Volkswagen davvero sfortunata nel Rally d’Argentina, molti gli imprevisti rallentano la corsa delle tre Polo R WRC. E’ stata una gara disastrosa, ma VW rimane in testa al Mondiale Costruttori…

Dopo sette vittorie e 20 podi consecutivi (considerando i Campionati 2014 e 2013), nessuna delle tre Polo R WRC è salita sul podio. La gara del Campione del Mondo in carica Ogier, si è subito complicata nel corso della seconda prova speciale; a causa di un problema di alimentazione, la sua Polo R WRC ha dapprima perso potenza e ha poi costretto il francese al ritiro.

WRC, Rally Argentina 2015, Latvala-Anttila
WRC, Rally Argentina 2015, Latvala-Anttila

Abbandonato le possibilità di vittoria, Ogier ha ripreso la gara come consentito dal regolamento e ha così potuto conquistare la vittoria nella Power Stage finale, ottenendo tre punti utili alla classifica. La seconda prova speciale ha visto anche Mikkelsen alle prese con un imprevisto: una foratura l’ha rallentato in modo consistente condizionandone la gara.

WRC, Rally Argentina 2015, Mikkelsen-Floene
WRC, Rally Argentina 2015, Mikkelsen-Floene

Il danneggiamento di una sospensione anteriore nella speciale successiva ha ulteriormente complicato la vita al norvegese. Deciso a conquistare un buon piazzamento nella Power Stage finale, Mikkelsen ha però dovuto desistere dopo che un urto contro una roccia l’ha costretto al ritiro definitivo a causa di una sospensione posteriore danneggiata. Al contrario dei compagni di squadra, il finlandese Latvala pareva non dover subire alcun imprevisto e, a due prove speciali dalla fine, era terzo in classifica con la possibilità di portare una Polo R WRC sul podio.

WRC, Rally Argentina 2015, Mikkelsen-Floene
WRC, Rally Argentina 2015, Mikkelsen-Floene

La sfortuna però ha colpito anche lui: nella penultima prova, noie all’alimentazione del carburante lo hanno costretto al ritiro. Nonostante un weekend da dimenticare,la Volkswagenrimane in testa alla classifica Costruttori con 103 punti, davanti a Citroën e Hyundai appaiate a 85. Anche Ogier ha mantenuto il primato nella classifica Piloti che guida con 84 punti, precedendo Østberg con 51 e Mikkelsen con 47

Articolo precedenteEURO RX: RAMONA KARLSSON NELL’EUROPEO…
Articolo successivoINTERVISTA: ALESSIO SALUCCI, VR46 ACADEMY
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”