Primo giorno di test per Pedrosa sul curcuito di Sepang: jet-lag ed alcuni problemi di grip hanno reso complessa la prima sessione di prove. Assente Marc Marquez per il suo infortunio…

Avvio decisamente lento per Dani Pedroda nel primo giorno di test della seconda sul circuito malese di Sepang. Tutti i piloti sono scesi gradualmente in pista, resa scivolosa da alcuni test auto durante il fine settimana.  Ma, come l’asfalto è migliorato nel grip, sono scesi i tempi. Dani , “sofferente” per il jet-lag, è stato seduto per la maggior parte della mattina, mentre la pista era al suo stato peggiore; ma poi, già dal primo pomeriggio, ha avuto un fitto calendario di test completando in totale 47 giri, registrando così il suo miglior tempo al giro munero 46 con un tempo di 2’01.160 .

Dopo aver fatto la scelta definitiva del telaio per la sua stagione, Dani e il suo team trascorrere il resto della giornata di test sulle mappature del motore impostando il lavoro su quello del Campione del Mondo  Marc Marquez, che, come sappiamo, non prenderà parte in questi test, costretto a rimanere a casa a causa di un infortunio subito in allenamento la scorsa settimana in Spagna.

“Oggi non era la giornata migliore per i test! La pista era più sporca che mai – spiega Dani Pedrosa – e non c’era assolutamente grip E ‘stato difficile trovare un buon feeling con la moto, che abbiamo trovato solo alla fine della giornata. poi ho avuto anche un alcuni problemi con il jet- lag e non ho potuto dormire molto negli ultimi giorni , quindi non mi sento a posto fisicamente. Come ho detto, alla fine della giornata siamo riusciti ad andare un po ‘meglio ma spero di riuscire a dormire meglio stanotte per continuare a lavorare domani “.

I TEMPI A SEPANG

1 Alvaro Bautista 19 ESP Go & Fun Honda Gresini HONDA 2’00.848
2 Aleix Espargaro 41 ESP NGM Mobile Forward Racing YAMAHA 2’00.900
3 Pol Espargaro 44 ESP Monster Yamaha Tech 3 YAMAHA 2’00.999
4 Andrea Dovizioso 4 ITA Ducati Team DUCATI 2’01.029
5 Jorge Lorenzo 99 ESP Yamaha Factory Racing YAMAHA 2’01.158
6 Dani Pedrosa 26 ESP Repsol Honda Team HONDA 2’01.160
7 Valentino Rossi 46 ITA Yamaha Factory YAMAHA 2’01.349
8 Stefan Bradl 6 GER LCR Honda MotoGP HONDA 2’01.491
9 Bradley Smith 38 GBR Monster Yamaha Tech 3 YAMAHA 2’01.644
10 Nicky Hayden 69 USA Drive M7 Aspar HONDA 2’02.227
11 Cal Crutchlow 35 GBR Ducati Team DUCATI 2’02.319
12 Andrea Iannone 29 ITA Pramac Racing DUCATI 2’02.334
13 Hiroshi Aoyama 7 JPN Drive M7 Aspar HONDA 2’02.709
14 Colin Edwards 5 USA NGM Mobile Forward Racing YAMAHA 2’02.743
15 Yonny Hernandez 68 COL Pramac Racing DUCATI 2’02.823
16 Hector Barbera 8 ESP Avintia Racing MotoGP FTR-KAWASAKI 2’02.975
17 Randy De Puniet 14 FRA Suzuki Test Team SUZUKI 2’03.341
18 Scott Redding 45 GBR Go & Fun Honda Gresini HONDA 2’03.553
19 Michele Pirro 51 ITA Ducati Test Team DUCATI 2’03.991
20 Katsuyuki Nakasuga T1 JPN Yamaha Factory Test Team YAMAHA 2’04.165
21 Mike Di Meglio 63 FRA Avintia Racing MotoGP FTR-KAWASAKI 2’04.885
22 Karel Abraham 17 CZE Cardion AB Motoracing HONDA 2’05.638
23 Nobuatsu Aoki 9 JPN Suzuki Test Team SUZUKI 2’07.302

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteJARI-MATTI LATVALA: LA BATTAGLIA TRA LUI E OGIER
Articolo successivoMOTO GP: SEPANG RALLENTA ROSSI E LORENZO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”