Arriva il primo scooter elettrico prodotto dal binomio Seat-Silence: ecco il Seat MO eScooter 125, 137 km di autonomia e linee avvolgenti

La novità Seat sarò prodotta in collaborazione con l’Azienda spagnola Silence, capace di interessantissime performance, ovvero 95 km/h ma, soprattutto, fino a 137 km di autonomia.

performancemag.it2020-scooter e SEAT MO Silence

Questo nuovo scooter elettrico è quindi un “prodotto” di collaborazione fattiva se parliamo della mobilità alternativa: Silence, Azienda specializzata nella produzione di scooter e moto elettriche, ha spostato avanti l’asticella sul tema, proponendo con Seat un veicolo che si sposterà agilmente nelle grandi città.

UNO SCOOTER CON TUTTE LE CARTE IN REGOLA PER CREARE CURIOSITA’. mOLTO AMPIA LA SUA AUTONOMIA FINO A 137 KM ED UNA VELOCITA’ MASSIMA DI 95 KM/H

Seat MO lo ricordiamo, è la nuova business unit di Seat che propone una grande attenzione all’ambiente. Sarà disponibile a partire dal primo trimestre 2021 presso le concessionarie italiane.

performancemag.it2020-scooter e SEAT MO Silence

È spinto da un propulsore elettrico da 7 kW con potenza massima di 9 kW e può raggiungere ben 95 km/h anche se il dato più interessante è l’accelerazione 0/50 km/h, dato che viene raggiunto in 3,9”.

Tre i Mode di guida per Seat MO: ECO, City e Sport mentre la connettività è assicurata dalla perfetta integrazione della vita quotidiana. Tre le colorazioni previste con Rosso Fuoco, Grigio Alluminio e Bianco Ossigeno.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteLAMBORGHINI SC 20, LA OPEN TOP
Articolo successivoLA CUPRA ABT XE1
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”