La stagione di Kiara Fontanesi si deciderà questo weekend a Loket, teatro della sfida iridata del Mondiale Cross Femminile: la bionda sfidante Rutledge sarà sempre sotto pressione…

Emozioni, tante emozione per Kiara Fontanesi che, questo fine settimana partirà con quattro lunghezze di vantaggio sulla Rutledge, l’avversaria più tosta della stagione 2014. Poco poco, se consideriamo che ci sono ancora 50 punti: sarà quindi uno spareggio duro, dove vincerà la migliore, ma soprattutto la ragazza con i nervi più saldi.

La Fontanesi è una tostissima però… Ha già vinto due mondiali e ha grinta da vendere. La bionda della Kawasaki è al primo scontro diretto per entrare nell’albo dei campioni. Sulla carta la campionessa del mondo parte certamente favorita: dall’esperienza al dato di fatto che tutte le volte che ha messo sotto pressione l’avversaria l’ha condotta all’errore. Ma il 2014 per Kiara non è stato perfetto. Alti e bassi, episodi sfortunati l’hanno portata a un risicato vantaggio all’ultima sfida e dunque tutto si giocherà su di un tracciato dal terreno duro e dunque ostico per lei che ama il morbido.

Kiara e la sua Yamaha sono dunque stracariche per la nuova sfida. In questo periodo di stop mondiale ha corso diverse gare: si è procurata un trauma cranico in una prova nazionale, ma è tornata al top. Domenica in Germania ha vinto senza problemi la prova del Femminile. Un buon presupposto per il fine settimana Ceco. Inoltre ha dimostrato di essersi ripresa, ha mostrato la grinta dei giorni migliori e una forma fisica invidiabile. La sua Yamaha va forte ed è stata migliorata ulteriormente.

Kiara Fontanesi a caccia di un altro titolo
Kiara Fontanesi a caccia di un altro titolo

Tutti ingredienti che lasciano ben sperare, ma nulla va sottovalutato. E lei lo sa bene. Il primo verdetto sabato, con la disputa della prima manche, poi domenica mattina sapremo il risultato finale. Intanto tutti i tifosi di Kiara stanno partendo per Loket per sostenerla nella gara più importante della stagione. Kiara da parte sua dopo la gara di domenica ha fatto un giorno di relax e da oggi è tornata ad allenarsi sui terreni duri tra Germania e Repubblica Ceca per preparare al meglio questo finale di stagione da cardiopalma.  Insomma forza Kiara!

Spronta per la sfida finale. In questo periodo mi sono allenata parecchio, sono in forma – spiega la Fontanesi -. Forse non mi sono mai sentita meglio. E poi ho tanta voglia di chiudere bene. Il 2014 è stato un anno difficile sotto diversi punti di testa. Ho commesso degli errori. Non sono riuscita a capitalizzare al meglio alcune gare. E così mi ritrovo con soli quattro punti di vantaggio, nulla. Megan va forte, sarà un’avversaria tosta. Io da paerte mia dovrò fare la mia gara e soprattutto punterò tanto sulla prima manche per cercare di aumentare il vantaggio in classifica e correre la seconda con più calma… A Loket ho corso una sola volta. È una pista dura, difficile, ma non possiamo cambiarla. Quindi in questo periodo mi sono allenata molto su piste dal fondo duro e devo dire sono migliorata parecchio. Sono fiduciosa e ce la metterò tutta per vincere il mio terzo mondiale. So che sarà una sfida all’ultima staccata e l’importante sarà mantenere la concentrazione massima e non commettere il minimo errore. Vorrei provare a scappare e impostare il mio ritmo, oppure in caso contrario cercherò di mettere sotto pressione la mia avversaria. Ma comunque la tattica da adottare la capirò solo all’abbassarsi del cancello. Mi giocherò tutto in una gara. E sono pronta!”

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteDUKE 200 TROPHY ROUND 3: TRA I DUE LITIGANTI…
Articolo successivoPROVA: LA NUOVA VW GOLF GTD 184 CV E TANTA COPPIA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”