Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    Beta RX300 2T, la MX di Rignano sull’Arno

    Date:

    Condividi:

    La nuova Beta RX 300 2T fa parte della RideAbility che l’Azienda di Rignano sull’Arno offre a tutti i piloti. Spicca il motore “quadro” ma sempre gestibile

    Annunciato, atteso, nell’aria ma finalmente realtà. Il nuovo progetto Beta (in realtà la moto debuttò nella MXGP tre anni fa) arriva nel mondo del motocross e lo fa con una moto particolarmente interessante e decisamente “controcorrente”, pensando alla massiccia presenza ormai delle 4T su campi di gara.

    La nuova Beta RX 300 2T (già disponibile) fa quindi parte della RideAbility che l’Azienda di Rignano sull’Arno offre orgogliosamente ai piloti. Il tema, legato a questo nome composto, ha un significato lineare e vede il pilota al centro della Art of RideAbility.

    Quindi offrire una 2T potente ma gestibile, contemporanea e guidabilissima. Per la prima volta quindi, Beta approda nel motocross moderno anche se negli USA la RX 300 2T era stata già fotografata.

    Ed in effetti la sua destinazione primaria era proprio il mercato statunitense come agile cross country ed oggi Beta torna nel segmento cross dopo un lunghissimo periodo ampiamente dedicato al solo enduro.

    
performancemag.it-RX300-2T-023

    La RX 300 nel dettaglio tecnico: il motore

    La prima cosa che salta subito all’occhio (oltre alle tubazioni di raffreddamento blu), sono le misure quadre del propulsore 2T con 72×72 mm (293 cc) riferito ad alesaggio e corsa, intervento che punta su circa 5 Cv in più e 1,5 Nm di coppia a 7000 giri rispetto alla versione enduro che, al contrario, vanta misure Super Quadre.

    In virtù delle nuove quote, ecco che arrivano diversi diagrammi di distribuzione, un ratio di compressione più elevato (11,45:1) oltre al pistone bifascia dedicato e un carburatore Keihin PWK da 38 mm.

    L’albero motore è stato alleggerito (sempre rispetto alla versione enduro) al fine di ottenere una più incisiva accelerazione agli alti regimi; l’elemento rotante è stato inserito ed alloggiato in nuovi carter motore.

    La valvola allo scarico BPV vanta nuovo setting di apertura ma può essere come sempre regolata a piacimento dal pilota per mezzo del collaudato registro. Si aggiungono un diverso silenziatore più corto, la frizione con molle a tazza con regolazione del precarico su 3 posizioni.

    La ciclistica adeguata al Motocross

    Mono e forcella sono Kayaba, esattamente come sulla gamma enduro RR: ovviamente il setting è completamente diverso per il cross. La forcella da 48 mm vanta anche diversa geometria con corsa maggiore e steli più lunghi di 10 mm. Entrambe le sospensioni sono full regolation.

    Il telaio della RX 300 2T non ha subito interventi rispetto alle versioni 2T enduro, anche se la moto appare subito più alta a causa della più lunga escursione. Il telaietto posteriore invece, è in composito.

    Ruote da 21 e 19” gommate Michelin Starcross 6 mentre l’impianto frenante prevede marca Nissin e dischi da 260 e 240 mm e pinze flottanti. Altre caratteristiche del nuovo modello Cross sono il bottone accensione a destra e spegnimento a sinistra, un impianto elettrico “essenziale” con batteria al Litio.

    Previste due mappe motore con Asciutto e Bagnato, selezionabili per mezzo del bottone collocato alle spalle del cannotto di sterzo. Ed infine l’aggressiva design grafico con i colori Racing Beta ed il cavalletto a corredo.

     

    Andrea Di Marcantonio
    Andrea Di Marcantoniohttps://www.performancemag.it
    “Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi talenti con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo della Velocità. Siamo l'unica testata italiana a costruire progetti per i giovani a cui offriamo un team collaudato e tutta la mia esperienza sul campo. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”

    Articoli correlati

    PROGETTO MX HMR, caduta e vittoria

    Altra prova di forza per PROGETTO MX HMR e la nostra Eleonora Ambrosi nel secondo appuntamento del Campionato...

    Beta RR Racing 125 2024, spinta decisiva

    Ogni anno che passa, offre un salto di qualità per la gamma enduro Beta. Abbiamo provato la nuova...

    PROGETTO MX HMR, prima vittoria per Ele

    Doppietta nella prima del Campionato Regionale Lazio per PROGETTO MX HMR. Eleonora Ambrosi vince entrambe le gare. Ora...

    Iannone, podio australiano in WSBK con Nolan

    Debutto con podio in WorldSBK per Andrea Iannone che indossa il nuovo casco Nolan X-804 Utra Xseries. The...