Cairoli è terzo al GP di Bulgaria ed è saldamente al comando in classifica

Tony Cairoli sulla pista bulgara di Svelievo conquista il terzo posto e rimane saldamente in testa al mondiale con 9 punti di vantaggio su Paulin. Su di un tracciato che non gli ha mai portato fortuna e su di un terreno duro che non ama particolarmente, Tony, ha così ottenuto un podio che vale tanto in termini di classifica. Rimane saldamente al comando e ora lo attende la gara di Fermo il 29 aprile.

Nella prima manche dopo essere scattato secondo dietro Pourcel ha subito l’attacco di Paulin e Desalle. Sul finire della gara ha ripreso i rivali, ma non è riuscito nell’intento di passarli. Scattato terzo nella gara di chiusura, dopo essere stato passato da De Dycker ha prontamente risposto al sorpasso, mentre Desalle scivolava alle sue spalle, mantenendo la posizione fino al traguardo.

Tony Cairoli: ”Sono contento del terzo posto e dei punti conquistati che mi permettono mi allungare su Desalle nel mondiale e avere nove punti di margine di Paulin. Nella prima manche si poteva fare qualcosa in più se avessi attaccato un poco prima, ma va bene così. Poi nella seconda ho conquistato il terzo posto e il podio finale. Ora mi aspetta il Gp d’Italia a Fermo e sono felice di arrivarci con la tabella rossa di leader.”

GP BULGARIA, risultati:

1.manche: 1. Pourcel (Kawasaki) 20 giri in 39’09”159; 2. Paulin (Kawasaki) a 5”667; 3. Desalle (Suzuki) a 7”718; 4. Cairoli (Ktm) a 8”467; 5. Philippaerts (Yamaha) a 20”631

2. manche: 1. Paulin (Kawasaki) 39’17”879; 2. Pourcel (Kawasaki) a 2”427; 3.Cairoli (Ktm) a 23”189; 4. De Dycker (Ktm) a 26”379; 5. Bobryshev (Honda) a 29”251

GP classifica: 1. Paulin 47; 2. Pourcel 47; 3. Cairoli 38; 4. De Dycker 32; 5. Bobryshev 29

Campionato: 1. Cairoli 88; 2. Paulin 79; 3. Desalle 67; 4. De Dycker 63; 5. Pourcel 59

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteAssen, pista difficile per Aprilia Racing Team
Articolo successivoItaliano MX: grande spettacolo a Cingoli
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”