Mai più problemi nel single track, nel sottobosco ed in tutte le condizioni di scarsa visibilità. Ecco il nuovo proiettore LED per i modelli TE ed FE

Quante volte vi siete trovati a guidare in condizioni di scarsa visibilità se parliamo di enduro? La soluzione, almeno per i modelli offroad enduro Husqvarna TE ed FE, è questo nuovo proiettore LED, progettato specificamente per la guida in condizioni.

È capace di offrire prestazioni illuminanti di livello nettamente superiore e si inserisce nella mascherina porta faro originale su tutti i modelli TE o FE Husqvarna Motorcycles, la “svolta tecnica” è quindi un fascio sensibilmente più potente.

performancemag.it-husqvarna.luceLED2020

Una potente luce da 5500 Kelvin e 1500 Lumen

Disponibile nel catalogo Accessori di Husqvarna Motorcycles, si installa facilmente e offre prestazioni illuminanti migliorate grazie al suo fascio da 1.500 Lumen con temperatura di colore di 5.500 Kelvin; in questo modo, le avventure off-road anche impegnative non saranno più limitate alle ore diurne.

performancemag.it-husqvarna.luceLED2020

Dopo aver superato rigorosi test di sviluppo, il faro LED di Husqvarna Motorcycles è attualmente impiegato dal team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing nel campionato mondiale WESS Enduro, una netta conferma della sua eccezionale robustezza anche nelle condizioni più estreme. Facile da azionare durante la guida, si accende e spegne direttamente dal pulsante degli abbaglianti. È già disponibile presso tutti i rivenditori autorizzati Husqvarna Motorcycles.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteLA GRANDE RIMONTA DI MARCO#123
Articolo successivoRENAULT ZOE VS LITTLEBOARD, LA PROVA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”