Arriva la nuova Subaru Forester: design più fresco ed orientato anche all’utenza giovane ed al pubblico femminile, nuovi motori, dimensioni riviste, elettronica per il massimo controllo,  4 versioni e grande attenzione alla sicurezza…

Forester, un nome che certamente è la storia di Subaru, un modello arrivato nel cuore degli appassionati perché globalmente diverso dal “resto del branco” delle 4×4. La nuova Forester non vuole “raggiungere” solo i suoi clienti più fedeli ma, soprattutto, è stata concepita per un pubblico decisamente più giovane e fresco, attento e dinanico oltre che per l’utenza femminile, attenta fruitrice del comparto SUV. Tutto questo ha richiesto un lavoro molto approfondito, una nuova riconfigurazione del “concetto Forester”, perché trasmettesse ancor più massima facilità d’uso offrendo però un design decisamente più sportivo.

Cosa cambia sulla new Forester…

Già entrando in abitacolo si capisce quel “senso dello spazio” che si aggiunge ad un aspetto globale molto più muscoloso: lo dimostra anche la sua nuova taglia, con una maggiore larghezza (15 mm in più) ed una lunghezze aumentata di ben 35 mm. Questo garantisce un “approccio visivo” molto più incisivo, determinato che si fonde con le linee più accattivanti e sportive della Forester new model.

Quattro versioni? No, quattro gusti diversi…

E’ vero, non siamo in estate, ma il nuovo SUV by Subaru, offre quattro “varianti”, un po’ come gusti diversi per esigenze diverse… Comfort, Trend, Exclusive e la più sportiva Dynamic, ecco le 4 versioni in cui è fortemente racchiusa tutta l’esperienza Subaru se parliamo di trazione integrale raffinata per ogni tipologia di tracciato.

Le differenze tecniche tra le 4 versioni? Eccole: quella Comfort è la versioni di accesso al Forester World: trazione integrale Symmetrical AWD e VDC, 7 airbag, cerchi da 17”, sistema Start & Stop, clima automatico, fendinebbia, lavafari, impianto audio con 4 casse e collegamenti Bluetooth, presa USB e mancorrenti sul tetto. Trend offre invece il programma X Mode (con possibilità di scelta cambio Lineatrronic), gestione motore SI-Drive, cerchi in lega e, tra le altre cose, fari allo xeno, sedili con regolazione elettronica, clima bizona, audio con 6 casse e display da 4,3” con telecamera per retromarcia. Exclusive è dal nome la versione più di classe ed elegante: interni in pelle, pulsante di avviamento, vetri oscurati, tetto apribile e portellone con comando elettrico. Ed infine la Dynamic, one solution con motore turbo benzina e cambio Lineartronic di serie, SI Drive a 3 funzioni, cerchi da 18”, frontale più “incisivo” ed aggressivo ed impianto audio Harman/Kardon.

Tre motori, tre proposte per Forester… Grande bilanciamento globale

Tre le motorizzazioni per il SUV Subaru: un boxer a benzina da 2.0 cc aspirato, un 2.0 cc turbo ad iniezione diretta ed il turbodiesel, quest’ultimo migliorato con consumi che scendono del 5%. Due le tipologie di cambio manuale a sei marce, derivati dalla Legacy: questa novità si prospetta utile per il risparmio di carburante, anche in virtù della nuova rapportatura.

Due invece i cambi a variazione continua per la nuova Forester a cui si aggiungono il nuovo sistema di trazione integrale Symmetrical AWD, con ripartizione attiva della coppia motrice, che, oltre a “valutare” il differenziale di velocità tra le quattro ruote, è in grado di “comprendere” altri valori dinamici quali il diametro di sterzata, velocità ed accelerazione laterale per offrire al conducente la massima trazione in ogni condizione. X.Mode invece garantisce prestazioni ottimali sui fondi difficili o molto scivolosi, visto che questa nuova funzione – inseribili attraverso un pulsante collocato sulla plancia vettura – agisce sul controllo motore, impianto frenante ed altri componenti dinanici della vettura stessa.

Infine, SI-Drive consente la selezione dell’elettronica appropriata in funzione del proprio stile di guida: Intelligent, Sport e Sport#, quest’ultima per il massimo del potenziale che il motore può offrire e con “otto rapporti virtuali” selezionando ed utilizzando il cambio sequenziale. Subaru ha un occhio attentissimo alla sicurezza attiva e passiva: controllo di stabilità VDC, 7 airbag, meccanismo che ritrae il pedale del freno in caso di collisione frontale a fronte di evitare danni o lesioni alle caviglie del guidatore a cui si aggiunge, sul piantone dello sterzo, il meccanismo di collassamento al fine di prevenire che lo sterzo stesso non scorra pericolosamente verso il guidatore quando, in caso di scontro frontale, il motore transla all’indietro.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteDUCATI TEAM MOTO GP 2013: COUNTDOWN…
Articolo successivoMILANO-TARANTO: UNA NUOVA SFIDA ON LINE
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”