Il messaggio è lanciato da Emiliano Malagoli, presidente della Onlus Di.Di. Diversamente Disabili:  con il nuovo anno  avvio ad una serie di incontri con gli studenti… 

“Cos’è secondo voi la cosa più importante nella vita?” “Se tutti conoscono le regole della strada, perché accadono tanti incidenti?” “Sapete quanti metri al secondo si percorrono quando si viaggia a 50 all’ora?”

Con queste ed altre significative domande, Emiliano Malagoli, pilota motociclista disabile, ha suscitato la curiosità dei suoi “allievi”, oltre un centinaio di studenti fra gli 11 e i 14 anni dell’Istituto Comprensivo Mastroianni di Roma.

Il pilota toscano, ha dato avvio, infatti, ad una serie di incontri con gli studenti delle scuole medie e superiori per portare in classe la propria esperienza di motociclista-utente della strada e per incentivare i ragazzi a reagire con energia davanti alle difficoltà.

“L’obiettivo è quello di sensibilizzare i ragazzi fin da giovani, e credo che raccontare la mia storia possa essere utile», spiega Emiliano. «Spesso le lezioni più importanti nella vita sono quelle che si vivono in prima persona. Immagino che parlare direttamente con persone che portano addosso le conseguenze permanenti di un incidente, come nel mio caso, possa essere per gli studenti un incontro indelebile ed educativo. E comunque, voglio diffondere anche energia positiva e dimostrare che nella vita non ci si deve mai abbattere, qualunque cosa succeda”.

Grande interesse ha suscitato l’intervento di Emiliano, che ha esordito con un video sulla sicurezza stradale, che porta come testimonial il pluricampione del mondo Michael Doohan, nel quale si vedono i piloti della MOTOGP correre in una pista circondata da ostacoli (alberi, panchine, etc.), per dimostrare che in caso di scivolata in città, questi ultimi si potrebbero rivelare fatali anche per i campionissimi.

In particolare, Malagoli ha fatto riflettere i ragazzi su alcuni dati. «Viaggiando ad una velocità di 50 km/h, che a voi sembra bassa», ha detto, “si percorrono quasi 14 metri in un secondo. E un secondo è circa il tempo di reazione che può avere ciascuno di noi. A volte non ci sono 14 metri liberi a disposizione davanti a noi perché la strada non è una pista… Sarebbe come buttarsi dal terzo piano: anche con il casco e le protezioni da pista non lo fareste mai… Quindi, pensateci bene prima di rischiare e di buttar via la vostra vita in un secondo”.

E’ stata poi portata in classe la tuta da gara messa a disposizione dal pilota del motomondiale Alex De Angelis, per illustrare ai ragazzi l’importanza delle protezioni; nonché guanti, paraschiena e alcuni caschi, per sensibilizzare i ragazzi alla scelta di uno integrale rispetto ad uno aperto. Malagoli ha poi mostrato un proprio video, con le sue immagini di gara e nei box, dalle quali i ragazzi, verso la fine della «lezione», hanno appreso che il loro istruttore era privo di una gamba. Soltanto negli ultimi minuti, infatti, il presidente della Onlus ha rivelato agli studenti che il «disabile» che i loro insegnanti avevano annunciato, era la persona che li stava intrattenendo da oltre un’ora, suscitando enorme sorpresa e ammirazione nella giovane platea.

Positivo anche il riscontro degli insegnanti: “Il messaggio ricevuto è stato molto penetrante, nonostante la delicatezza con cui è stato condotto il discorso», ha detto Susanna Mazzarini, professoressa di italiano dell’Istituto Mastroianni. «I ragazzi della mia classe sono stati molto contenti di aver avuto quest’occasione perché la concretezza delle esperienze dirette è sempre migliore di tanti discorsi educativi astratti. Erano davvero commossi. E’ stato significativo anche il senso generale del non arrendersi mai di fronte a niente; ce n’è bisogno perché oggi le difficoltà familiari e relazionali in generale sono tante e varie”.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePROVA: YAMAHA MT-09, SENSAZIONI UNICHE
Articolo successivoMARC MARQUEZ: PERONE ROTTO CON DIRT TRACK
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”