Cingoli: su tutti Lombirici MX2, D’Angelo MX1 e Fontanesi al femminile

Il secondo appuntamento stagionale con il Campionato Italiano Motocross si è disputato al Tittoni di Cingoli con un grande spettacolo e tanto pubblico accorso per l’occasione. Nuovi protagonisti si sono imposti oggi dando un nuovo volto alla classifica provvisoria di campionato, tranne che per la Femminile dove la Fontanesi ha dominato in lungo e in largo.

Il Campionato Italiano Motocross è ritornato sul Circuito Internazionale di Cingoli con una giornata di sabato che ha fatto registrare un grande numero di iscritti, oltre 180. Le modifiche al tracciato hanno ricevuto il consenso unanime e gli uomini del sodalizio marchigiano hanno allestito il percorso al meglio. Il MC Fagioli, come sempre, risponde in maniera esemplare anche a questi appuntamenti tricolori. Il tempo è stato un po’ inclemente portando quell’atmosfera della pazza primavera che sta solcando il nostro paese. Sole, alternato a qualche goccia di pioggia, poi il vento che ha infastidito le due giornate passate al Tittoni.

Purtroppo, a parte i valori espressi in campo, è stata nuovamente protagonista e fondamentale per l’esito finale, la prova fonometrica che ha stravolto alcune classifiche. Tra queste la retrocessione più eclatante ha colpito ancora una volta Stefano Pezzuto (Suzuki-Rossi Racing) che si era guadagnato oggi, con molta fatica, il primo gradino del podio di giornata. Pezzuto è stato protagonista di una non bella partenza in gara 1 ma nella seconda, partito meglio, è andato a prendere il fuggitivo Lombrici. Onore al merito, comunque, a Roberto Lombrici (TM-Team RSR) che ha meritatamente vinto la prima manche, mentre nella seconda ha dovuto soccombere a Pezzuto per un indurimento alle braccia, giungendo alle sue spalle, ma bravo anche per essere stato protagonista del week end avendo guadagnato la pole durante la giornata di sabato. Entrambe i piloti, con un primo ed un secondo posto a testa avrebbero incamerato lo stesso punteggio. In questa MX2 giunge a sorpresa la vetta della classifica provvisoria di Davide De Bortoli (Honda-Team Massignani) che con il terzo posto di giornata ora comanda su tutti. Per De Bortoli una prima manche iniziata con una pessima partenza mentre nella seconda il via è stato più ottimale tanto da fargli guadagnare la seconda piazza.

Per quanto riguarda la MX1 ancora un mattatore diverso rispetto alla prima tappa. Ha vinto Alessandro D’Angelo (Kawasaki-SDM Racing), protagonista anch’egli della pole di sabato e incontenibile nella prima manche, nella seconda ha dovuto soccombere a Compagnone sul finire di gara, ma questo non gli ha impedito di aggiudicarsi l’assoluta. D’Angelo balza così in un sol colpo al secondo posto della provvisoria di campionato che è guidata, a sorpresa, da Alessandro Pagliacci (Honda-Plasgomma) che ha chiuso prima quarto poi terzo. Secondo posto di giornata per il francese Cristophe Martin che comunque non prende punti in campionato e terzo per Felice Compagnone (Honda-Pardi Racing) che ha si vinto gara 2, ma nella prima si è complicato la vita con un 19° posto causato da una partenza in ultima posizione ed una caduta. La Femminile è come sempre a senso unico con Chiara Fontanesi (Yamaha-Fonta Racing) protagonista indiscussa.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteTony Cairoli allunga su Desalle in Bulgaria
Articolo successivoDal mondo Harley Davidson tanti accessori…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”