Tutto il Team HRC sul percorso della prossima 39esima edizione del Rally Dakar comunicato stamattina. La gara si svolgerà tra Sud America e Paraguay, Bolivia e Argentina…

Gli organizzatori della hanno delineato le tre capitali internazionali di Paraguay, Bolivia e Argentina dove andrà in scena la partenza, il giorno di riposo e la fine della corsa, mentre il Team HRC sarà presente con una squadra rinnovata che sarà annunciata a breve.

DAKAR 2017, L'Odissea continua...
DAKAR 2017, L’Odissea continua…

Quindi il Paraguay si aggiunge alla lunga lista delle nazioni che hanno messo in scena la storica gara. La capitale del Paraguay, Asuncion, ospiterà la partenza della gara mentre fuori dalla regione Guarani il 2 gennaio, la gara entrerà in una zona sconosciuta alla maggior parte dei piloti. Un’altra delle date chiave è stata svelata  – l’8 gennaio – dove tutto il circus della Dakar godrà del meritato giorno di riposo a metà strada, nella capitale boliviana La Paz. Il rally si svolgerà quasi interamente in Argentina, dove la corsa si concluderà il 14 gennaio a Buenos Aires.

Un passaggio di Brabec nella precedente edizione
Un passaggio di Brabec nella precedente edizione

L’evento off-road dell’anno si snoderà su più di 9000 km con il team HRC sempre più determinato a vincere questa volta. Così i piloti dovranno percorrere una moltitudine di tipi di terreno: attraversando le tracce della giungla del Paraguay, la navigazione attraverso le saline boliviane, salendo a oltre 4000 metri e mangiare sulle dune di sabbia nel contest argentino. Tutto questo in una manifestazione che comprenderà due fasi maratona e prove speciali lunghe.

Il logo della Dakar 2017
Il logo della Dakar 2017

Martino Bianchi, Team HRC General Manager: La Dakar 2017 ha il sapore di essere un’edizione interessante. Ci saranno diversi nuovi ingredienti innovativi: come la partenza della gara da Asuncion in Paraguay, alcune nuove tappe nella regione settentrionale di Argentina e Bolivia in cinque tappe… Il giorno di riposo a La Paz, la capitale boliviana è un’altra novità.

Martino Bianchi HRC
Martino Bianchi HRC

– segue – Ma per saperne di più dovremo tutti aspettare fino a quando l’intero percorso si rivelerà nel mese di novembre. L’aspetto logistico sarà importante, dato che le gare parte da Asuncion, mentre tutti i veicoli arriveranno nel porto di Buenos Aires. Per il momento sono stati dati svelati solo alcuni dettagli. Credo che ci saranno più di sorprese in serbo per la 39esima edizione della gara più affascinante del mondo”.

Quindi c’è grande fermento per questa nuova edizione della mitica Dakar anche se ancora molto c’è da svelare circa la logisitica di gara. Honda certamente partirà per vincere dopo la delusione della passata edizione, ecco perchè HRC svelerà presto i nomi della nuova squadra dove certamente si aggiungeranno elementi e piloti molto validi, fermo restando che anche il lavoro sulla moto della prossima edizione va avanti a ritmi molto sostenuti e questo per non farsi trovare impreparati da una sempre agguerrita KTM…

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteUNDER 23: SILVESTRO SILVI, 4° NELLA E1 CADETTI 2T
Articolo successivoMOTO GP: RIFLESSIONI SUL PODIO DI JEREZ…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”