arrivarci prevenuti. Sono sempre molto entusiasta di andare al Montmeló e ci arrivo carico, soprattutto perché abbiamo fatto un buon test al Mugello la settimana scorsa.”

Meno brillante nelle dichiarazioni Hayden, comunque fiducioso… “Non ho mai avuto molta fortuna sul tracciato di Barcellona negli ultimi anni. Ho sempre faticato molto, in particolare nei lunghi curvoni, che sono molto importanti. Comunque sappiamo che il Circuito di Catalunya è una bellissima pista, e mi piace molto l’atmosfera durante il weekend. Spero di ottenere un risultato migliore di quello degli ultimi due anni, e in ogni caso ce la metterò tutta, come sempre.”

E Vitto Guareschi ricorda l’esordio di 10 anni fa… “Barcellona è una pista piena di bei ricordi, per la Ducati e per me. Infatti, proprio dieci anni fa, la Desmosedici GP3 ha fatto il suo esordio nei test invernali con Loris Capirossi, ottenendo la pole position nel time-attack, ed ha poi conquistato il primo successo Ducati in MotoGP nella gara di Giugno. Andiamo a Barcellona dopo due giorni di test al Mugello, dove abbiamo trovato diverse soluzioni interessanti. Adesso le proveremo in Spagna per capire che benefici ci possono dare su una pista diversa. In questo periodo, fra gare, test e lavoro di sviluppo, siamo tutti davvero molto impegnati e sotto pressione e quindi colgo l’occasione per ringraziare tutti i membri della squadra per l’impegno che ci stanno mettendo.”

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMT-09: LA NUOVA SS TRE CILINDRI YAMAHA
Articolo successivoYAMAHA OFFROAD: YZ250F E YZ450F ORA SIMILI…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”