MOTO GP: VINALES IL PIU’ VELOCE NEL DAY 2

86 0

Maverik Vinales davanti a tutti a fine DAY2 di Sepang. Alle sue spalle la coppia Suzuki/Rins mentre Jack Miller è il pilota Ducati più veloce. Dovizioso 4°, Petrucci 9° mentre Marquez è solo 8° a causa del dolore alla spalla

Secondo giorno di test a Sepang e cambia tutto: il più veloce è Maverik Vinales che ha provato sempre in configurazione gara utilizzando pure la simulazione del GP con ottimi risultati. Anche Valentino Rossi ha girato ma è più “abbottonato” sulle effettive condizioni della sua M1 e, giustamente, vuole attendere di provare anche cose nuove per esprimere un giudizio più globale anche se Rossi è comunque soddisfatto.

Continua a sorprendere il binomio Alex Rins/Suzuki, velocissimi ed estremamente soddisfatti come pure dichiarato da Davide Brivio. La prima Ducati è invece quella di Jack Miller, che va forte davvero ed ha chiuso con il terzo tempo assoluto del DAY2; per le altre Ducati, quelle del “Dovi” e Petrucci, Andrea ha fatto meglio di Danilo chiudendo con un ottimo 4° tempo, mentre Danilo chiude al 9° posto. Infine Marc Marquez, chiude la sua giornata con l’8° tempo perché il dolore alla spalla inizia a farsi sentire mentre Pecco Bagnaia chiude 12°, non male per il neoacquisto Ducati Pramac. Domani ultimo giorno di test.

Maverick Viñales, 1°: “Oggi abbiamo cercato di lavorare molto duramente sul ritmo di gara. Abbiamo sempre usato le specifiche gara. Mi sentivo bene e verso mezzogiorno abbiamo fatto dei buoni tempi sul giro soprattutto durante la simulazione quando faceva molto caldo, senza grip, quindi sono davvero contento di come abbiamo lavorato. Abbiamo fatto un buon miglioramento globale sulla moto, quindi dobbiamo provare a rifarlo domani”.

Alex Rins, 2° tempo:Oggi è stata una giornata molto positiva; abbiamo provato la nuova carenatura, alcune nuove impostazioni elettroniche e tutto è andato bene. Il mio ritmo e il quello di gara erano molto buoni, anche con gomme usate. Siamo stati in grado di confermare un sacco di cose, abbiamo ancora bisogno di migliorare un po’, ma niente di importante. Nel complesso, sono molto contento di come sta andando e anche dei miei tempi sul giro.”

Davide Brivio – Team Manager: “E’ stata un’altra buona giornata, Alex ha lavorato molto duramente con molti test e alcuni confronti. Doveva essere molto paziente e dare un sacco di feedback, il che non è un compito facile, soprattutto con questo caldo. Alla fine della sessione è andato all’attacco del tempo e ha ottenuto ottimi tempi sul giro, quindi è un segnale positivo e un buon finale. Sentiamo di aver fatto un buon lavoro oggi, ha reso tutto più chiaro in termini di set-up. Anche Joan ha lavorato molto e abbiamo fatto progressi anche con lui. Domani continuerà i suoi progressi di apprendimento con più giri e siamo contenti di come andrà tutto “.

Jack Miller, 3° tempo: “Abbiamo lavorato molto sul set up provando molte soluzioni. Il feeling con la moto è comunque molto buono e già con la gomma media usata sono riuscito a scendere sotto i 2’. Peccato per la caduta: è la seconda in due giorni alla curva 9. Domani devo riuscire ad interrompere questa brutta tradizione”.

Andrea Dovizioso, 4° tempo: “È stata una giornata positiva, e sono molto contento del nostro metodo di lavoro che ci ha consentito di raccogliere molte informazioni interessanti. Oggi ci siamo concentrati su alcune aree nelle quali lo scorso anno avevamo sofferto un po’, trovando buoni riscontri. Insieme a Danilo siamo anche riusciti a fare due piccoli ‘long run’ portando le gomme a distanza di gara, cosa che ci ha consentito di simulare il GP in modo più completo rispetto a quando si gira da soli. Ci restano ancora alcuni componenti da provare domani: lo sviluppo non si ferma mai e continueremo a cercare ulteriori miglioramenti”.

Valentino Rossi, 6° tempo: “Abbiamo continuato a lavorare perché avevamo altri elementi da migliorare e anche oggi non è stata poi così male. Abbiamo trovato qualcosa che ha migliorato le prestazioni e penso che abbiamo fatto un buon lavoro. Alla fine, il mio ritmo era sempre piuttosto forte. Alla fine, è stato un secondo giorno abbastanza positivo ma abbiamo ancora qualcosa da testare domani. Cercheremo di continuare a lavorare e vedremo com’è la nostra situazione alla fine dei tre giorni “.

Marc Marquez, 8° tempo: “Oggi abbiamo lavorato più o meno come ieri e ho provato alcune cose nuove, le più importanti per la Honda, ho iniziato bene la giornata ma poi la spalla ha iniziato a peggiorare, quindi abbiamo smesso di girare, mi rifarò domani. Non posso guidare esattamente come vorrei, di solito sono un pilota che frena molto tardi e in profondità, ma al momento non posso farlo e devo frenare prima e più delicatamente. Per quanto riguarda la moto, ho lavorato principalmente sull’uscita curva, ma a volte su questo circuito il grip può cambiare molto “.

Danilo Petrucci, 9° tempo: “È stata una giornata molto impegnativa dal punto di vista fisico, perché abbiamo fatto molti giri ed anche completato la distanza di gara in due uscite consecutive nelle ore più calde. Devo dire che abbiamo raccolto dei buoni riscontri sia dal punto di vista tecnico che fisico, e la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Un piccolo inconveniente ci ha impedito di migliorare ulteriormente i tempi sul giro, ma la posizione finale nella classifica delle prove non è certo la nostra priorità. Rispetto a ieri siamo stati molto più competitivi con le massime temperature dell’asfalto, e questo mi rende fiducioso in vista di domani”. 

Pecco Bagnaia, 12° tempo: “E’ stata una giornata molto positiva. Ho lavorato molto meglio di ieri a livello tecnico e nel pomeriggio abbiamo fatto un passo in avanti molto grande. Domani proveremo a fare un time attack ed una simulazione di gara ma penso che per il momento sia un test positivo: giro dopo giro riesco a comprendere meglio la moto”.

SEPANG PRE-SEASON TEST DAY 2 – CLASSIFICA

  1. VIÑALES, Maverick Monster Energy Yamaha MotoGP 1:58.897
  2. RINS, Alex Team Suzuki Ecstar 1:59.424 0.527 0.527
  3. MILLER, Jack Alma Pramac Racing 1:59.517 0.620 0.093
  4. DOVIZIOSO, Andrea Mission Winnow Ducati 1:59.562 0.665 0.045
  5. CRUTCHLOW, Cal LCR Honda CASTROL 1:59.566 0.669 0.004
  6. ROSSI, Valentino Monster Energy Yamaha MotoGP 1:59.625 0.728 0.059
  7. RABAT, Tito Reale Avintia Racing 1:59.664 0.767 0.039
  8. MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.790 0.893 0.126
  9. PETRUCCI, Danilo Mission Winnow Ducati 1:59.845 0.948 0.055
  10. NAKAGAMI, Takaaki LCR Honda IDEMITSU 1:59.966 1.069 0.121
  11. ZARCO, Johann Red Bull KTM Factory Racing 1:59.973 1.076 0.007
  12. BAGNAIA, Francesco Alma Pramac Racing 1:59.995 1.098 0.022
  13. ESPARGARO, Aleix Aprilia Racing Team Gresini 2:00.101 1.204 0.106
  14. QUARTARARO, Fabio Petronas Yamaha SRT 2:00.108 1.211 0.007
  15. MORBIDELLI, Franco Petronas Yamaha SRT 2:00.151 1.254 0.043
  16. BRADL, Stefan Honda Test Team 2:00.230 1.333 0.079
  17. ESPARGARO, Pol Red Bull KTM Factory Racing 2:00.305 1.408 0.075
  18. IANNONE, Andrea Aprilia Racing Team Gresini 2:00.510 1.613 0.205
  19. KALLIO, Mika Red Bull KTM Factory Racing Test Team 2:00.523 1.626 0.013
  20. OLIVEIRA, Miguel KTM Tech 3 Racing 2:00.672 1.775 0.149
Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”