Shuhei Nakamoto, Vice Presidente Esecutivo di HRC, prende la parola ed analizza i fatti della Malesia. Marc è caduto per un contatto sulla leva del freno anteriore…

Botte e risposte si susseguono e la scia del “dopo Malesia” sembra stia “inquinando” sempre quest’ultima fase del Motomondiale. Rossi chiede un ricorso, Honda invece, passa all’attacco e parla di dati della telemetria che parlano chiaro; secondo Shuhei Nakamoto, Vice Presidente Esecutivo di HRC, dai dati acquisiti sembra che Marquez sia caduto solo dopo una pressione improvvisa sulla leva del freno anteriore provocata, afferma Nakamoto, proprio da un “gesto improvviso” di Valentino Rossi.

Shunei Nakano HRC
Shunei Nakamoto HRC

Insomma questo mondiale dai contorni incerti occupa mediaticamente testa, cuore e paddock della MotoGP e sembra ed è una storia infinita che certo non si spegnerà a Valencia. Avevo proposto una stretta di mano tra i due – magari vederla in conferenza stampa – ma credo non ci siano i presupposti minimi per, almeno, una riconciliazione tra Marquez e Rossi. E Valencia si avvicina…

Parla Shuhei Nakamoto/HRC:  i tre punti del conflitto a fuoco Rossi/Marquez

“Prima di tutto, vorremmo precisare che riteniamo sia molto importante parlare sui fatti, non sulle ipotesi – spiega Shuhei Nakamoto, Vice Presidente Esecutivo di HRC . E’ un fatto e vi è una sola interpretazione. Le ipotesi possono essere tradotte in diversi modi, a seconda di quale parte stai.

MotoGP Marc Marquez arriva a Valencia per vincere
MotoGP Marc Marquez arriva a Valencia per vincere

Per il bene del nostro sport, vorremmo prendere in considerazione solo i fatti che si sono verificati e questi sono chiaramente quanto segue: Punto 1, Marc Marquez ha vinto il Gran Premio d’Australia, superando Jorge Lorenzo all’ultimo giro, e quindi togliendogli 5 punti in campionato. Punto 2, giovedi prima del GP della Malesia nella conferenza stampa pre-evento, Valentino Rossi ha accusato Marc di correre contro di lui a Phillip Island per aiutare Jorge Lorenzo, Punto 3, Nel GP della Malesia, Rossi ha intenzionalmente spinto Marc fuori dalla traiettoria cosa che poi lo ha fatto cadere. La Direzione Gara ha dato a  Rossi un calcio di rigore per questa azione, confermata poi dalla FIM”.

È un dato di fatto, gli argomenti di cui sopra sono gli unici fatti che tutti possiamo considerare e commentare, qualsiasi altra discussione sarebbe basata solo su ipotesi. Parlare di ipotesi non farebbe che aumentare il clima negativo che stiamo affrontando in questo momento, ma non cambierà la realtà di quello che è successo. “

Marc Marquez protetto da HRC cercherà di portare la sua Honda sul podio spagnolo
Marc Marquez protetto da HRC cercherà di portare la sua Honda sul podio spagnolo

Qual è la sua opinione in merito alla situazione attuale dopo il GP della Malesia?

“Noi, come HRC proviamo molto rammarico per ciò che si è stato creato in questa situazione. Prima di tutto, vorremmo sottolineare che Marc è stato oggetto di un’accusa senza prove, dopo la gara di Phillip Island. Chiaramente ci sono motivi per sostenere che voleva aiutare qualsiasi pilota in lotta per il campionato, considerando che ha spinto per vincere la gara e lo ha fatto. Dopo aver esaminato ulteriormente le immagini, si può chiaramente vedere Valentino e Marc che stringono la mano dopo la bandiera a scacchi in Australia, riconoscendo così davanti a tutti che è stata una grande e giusta battaglia”.

Crede che la battaglia nel GP della Malesia tra Marc e Valentino sia il risultato dell’accusa fatta da Valentino?

“Onestamente non credo… Marc spinge sempre al massimo per ottenere il miglior risultato possibile. Ha avuto sempre grandi battaglie nella sua carriera e con molti piloti, e mai nessuno si è lamentato di questo. In Malesia, sappiamo che Marc stava lottando all’inizio della gara con il serbatoio pieno, come è accaduto più volte in questa stagione. Anche a Sepang ha fatto un errore all’inizio della gara e questo ha permesso a Jorge di passarlo. Poi Valentino è arrivato ed hanno iniziato a lottare per il terzo posto. Il modo era estremo, ma sicuro, da entrambi i piloti. Loro sono due dei più grandi campioni che abbiamo visto combattere insieme in pista”.

MotoGP, Valentino Rossi ha fatto ricorso per la gara malese
MotoGP, Valentino Rossi ha fatto ricorso per la gara malese

E ‘possibile che Marc ha rallentato Valentino in quei giri?

“I tempi sul giro che stavano facendo erano abbastanza veloci, mostrando chiaramente che non vi era alcuna intenzione di Marc di rallentare Valentino. Inoltre, dopo Marc è caduto e Valentino aveva una pista libera difronte a lui, i suoi tempi sul giro non erano più veloce rispetto a quelli nella battaglia con Marc. Crediamo che entrambi stavano spingendo al massimo. Entrambi volevano il terzo posto per cercare di recuperare il ritardo con Dani e Jorge, ma naturalmente questa battaglia ha aperto un gap… Queste sono le corse e quando si hanno due talenti come Marc e Valentino si può assistere ad una splendida battaglia, come abbiamo visto”

Credi di Valentino ha dato il moto di Marc?

“E ‘chiaro che Valentino ha intenzionalmente spinto Marc verso l’esterno della pista, che è fuori dalle regole, quindi Marc non ha avuto altra scelta se non andare largo. I dati della moto di Marc dimostrano che anche se lui stava rialzando la moto cercando di evitare il contatto con Valentino, la sua leva del freno anteriore improvvisamente ha ricevuto un impatto che ha bloccato l’anteriore, ed è questo il motivo della sua caduta. Noi crediamo che questa pressione sia il risultato del calcio di Rossi. L’acquisizione dei dati della moto di Marc è disponibile se qualcuno dalla Dorna, FIM o il supporto tecnico la vogliano controllare”.

Marc Marquez è ritenuto sincero ed attendibile per la gara malese
Marc Marquez è ritenuto sincero ed attendibile per la gara malese

Credete che Marc sta dicendo la verità quando dice che non stava cercando di rallentare Valentino a Sepang?

“Lo so bene Marc. Lui è un bravo ragazzo, con valori forti e onesti. Marc stava solo cercando di difendere la sua posizione, come qualsiasi pilota avrebbe fatto, e noi gli crediamo al 100%.”

Qual è la vostra posizione su come Direzione Gara ha agito?

“Rispettiamo la decisione di Direzione Gara e non vogliamo giudicare se la pena somministrata fosse giusta o sbagliata. Tuttavia, crediamo vi erano prove sufficienti per consentire loro di prendere una decisione durante la gara, e non attendere fino alla fine.”

Valentino Rossi ha innescato una serie di commenti in rete sui fatti del GP della Malesia
Valentino Rossi ha innescato una serie di commenti in rete sui fatti del GP della Malesia

Cosa ne pensa dell’appello di Valentino al CAS (Corte Arbitrale dello Sport) contro la Direzione Gara e la decisione della FIM?

“Questo è nei suoi diritti. Rispetteremo la decisione CAS.”

La gente dice che è ingiusto che Marc abbia combattuto con Valentino, Marc non è in lotta per il campionato, mentre Valentino si…

“Queste sono le corse! Non ci sono stati commenti o preoccupazioni dopo che Dani ha combattuto con Valentino ad Aragon e lo ha battuto, e anche a Phillip Island con Iannone – nessuno ha accusato Andrea di cercare di aiutare un concorrente più dell’altro. E’ stata una stagione difficile e a Sepang Marc ha semplicemente voluto prendere il miglior risultato possibile per lui e per la sua squadra, non è nella sua natura accontentarsi del quarto posto quando c’è la possibilità di lottare per il terzo. Dovremmo anche guardare indietro a Motegi 2010, quando Valentino era fuori corsa per il titolo, ma aveva intrapreso una grande battaglia con il compagno di squadra Jorge. Dopo la gara, Jorge si lamentò con Valentino  di essere troppo aggressivo mentre era fuori dal campionato, Valentino ha commentò: “Ho detto a Yamaha, cosa vi aspettate da me, di arrivare alle spalle? Se io capisco questo tornerò a casa”. “Siamo totalmente d’accordo con l’approccio di Valentino e sempre sosteniamo i nostri piloti per ottenere i migliori risultati possibili.”

Valentino Rossi inchiodato dalla telemetria della Honda di Marquez?
Valentino Rossi inchiodato dalla telemetria della Honda di Marquez?

Qual è la sua opinione di Valentino in questo momento?

“Valentino è il più grande campione del nostro sport. Crediamo che abbia fatto un ottimo lavoro quest’anno, e se vince il Campionato lo merita veramente, perchè è stato costante e molto veloce per tutto l’anno. Il fatto che lui ha 36 anni aumenta il rispetto per un grande campione. Detto questo, non capiamo l’accusa relativa alla gara di Phillip Island e la sua manovra a Sepang. Speriamo che Valentino penserà più e capire il suo errore “.

Qual è l’obiettivo per Valencia?

“Come sempre, il nostro obiettivo è quello di vincere! La nostra speranza è che Marc e Dani possano lottare per la vittoria. Se riescono a finire primo e secondo – non importa per quale ordine – allora saremo molto felici. Prima di tutto, perché vogliamo finire questa stagione con la quarta vittoria di fila, secondo perché se entrambi saranno davanti a Jorge e Valentino, il loro risultato non avrà alcuna influenza nella lotta per il titolo e – infine – speriamo che tutti capiranno che piloti Honda corrono per la vittoria e la competizione pura, nient’altro!”.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSPIDI: LA NUOVA GIACCA VENTAMAX
Articolo successivoPROVA: PORSCHE 911 CARRERA 4 GTS
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”