Daniele Molmenti in visita alla Ducati, e se va con una Multistrada 1200…

L’olimpionico canoista Daniele Molmenti, vincitore della medaglia d’oro nel K1 Slalom ai recenti giochi olimpici di Londra, ha visitato la Ducati.

Molmenti, accolto con grande entusiasmo a Borgo Panigale, ha voluto visitare sia lo stabilimento che il noto Museo Ducati. Amore e passione legano Daniele alla “rossa” e questo non è mai stati un segreto, come testimoniano le sue dichiarazioni dopo la vittoria olimpica e il colore rosso del suo kayak, dedicato proprio alla Ducati.

La sua è stata la visita di un appassionato doc, al punto tale di ripartire da Bologna in sella ad una Multistrada 1200, ovviamente rossa… L’atleta appartenente al Gruppo Sportivo della Guardia Forestale, attualmente senza moto, ha chiesto di poter provare alcuni modelli della nuova gamma Ducati.

 

Dopo qualche settimana in sella alla Multistrada 1200, Molmenti salirà in sella alla nuova Hyperstrada, per poi decidere quale moto acquistare. Molmenti vuole assolutamente tornare…in moto, dato che in passato si è visto costretto a vendere il suo fedelissimo Monster per potersi pagare gli allenamenti che lo hanno portato, comunque, a vincere la medaglia d’oro alle ultime olimpiadi.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePROVA: MOTO GUZZI CALIFORNIA 1400
Articolo successivoDARIO MARCHETTI VINCE A BINETTO…IN COPPIA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”