Aprilia entrerà in MotoGP nel 2015, con un anno di anticipo rispetto ai programmi annunciati, con la squadra gestita da Fausto Gresini. Ora si cercano i piloti. Melandri opzione possibile?

La strategia definita dal Gruppo Piaggio per l’impegno Aprilia nella classe MotoGP, punta a favorire una rapida crescita del livello di competitività, concentrando ogni sforzo tecnico e organizzativo delle strutture di Aprilia Racing sullo sviluppo dei prototipi.  Per questo, Aprilia Racing farà scendere in pista le proprie moto avvalendosi di un accordo raggiunto con Gresini Racing..

Questo consentirà ad Aprilia Racing, di usufruire dell’importante contributo di Gresini Racing in termini di esperienza e conoscenza della classe MotoGP, e tale da concretizzare la decisione strategica di debuttare già nella prossima stagione. L’accordo avrà valore quadriennale e pertanto Gresini Racing gestirà in pista le moto Aprilia, nella classe MotoGP, sino alla stagione 2018. Aprilia Racing ha attualmente in corso le valutazioni in merito ai piloti che saranno parte del progetto MotoGP.

MotoGP: 2014: Gresini soddisfatto per questa grande avventura strada con Aprilia
MotoGP: 2014: Gresini soddisfatto per questa grande avventura strada con Aprilia

Abbiamo deciso di debuttare con un anno di anticipo perché le competenze tecniche e agonistiche di Aprilia Racing sono di assoluta eccellenza” – commenta il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio, Roberto Colaninno -. “Il percorso di crescita nella Superbike è stato, in questo senso, esemplare, dal debutto nel 2009 ai cinque titoli mondiali sinora vinti con la RSV4″. Straordinario il track record di Aprilia nell’ultimo decennio: “Il Gruppo Piaggio gestisce Aprilia dal 2005” ricorda Roberto Colaninno. “e in meno di dieci anni, Aprilia ha vinto 26 dei 52 titoli mondiali conquistati nella sua storia. A questi si aggiungono altri quattro titoli, il mondiale 250 di Marco Simoncelli con Gilera e tre mondiali vinti nella 125 dalla Derbi, che fa sempre parte del Gruppo Piaggio e ha portato a vincere il primo titolo mondiale un giovanissimo Marc Marquez“.

Nuova sfida per Fausto Gresini

Dunque la squadra sarà gestita dal due volte campione del mondo classe 125cc Fausto Gresini,la Gresini Racing è impegnata nel Motomondiale dal 1997, raccogliendo risultati sportivi di prestigio: ai due titoli iridati vinti nel 2001 con Daijiro Kato (250cc) e nel 2010 con Toni Elias (Moto2), alle 40 vittorie e 114 podi conquistati si aggiungono i titoli di vicecampione del mondo MotoGP ottenuti per tre stagioni consecutive, nel 2003 e nel 2004 con Sete Gibernau e nel 2005 con Marco Melandri.

Fausto Gresini: “Sono molto contento che Aprilia abbia individuato nella Gresini Racing il partner ideale per il proprio rientro in MotoGP: desidero perciò ringraziare il Gruppo Piaggio per avermi offerto un’opportunità irrinunciabile, quella di lavorare a stretto contatto con una Casa costruttrice così gloriosa; un marchio italiano che nel corso della propria storia è diventato sinonimo di passione per le competizioni, raggiungendo traguardi incredibili a livello mondiale. L’accordo di collaborazione tra Gresini Racing e Aprilia, che si svilupperà su quattro anni, apre un nuovo capitolo della nostra storia: in questo momento avverto una grande responsabilità, ma ancora più grandi sono le motivazioni e gli stimoli per far sì che questa nuova emozionante sfida tutta italiana proceda nel migliore dei modi. Il mondo dei Gran Premi è parte integrante del marchio Aprilia: poterlo rappresentare nella classe regina, la MotoGP, è per tutti noi un motivo di grande orgoglio. Un riconoscimento incredibile per il lavoro fatto in questi anni dalla Gresini Racing”.  

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMOTO GP: MARQUEZ FA IL PIENO A CORPOLO
Articolo successivoMOTO GP: DOMINIO DI ROSSI A MISANO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”